Recensione Ghost Recon 2

Luca GambinoDi Luca Gambino (30 novembre 2004)
Dopo aver approfonditamente parlato di Ghost Recon 2 in sede di preview, siamo finalmente pronti per esprimere i nostri giudizi definitivi sulla versione finale del gioco, appena uscito in tutti i negozi italiani. Come già accennato anche nella nostra anteprima, il secondo capitolo del tactical shooter parallelo al Team Rainbow sposta il centro dell'azione nella Corea del Nord, dove il Generale Jung (già co-protagonista della versione PS2), ha di fatto preso il comando di una nazione profondamente segnata dalle ingenti spese militari sostenute dallo stesso generale, che hanno portato la popolazione sull'orlo della carestia. Il pericolo arriva quando Jung comincia a muovere il potenziale nucleare della nazione, con l'intento non dichiarato di usarlo contro le nazioni vicine, prima tra tutte la Cina (già nel mirino anche nella versione Sony). A questo punto entreremo in gioco noi, al comando del team dei Ghost Recon, pronti a sovvertire questo pericoloso stato di cose.
Ghost Recon 2 - Immagine 7
Ecco la mappatura del pad xbox.
Ghost Recon 2 - Immagine 8
Ad inizio missione avremo la possibilità di scegliere il set di armi e gadgets.
Ghost Recon 2 - Immagine 9
La mappa tattica, sempre utile per capire la nostra posizione e quella dei bersagli principali.
Ghost Recon 2 riprende, senza stravolgerlo, il gameplay introdotto dalla versione Xbox di Rainbow Six 3, alternando missioni in cui dovremo comandare al meglio un team di 3 elementi (mossi da una IA a tratti altalenante), ad altre dove saremo invece noi gli unici protagonisti dell'azione. La nostra morte segnerà il termine della missione stessa, al contrario di quanto accadrà per la prematura fine dei nostri uomini, evidentemente meno importanti per il fine ultimo delle operazioni. La perfetta mappatura del Joypad Xbox ci permetterà di muoverci agevolmente all'interno degli ambienti di gioco, dandoci la possibilità di affrontare nel migliore dei modi i numerosi scontri a fuoco previsti e di comandare al contempo il nostro team. Attraverso semplici comandi impartiti tramite il pad o, meglio ancora, attraverso l'headphone set di xbox live, potremo in qualsiasi momento dispiegare al meglio i compagni d'avventura e impartire loro le giuste direttive di attacco o di difesa delle postazioni strategiche. Ancora una volta, purtroppo, i comandi vocali sono stati predisposti per la sola lingua inglese, ed è capitato più di una volta che, malgrado il nostro perfetto accento del Nord Carolina, i nostri uomini abbiano bellamente ignorato i nostri ordini. Niente di particolarmente irritante, sia intesi, ma sarebbe anche ora, soprattutto dopo le pacate proteste susseguite a Rainbow Six 3, che questa affascinante e coinvolgente feature godesse di maggiori attenzioni tecniche e che venisse, soprattutto, resa maggiormente fruibile ai giocatori italiani. Tanto più che in GR2, oltre ai comandi al team, sono stati inseriti anche i normali comandi di gioco che dovrebbe permettere in modo semplice e soprattutto veloce di consultare la preziosa mappa di gioco, switchare le armi, ricaricarle e impostare o meno la visuale notturna.

