Recensione Generation Zero

Da Avalanche Studios una lotta per la sopravvivenza nella Svezia anni '80
Francesco Delrio Di Francesco Delrio(26 marzo 2019)

Dopo i disastri del secondo conflitto mondiale, la Svezia corre ai ripari investendo su un programma bellico che mette ogni singolo abitante del Paese, nelle condizioni di poter imbracciare un’arma in caso di emergenza. Anni ‘80, in un giorno qualunque un intero arcipelago piomba nel silenzio: tutti gli abitanti spariscono. Al loro posto macchine da guerra battono sentieri e presidiano villaggi, pronte a sparare a vista a qualunque forma di vita si presenti di fronte a loro. Spetta a noi capire cosa sta succedendo. Queste le premesse di Generation Zero, l’ucronico action-survival in prima persona di Avalanche Studios. Il titolo ha delle buone premesse, ma cede sotto il peso di una realizzazione non all’altezza delle aspettative.

Sweden Things

Sulla carta la formula di Generation Zero sembra promettente: attingendo da titoli come Dayz il nuovo gioco di Avalanche ci getta in un contesto di guerriglia civile dove gran parte del nostro successo sarà dettato dalla nostra parsimonia. Raccogliere munizioni, armi, gadget e medicamenti per proseguire lungo la nostra avventura è parte integrante dell’esperienza e richiede una gestione oculata degli spazi del nostro inventario. Questa componente survival tuttavia perde immediatamente di spessore a causa di un problema strutturale del titolo: i nemici robotici che incontreremo lungo la nostra strada “memorizzano” i danni subiti, un aspetto strategico che ci permette di colpi a più riprese anche gli avversari più temibili, logorandoli un po’ per volta per avere la meglio su di loro.

Tuttavia, nessuna zona liberata del grande open world proposto da Avalanche lo rimarrà per molto, tornando qualche tempo dopo, sarà nuovamente infestata. Qui avviene il cortocircuito nel gameplay: di fronte a questa eventualità, rendere le risorse del gioco effettivamente limitate avrebbe sbilanciato il livello di difficoltà verso l’esasperazione, dunque allo stesso modo di come si rigenerano i nemici così accade anche per gli oggetti che di volta in volta raccoglieremo. Questo fenomeno non tiene conto dell’auto-save del titolo permettendo così al giocatore di accumulare ingenti quantità di materiale semplicemente partendo da un checkpoint precedente: il gioco sovrascrive i progressi della nostra dotazione, ma non il punto della loro provenienza. In questo modo tutta la tensione del dover centellinare le risorse, del sentirci inferiori di fronte a quel nemico meccanico così spietato, dell’essere braccati, viene meno soppiantata da un senso di invincibilità fin dalle prime ore.

Un vero peccato se consideriamo che l’atmosfera proposta funziona e crea il giusto mood. Il ciclo notte-giorno potrebbe pesare sull’esplorazione, muoversi alla luce della sola torcia crea illusioni tra i bucolici scenari svedesi, i nostri passi echeggiano in un silenzio occasionalmente inframezzato dalle tipiche note sintetiche del periodo. Elementi preziosi del concept che perdono di valore. A compromettere ulteriormente l’esperienza di gioco l’acerba intelligenza artificiale dei nemici: facili da eludere e da tenere a una distanza di sicurezza, non saranno mai una vera minaccia nonostante il loro progressivo aumentare di dimensioni. La loro varietà di comportamenti e letalità termina fuori dall’uscio degli edifici.

Generation Zero - Immagine 1

Open Hell

Aggirato il problema della sopravvivenza, non resta che concentrarsi sul racconto ma, anche in questa occasione, gli elementi utilizzati per imbastire la storia di Generation Zero purtroppo sembrano tradire l’entusiasmo dei creativi di Avalanche, e non legano a dovere. La mappa di gioco, evidentemente pensata per una narrazione implicita, non adempie alle sue funzioni a causa una trama fin troppo diluita lungo gli ettari scarsamente caratterizzati di questa Svezia autunnale.

Tra centri abitati tutti uguali e la possibilità di spostarsi solamente a piedi per tutta l’estensione del territorio, ci si perde nel cercare di rimanere orientati e nel ricordarsi il motivo per il quale stiamo attraversando quello che, da silenzio con una valenza narrativa, si trasforma presto in vuoto pneumatico. A inframezzare queste lunghe passeggiate solo gli spari delle parentesi di guerriglia che puntellano le zone, battaglie che diventano occasionalmente più entusiasmanti qualora si unissero altri giocatori. Questo a patto di ricongiungersi per tempo: entrando nella lobby di un altro giocatore verremo infatti catapultati indietro, ai posti di partenza della nostra faticosa maratona, disposti a cedere interamente il nostro inventario in cambio di un passaggio.

Generation Zero - Immagine 3

6
Generation Zero è un titolo che non convince, la sua formula, concettualmente intrigante, perde la sua magia con una realizzazione sottotono, che non valorizza gli elementi su cui vuole basarsi. l’Apex Engine dà forma a un mondo suggestivo solo quando si tratta di osservare un bel tramonto sulle rive dell’arcipelago svedese, mentre il resto dei contenuti non alza abbastanza la voce per farsi sentire lungo quegli ettari di spazio di gioco mal sfruttato. Potremmo essere fiduciosi in correzioni post lancio grazie a una patch, ma in fase di recensione era già necessario un aggiornamento di 11 giga, quasi quanto la metà del peso complessivo del titolo.
voto grafica7,5
voto sonoro7,5
voto gameplay6
voto durata6

Generation Zero

Disponibile per: PS4 , PC, Xbox One
Generation Zero PS4 Cover
Empire
Chernobyl

2

Chernobyl

Sky e HBO ci mostrano senza troppi filtri il disastro nucleare più famoso della storia.

Good Omens
Good Omens

Pronti all'Armageddon più divertente di sempre?

Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Chambers
Chambers

La teoria cellulare alla base della nuova serie horror Netflix

Empire
L'E3 2019 di Nintendo
L'E3 2019 di Nintendo

Nintendo sbaraglia tutti!

Octopath Traveler
Octopath Traveler

Octopath Traveler arriva su PC in grande stile

L'E3 di Ubisoft: pochi guizzi, tanta noia

4

L'E3 di Ubisoft: pochi guizzi, tanta noia

Ma a questo punto non sarebbe meglio un Direct?

L'E3 2019 di Microsoft, tra nuvole e Scarlett

11

MotoGP 19
MotoGP 19

Intelligenza artificiale su due ruote