Recensione Freeheld - Amore, Giustizia, Uguaglianza

una vera storia di amore e uguaglianza
Elisa Giudici Di Elisa Giudici(4 novembre 2015)
Non è la prima volta che la storia di amore e uguaglianza di Laurel Hester viene raccontata su grande schermo: nel 2008 un documentario in forma di cortometraggio con il medesimo titolo diretto da Cynthia Wade vinse il premio Oscar nella categoria di riferimento.

Pur avendo molti punti in comune con tante storie con al centro omosessualità, malattia e uguaglianza (dal capostipite Philadelphia fino a The Normal Heart), la storia di Laurel è dolce e al contempo forte, forse prevedibile nel suo svolgimento, ma meritevole di essere raccontata.
Una storia vera di grandi ideali, che guidano la protagonista in una battaglia con le istituzioni che ha servito fedelmente in nome di un diritto negatole, ma anche di un amore quotidiano e intimo, la vera forza che le fa superare l'atteggiamento discreto e guardingo che ha mantenuto riguardo alla sua omosessualità.
Freeheld - Amore, Giustizia, Uguaglianza
Freeheld - Amore, Giustizia, Uguaglianza - Immagine 166858
Freeheld - Amore, Giustizia, Uguaglianza - Immagine 166857
Freeheld - Amore, Giustizia, Uguaglianza - Immagine 166856
Freeheld - Amore, Giustizia, Uguaglianza - Immagine 166855
Freeheld - Amore, Giustizia, Uguaglianza - Immagine 165863
Freeheld - Amore, Giustizia, Uguaglianza - Immagine 165862
Freeheld - Amore, Giustizia, Uguaglianza - Immagine 165861
Freeheld - Amore, Giustizia, Uguaglianza - Immagine 165860
Freeheld - Amore, Giustizia, Uguaglianza - Immagine 165859
Freeheld - Amore, Giustizia, Uguaglianza - Immagine 165858
Laurel, interpretata da Julianne Moore, è un agente di polizia che ha servito fedelmente Orange County per 23 anni e sogna di diventare la prima tenente donna nella zona. Dopo aver incontrato Stacy, una giovane meccanica interpretata da Ellen Page, almeno il suo desiderio di vita coniugale tranquilla con la propria donna, il proprio tetto e il proprio cane sembra assicurato, anche a discapito di qualche voce che potrebbe mettere in forse future promozioni. Purtroppo però un cancro a uno stadio ormai incurabile si affaccia sulla vita della coppia, con conseguenze devastanti.

Laurel però non è pronta ad arrendersi, non prima che lo stato riconosca la pensione di reversibilità a Stacy. Nonostante la legge sulle coppie di fatto descriva questa possibilità come legale, i freeholders a cui spetta la decisione rifiutano la sua richiesta, temendo ripercussioni economiche e politiche, presso il loro elettorato prettamente repubblicano.
Ha inizio così l'odissea dentro l'odissea di Laurel e Stacy, alla vigilia di un'epoca che dovrebbe essere egalitaria ma che stenta ancora a riconoscerlo.
Quella di Freeheld è la classica vicenda perfetta per un lungometraggio di quelli forti alla notte degli Oscar, grazie alla loro capacità di guardare a quanto di male ma anche di bene i legami tra esseri umani e la società possano generare, mantenendo un tono positivo e mai davvero capace di mettere a disagio, la vera carta vincente per quella competizione.

Noi però non siamo gli anziani votanti dell'Academy, che con il loro buonismo e la loro ipocrisia spesso somigliano ai membri del consiglio che giudicano dall'alto al basso "la lesbica", salvo poi riservarle un posto speciale nelle loro preghiere. Noi siamo appassionati di cinema e un'ottima storia non può e non deve bastarci. triste constatare come una tematica tanto attuale e importante venga in un certo senso svilita dalla stessa Hollywood che vorrebbe promuoverla. Da Dallas Buyers Club a Freeheld, ormai sembra che basti una coppia di ottimi protagonisti con la giusta alchimia e una lacrimevole storia vera per portare a casa un film altrimenti stantio e mortalmente noioso.

Julianne Moore e Ellen Page sono dedicate e credibili, ma attorno a loro gira una regia banale e incolore e una sceneggiatura molto stereotipata, vedi il povero Steve Carell, decisamente spassoso nei panni dell'attivista ebreo very gay, ma senza che il film si ricordi di guardare oltre il suo ruolo al limite della checca ancheggiante per farci vedere la persona, sia in positivo (le campagne per i diritti) ma soprattutto il negativo (le suddette campagne pilotate alla stregua di marketing pubblicitario).
Il problema di Freeheld è proprio questo: si presenta come il latore di un grande messaggio, ma in realtà sembra perseguire innanzittutto una normalità di facciata, con tutti gli eterosessuali buoni e comprensivi al momento giusto, le minacce e le difficoltà che fanno appena capolino e l'incapacità di rendere Laurel e Stacy protagoniste della loro storia rapprensentandole pienamente, con le loro doti ma anche con le loro piccole meschinità.
Un trattamento di questo tipo me lo aspetto da una fiction di Rai 1 su santi, eroi laici e figure storiche, non da un film che può scomodare nomi così importanti per fargli fare poco più della Buy e Ferilli in Io e Lei.
Quella di Freeheld è una storia importante e proprio per questo motivo si meriterebbe un film di molto migliore.

Freeheld - Amore, Giustizia, Uguaglianza

Freeheld - Amore, Giustizia, Uguaglianza Cover
  • Regia: Peter Sollett
  • Produzione: Incognito Pictures, Endgame Entertainment, Double Feature Films
  • Nazionalità: USA
  • Distributore: Videa
  • Sceneggiatura: Ron Nyswaner
  • Genere: Drammatico, Commedia, Sentimentale
  • Durata: 103 min.
  • Data di uscita: 5 novembre 2015
  • Cast: Ellen Page, Julianne Moore, Steve Carell, Michael Shannon, Josh Charles, Luke Grimes, Mary Birdsong, Gabriel Luna
Empire
Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Chambers
Chambers

La teoria cellulare alla base della nuova serie horror Netflix

L'alienista
L'alienista

I Mindhunter nella New York di fine Ottocento

Empire
X-men: Dark Phoenix
X-men: Dark Phoenix

Un breve ripasso del franchise in compagnia degli attori protagonisti

Aladdin

2

Aladdin

Missione compiuta, Mr. Ritchie

Rocketman
Rocketman

Ormai è Biopic-Mania e questa volta è il turno di Elton John

Star Wars: Episodio I - La minaccia fantasma

11

Star Wars: Episodio I - La minaccia fantasma

Quando Guerre Stellari tornò al cinema 20 anni fa

L' Angelo del Male - Brightburn
L' Angelo del Male - Brightburn

E se Superman fosse stato malvagio?