Recensione Get Fit With Mel B.

Mente sana in corpo sano. O no?
Alessandro Cossu Di Alessandro Cossu(31 gennaio 2011)
“Get Fit con Mel B” è un titolo incentrato sul concetto di “fitness”, dove per "gioco" si deve intendere qualcosa che si avvicina molto al concetto già espresso più volte in prodotti per la consolle Nintendo Wii, ma - lo diciamo subito,senza averne il potenziale. Più vicino al nocciolo della questione, la definizione per questo titolo sarebbe quella di un video interattivo di fitness, con una celebrità o presunta tale. In effetti, di ludico non c'e' nulla, se non il mero divertimento di copiare le movenze di un alter ego digitale, scandito dal sistema Kinect. Allo stesso modo, la presentazione complessiva è passabile, ma niente di più: è economico e allegro, ma non proprio coinvolgente (non come una sessione di Wii, quanto meno).
Get Fit With Mel B. - Immagine 1
Get Fit With Mel B. - Immagine 2
Get Fit With Mel B. - Immagine 3
Si inizia inserendo il proprio sesso, la data di nascita, altezza e lo stile alimentare. E' anche possibile scegliere il tipo di esercizio che si intende seguire, con una ampia scelta di obiettivi (mutuati dal collaudato sistema Wii Fit) primari e secondari, che vanno da quelli più prevedibili (perdere peso)a quelli più specifici (in forma come un golfista oppure,ottenere "le braccia come Mel B "). L'intero impianto di selezione, tanto dei menù quanto delle attività, sono stati realizzati con il metodo del “point-and-hold” (punta e clicca, per intenderci), onnipresente ed abusato tra i titoli Kinect. La resa grafica è molto colorata, con bottoni grandi e menù facili da usare, ma nel complesso il tutto risulta decisamente lento e dallo scarso appeal. Una volta che il nostro bel profilo giocatore è stato creato e impostato, il titolo genera un allenamento personalizzato ogni giorno: una routine di esercizi compilati dal teacher del gioco, presi da un set di ben 200, che variano dalla danza alle mosse di combattimento stile air combat, passando per sedute, piroette, e saltelli.

L'allenamento generato automaticamente ogni giorno può essere modificato - è possibile variare i propri obiettivi e la durata della sessione - oppure si può ignorare del tutto la routine quotidiana e impostare da soli un allenamento da zero,a proprio piacimento. Al termine di ogni sessione di allenamento, verrà chiesto all'utente se lo si è trovato troppo facile o troppo difficile, e lasciare quindi che la IA (per così chiamarla) del gioco regoli la difficoltà degli esercizi selezionati per nostro conto. E' stata implementata anche una funzione che permette di utilizzare i propri attrezzi per il fitness in relazione agli esercizi proposti, ma riteniamo che questa opzione sarà rapidamente scartata dall'utente finale.

Fatto tutto quanto descritto sopra, ecco finalmente (finalmente?) apparire Mel B, ex Spice Girl nonché attuale star (star?) in diversi reality americani; la vedremo sorridere di un sorriso meccanico, sul nostro fido schermo, per spiegarci in una sorta di step-by-step gli esercizi che ci accingiamo ad affrontare. L'immagine catturata (la nostra) dal sistema Kinect viene riprodotta su di una stuoia digitale accanto a Mel, per copiarne o seguirne i movimenti; le locations di sfondo, per così definirle, sono piuttosto variegate ma pressochè irrilevanti: yacht di lusso, appartamenti, Central Park, e diversi altri. Un indicatore che si riempe (o si svuota) ci aggiornerà in tempo reale su come stiamo eseguendo gli ordini impartiti da Mel, mentre un'altra icona ci informerà dell'andamento generale dell'esercizio.
Get Fit With Mel B. - Immagine 4
Get Fit With Mel B. - Immagine 5
Get Fit With Mel B. - Immagine 6
Il tracking sembra basarsi esclusivamente sulla nostra silhouette, piuttosto che sul (più avanzato) sistema di tracking scheletrico integrato nel Kinect e, a onore del vero, questa cosa non ci è parsa del tutto convincente e/o precisa: in effetti, in un paio di situazioni abbiamo esagerato volutamente un errore di movimento, ma il sistema non l'ha minimamente notato. Naturalmente, non si deve fare di tutta l'erba un fascio ed il sistema non è poi così semplice da ingannare. In effetti, quando si commettono troppi errori, siano essi insiti nelle movenze o nella tempistica, sarà la stessa Mel a domandarci se è il caso di smettere... tuttavia, se si avrà la pazienza di non tirarle un telecomando fra i denti digitali, allora di sudore ne scorrerà parecchio e, alla lunga,qualche lievissimo beneficio sul fisico lo si avrà.