Come dicevamo poc'anzi, gli shooter tattici di casa Ubisoft, almeno su console, sembra abbiano perso quell'alone di esasperato tatticisimo che avevano caratterizzato le controparti PC, in favore di una maggiore quantità di scontri a fuoco, pur rimanendo prudentemente a distanza dalla nomea più dispregiativa di “sparatutto”. La maggiore quantità degli scontri, infatti, non sottintende una minore qualità degli stessi, che richiederanno la stessa prudenza e la stessa pianificazione da sempre utilizzata negli shooter tattici. Provate infatti ad affrontare uno scontro a fuoco impostando i vostri movimenti come in un qualsiasi altro third person, e vi ritoverete a sparare al nulla, data l'assoluta precisione con il cui il vostro reticolo di tiro aumenterà o diminuirà la vostra precisione in base ai movimenti del personaggio. Malgrado tutto ciò, nemmeno questo rinnovato Ghost Recon si discosta dalla logica adottata da Ubisoft in tutti gli episodi di GR e Rainbow Six, utilizzando per l'ennesima volta i fastidiosi “trigger” che attiveranno, al passaggio del nostro personaggio in un determinato punto, una determinata reazione degli avversari. Così, dopo un tentativo andato male, sapremo che oltrepassando un determinato punto dello scenario, dall'angolo destro ci verranno incontro due avversari e che eliminati quelli e percorsi altri 10 metri, dovremo fare fuori il cecchino appostato sul campanile. E così via, in un “Try & Error” che meriterebbe dopo anni di onorato servizio, di essere messo meritatamente in pensione. Fortuna vuole che, come detto qualche riga sopra, che la qualità dello scontro a fuoco sia decisamente buona, con avversari mossa da una IA più che dignitosa e dotati, finalmente di una potenza di fuoco quantomeno paritaria alla nostra. Ottima anche la varietà delle missioni che ci porteranno ad assaltare convogli nemici, così come a difendere strenuamente postazioni strategiche e confini geografici, potendo contare anche sull'utilizzo di postazioni di fuoco fisse che ci permetteranno di risparmiare le preziose munizioni delle nostre armi che, per la prima volta nella serie, potremo ricaricare allorché troveremo sul nostro cammino delle particolari casse con gli approvvigionamenti. Basterà avvicinarsi, premere il tasto azione, e il gioco sarà fatto.

Ma far parte del team Ghost, come ben sappiamo, significa anche entrare in possesso di tutti gli ultimi ritrovati dell'ingegneria bellica in fatto di armi e gadgets tecnologici che tendono a facilitare la vita dei nostri soldati e, soprattutto, tendono ad allungarne l'esistenza. Così, ad aggiungersi ai classici radar atti a rilevare i nemici e i visori ad infrarossi (il cui effetto grafico è stato completamente ridisegnato), adesso i nostri soldati potranno disporre anche di una telecamere montata direttamente sull'arma, che ci darà modo di puntare gli avversari stando prudentemente dietro un muro o riparati dietro un albero o un masso. Grazie alla particolare visuale offerta dalla telecamera, potremo individuare i bersagli e fare fuoco senza scoprirci troppo al fuoco avverso. Comodo, sicuramente, ma non del tutto senza pericoli, perché sarete sempre, di fatto, individuabili dai vostri nemici.
Ghost Recon 2 - Immagine 1
L'apertura delle ostilità. Siamo stati trasportati al punto d'inserzione e ci accingiamo ad invadere il nostro primo obbiettivo.
Ghost Recon 2 - Immagine 3
L'ottima realizzazione della vegetazione ci permette di agire indisturbati.
Ghost Recon 2 - Immagine 4
Grazie alla telecamera montata sulle armi potremo eliminare nemici e mezzi senza esporci troppo al fuoco nemico.
12
0 commenti

Ghost Recon 2

Disponibile per: Xbox , PS2, GameCube, PC
Ghost Recon 2 Xbox Cover
Empire
Chambers
Chambers

La teoria cellulare alla base della nuova serie horror Netflix

L'alienista
L'alienista

I Mindhunter nella New York di fine Ottocento

Catch 22
Catch 22

George Clooney ci mostra il paradosso della guerra

The Society
The Society

Un pò Lost, un pò The Dome e un pò tanto Il Signore delle Mosche. Ecco a voi The Society

Empire
Team Sonic Racing

1

Team Sonic Racing

Sonic torna a sfrecciare sui kart!

A Plague Tale: Innocence

1

A Plague Tale: Innocence

Il viaggio della speranza di Amicia e Hugo

Licenza di giocare...da tavolo!

2

Licenza di giocare...da tavolo!

Scopriamo le licenze che sono "esplose" anche nel mondo Tabletop!

RAGE 2

19

RAGE 2

L'open world di cui non sentivamo il bisogno

Dreams

2

Dreams

L'ambizioso progetto che prova ad essere il collegamento tra un desiderio e la sua concretizzazione.