Recensione Formula 1 04

Tommaso AlisonnoDi Tommaso Alisonno (22 settembre 2004)
Il rombo dei motori cresce smisurato mentre le ultime luci rosse della file dei semafori si accendono; la tensione è alle stelle e l'ansia si può tagliare a fette, mentre non solo i piloti ma anche i meccanici, i tecnici e tutto il pubblico attendono in silenzio lo spegnersi delle lampadine... SONO PARTITI!
Puntuale come un orologio svizzero, ecco giungere sugli scaffali dei negozi il nuovo titolo di Formula1 realizzato con licenza ufficiale della F1A da Studio Liverpool per esclusiva Sony. La prestigiosa casa Britannica non è affatto nuova nello sviluppo di giochi di corse automobilistiche al massimo livello dato che già dai tempi della PS1 si è sobbarcata il grosso onore (e l'immane onere) di dare vita virtuale ai bolidi ed ai piloti più amati del mondo.
Formula 1 04 - Immagine 31
Formula 1 04 - Immagine 32
Formula 1 04 - Immagine 33
Come sovente accade in questo tipo di giochi, potrete scegliere di percorrere l'asfalto delle piste professionali in due modalità differenti, vale a dire Arcade o Simulazione. Nel primo caso il gioco si porrà in una condizione di ottimizzazione della semplicità e dell'immediatezza, permettendovi di scegliere liberamente quale pilota impersonare (e pertanto quale macchina guidare) e limitando i controlli ai canonici acceleratore, freno ed eventuali cambi di marce, sempre che non preferiate adottare un cambio automatico. Sarà presente un sistema di danni, ma questi ultimi saranno generici e non localizzati: detto in maniera più semplice, equivale a dire che ogni qualvolta la vettura subirà un impatto o percorrerà lunghi tratti di strada fuori dall'asfalto si avrà l'incremento di un indicatore di danno, che se si riempirà completamente implicherà il ritiro per distruzione del mezzo; i danni possono essere riparati completamente effettuando un drive-through in corsia box. In questa modalità potrete gareggiare in una singola corsa di allenamento oppure cimentarvi in una stagione, ossia una serie di gare in cui partirete sempre ultimi e in cui il biglietto d'ingresso per la corsa successiva sarà costituito dall'arrivare entro le prime otto posizioni, vale a dire in zona punti.

In modalità Simulazione le cose si fanno molto più impegnative, dato che dovrete settare in prima persona tutta una serie di parametri tecnici che vanno dai semplici rapporti del cambio alla durezza delle sospensioni, fino alle inclinazioni degli alettoni, la campanatura delle gomme, le impostazioni delle barre anti-rollio e così via. Un week-end di gara singola in questa modalità è costituito da sessioni autonome, vale a dire le due sessioni del venerdì e le due del sabato (da un'ora ciascuna), le prove di qualificazione, fino alla gara vera e propria: una o più di queste sessioni può essere saltata nel caso abbiate già dei settaggi pronti o non vogliate gareggiare per la pole-position, ma se rinuncerete alle qualifiche sarete costretti a partire in coda. A differenza dell'Arcade, qui i danni sono localizzati: camminare fuori pista rovinerà principalmente i pneumatici, un urto diretto all'alettone anteriore potrebbe farlo volar via, un uso eccessivo dei freni (portandoli troppo spesso al bloccaggio delle gomme) li deteriorerà più in fretta e lo spingere il motore al massimo dei giri per troppo tempo lo porterà inesorabilmente alla rottura. I Pit-Stop andranno prenotati con almeno una ventina di secondi di anticipo, e comporteranno una vera e propria sosta durante la quale verranno cambiati i pneumatici e imbarcato carburante. Infine, oltre ai comandi di guida classici il giocatore dovrà tener conto di altre due impostazioni: il ripartitore di frenata, che ci consentirà di cambiare la percentuale di frenata sulle ruote anteriori o posteriori scegliendolo durante la gara tra tre impostazioni precedentemente fissate, e il controllo trazione, che ci permetterà di scegliere quanta percentuale della controllabilità della macchina sarà lasciata a noi e quanta sarà gestita dal computer di bordo.

Per quanto anche in modalità Simulazione sia possibile scegliere un pilota e correre una gara con lui, la vera sfida è costituita dalla sotto-modalità Carriera: in essa impersoneremo un pilota fittizio, a cui daremo nome ed aspetto, a partire dal momento in cui conseguirà al Super-Patente. All'inizio di una nuova Carriera il giocatore verrà chiamato ad eseguire alcune corse di test, al termine delle quali verrà contattato da una o più scuderie, comunque tra le meno prestigiose, per entrare nel team come pilota o come collaudatore. In seguito, a seconda del proprio rendimento, potrà essere licenziato o assunto altrove, fermo restando che per ricevere proposte dalle case più blasonate sarà necessario ottenere ottimi piazzamenti in gara. Il ruolo di collaudatore è più che altro una condizione di attesa in cui si aspettano nuovi test per farsi pubblicità o, molto poco sportivamente, l'infortunio di uno dei titolari per assumerne il posto in guida.
Formula 1 04 - Immagine 34
Formula 1 04 - Immagine 35
Formula 1 04 - Immagine 36
12

Formula 1 04

Formula 1 04 PS2 Cover
Empire
The Big Bang Theory

5

The Big Bang Theory

It all started with the Big Bang!

Chernobyl

2

Chernobyl

Sky e HBO ci mostrano senza troppi filtri il disastro nucleare più famoso della storia.

Good Omens
Good Omens

Pronti all'Armageddon più divertente di sempre?

Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Empire
Verona Comic Fest 2019

1

Verona Comic Fest 2019

A tu per tu con i mitici Oliver Onions!

Bloodstained: Ritual of the Night

6

Bloodstained: Ritual of the Night

Il ritorno in auge di Koji Igarashi

F1 2019

9

F1 2019

Formula 2, eSport e tante novità nella versione 2019 di Formula 1

Judgment

4

Judgment

SEGA inaugura una nuova saga dalle ceneri di Yakuza

Super Cane Magic ZERO

1

Super Cane Magic ZERO

Un buon action RPG dalla trama surreale