Questo gioco ci dimostra come essere una celebrità o presunta tale non basta a far di se stessi un bravo istruttore: Mel B con la sua onnipresente voce fuori campo, offre, spesso, solo indicazioni vaghe e incoraggiamento che definiremmo generico (leggi : "Yeah!"). È possibile sospendere l'allenamento per inserire una modalità tutorial che è non definiremmo propriamente utile e che comunque manca di senso pratico. Parlando di opzioni più o meno utili, è doveroso citare che, se non si vuol vedere se stessi sullo schermo, è possibile sostituire la propria immagine con una sorta di sagoma di cartone.

Al termine di un allenamento, gli indicatori a video ci mostreranno la nostra percentuale di completamento, il numero di calorie bruciate, e il numero di “stelle fitness” da aggiungere al nostro punteggio cumulativo. Quest'ultimo valore, assieme alla medaglia per il completamento degli allenamenti nelle loro varie incarnazioni, è il nostro stimolo - e siamo benevoli a chiamarlo così, a perseverare. Non c'è nulla di competitivo nel prodotto, non ci sono minigiochi o minisfide, ne tantomeno modalità gara: la tenzone è fra noi, Mel, e gli allenamenti.

Se vi stavate chiedendo se i programmatori avessero inserito anche qualcosa riguardo alle esigenze alimentari e una sorta di regime calorico da seguire,la risposta è si:  nella sezione apposita, dove “Get Fit with Mel B” genera un piano nutrizionale giornaliero, che ben si adatti al nostro piano d'allenamento. Il piano alimentare suggerisce i pasti per la giornata, con una lista della spesa e un piccolo parco di ricette, ma sono indicazioni fuorvianti, povere di funzionalità, carenti di quei dettagli vitali a soddisfare un appassionato di fitness e dieta, senza contare che non vengono calcolate le calorie e non sono state inserite (o solo parzialmente) le informazioni nutrizionali dei cibi indicati.

Facendo un volo generale sull'intera produzione, diremmo che nel complesso ci troviamo di fronte ad un titolo non proprio accattivante e che trova nell'agguerritissima controparte Wii (e nei titoli affini) un avversario formidabile. Gli scenari sono simpatici ma piatti, la musica è allegra, ma poco convincente. Quando Mel B appare sullo schermo per parlare con noi, piuttosto che per guidarci in un esercizio, voce e video non sempre coincidono, dando l'impressione che la nostra Mel si sia doppiata male. Un gioco - per così dire, che ci  sentiremmo di consigliare solamente ai veri appassionati di Mel e di...ginnastica da camera.
Get Fit With Mel B. - Immagine 7
Get Fit With Mel B. - Immagine 8
Get Fit With Mel B. - Immagine 9
6
Un titolo curioso, che mostra i limiti della tecnologia Kinect senza sfruttarne le vere potenzialità. Il confronto con la controparte Nintendo nei giochi affini è impietoso, anche se il gioco (o quasi) Black Bean svolge il suo lavoro con dignità, se non con divertimento. Un gioco - per così dire, che ci  sentiremmo di consigliare solamente ai veri appassionati di Mel e di...ginnastica da camera.
voto grafica5,5
voto sonoro5
voto gameplay6
voto durata5

Get Fit With Mel B.

Get Fit With Mel B. Xbox 360 Cover
  • Piattaforma: Xbox 360
  • Produzione: Black Bean
  • Sviluppo: Interno
  • Data di uscita: gennaio 2011
Empire
The Big Bang Theory

5

The Big Bang Theory

It all started with the Big Bang!

Chernobyl

2

Chernobyl

Sky e HBO ci mostrano senza troppi filtri il disastro nucleare più famoso della storia.

Good Omens
Good Omens

Pronti all'Armageddon più divertente di sempre?

Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Empire
eFootball PES 2020
eFootball PES 2020

Abbiamo provato il nuovo capitolo del calcistico di Konami!

Verona Comic Fest 2019

1

Verona Comic Fest 2019

A tu per tu con i mitici Oliver Onions!

Bloodstained: Ritual of the Night

6

Bloodstained: Ritual of the Night

Il ritorno in auge di Koji Igarashi

F1 2019

9

F1 2019

Formula 2, eSport e tante novità nella versione 2019 di Formula 1

Judgment

4

Judgment

SEGA inaugura una nuova saga dalle ceneri di Yakuza