Recensione Flying Heroes

Redazione GamesurfDi Redazione Gamesurf (19 maggio 2000)
C’era una volta un tempo terribile, in cui tutti combattevano contro tutti. Hesperia era sconvolta da una guerra fratricida ogni parte di questa vasta terra era in guerra contro le altre, ogni clan contro gli altri. Per molto tempo nessuno ebbe abbastanza coraggio e forza per fermare questa folle carneficina . Un odio così profondo è difficile da cancellare. Hesperia sembrava essere senza speranza, destinata a diventare una terra deserta senza alcuna forma di vita. Ma ci fu un uomo che attraverso l’arte della guerra e la diplomazia, miracolosamente riuscì a ristabilire la pace in quelle terre devastate. Egli era Atlanton II, il primo imperatore di Hesperia. La pace prevalse sui feudi morenti e portò nuova speranza alle genti di quei luoghi. Atlanton decise che non potva tenere a lungo frenata l’aggressività e l’odio a lungo provati da quelle genti e così decise di istituire un torneo. Ma non era un agone normale: i combattenti dovevano ricorrere alle arti magiche e soprattutto volare! Flying Heroes è un gioco particolare in cui ci troveremo a dover combattere a bordo di mezzi volanti contro altri avversari. La base del gioco è semplice: vi sono quattro clan tra cui scegliere, Sky Nights, i cavalieri notturni; Lizard riders, i cavalieri di lucertole; Hammercraft, quelli che usano armi pesanti; Magion, coloro che hanno fatto della magia la loro forza. Ogni clan ha delle caratteristiche ben precise. Per ognuno variano i mezzi guidati, che vanno dagli uccelli ai tappeti volanti, dai draghi alle teiere alate (avete proprio letto bene: teiere alate!!!)
Flying Heroes - Immagine 1
La schermata che spiega il vostro prossimo bersaglio.
Esistono sei diversi mezzi per ogni clan e per ciascuno esistono sei armi. Il gioco infatti è strutturato come un torneo, in cui di volta in volta si combatte per guadagnare fama e gloria, ma soprattutto soldi. Grazie ad essi è infatti possibile comperare nuovi mezzi e nuove armi. E’ inoltre possibile migliorare la nostra cavalcatura. All’inizio del gioco vi è dato scegliere solo tra i primi due clan e sarete i padroni di un oca o di un pipistrello (delle debite proporzioni, ovviamente!).. Il mezzo che voi guidate si muove in un ambiente tridimensionale volando e quindi si sposta in tutte e sei le direzioni. Il sistema di controllo in realtà è abbastanza semplice: potrete alzarvi ed abbassarvi e muovervi in tutte le direzioni, anche indietro. Ovviamente la dinamica di volo non è quella di un aereo e quindi dovrete stare attenti alle manovre! Sarete dotati di armi più o meno micidiali con le quali eliminare i vostri nemici, l’obbiettivo del gioco. L’intelligenza artificiale dei nemici è abbastanza complessa e danno parecchio filo da torcere sin dai primi livelli. Esistono tre leghe, che corrispondono ad altrettanti livelli di difficoltà e solo vincendo quella più semplice si può accedere a quella superiore. Sostanzialmente il gioco si può ridurre ad un "insegui e distruggi": il vostro obbiettivo è quello di eliminare il maggior numero di avversari possibile in un tempo prestabilito cercando così di raggiungere il vertice della classifica
0 commenti

Flying Heroes

Flying Heroes PC Cover
Empire
Chernobyl

2

Chernobyl

Sky e HBO ci mostrano senza troppi filtri il disastro nucleare più famoso della storia.

Good Omens
Good Omens

Pronti all'Armageddon più divertente di sempre?

Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Chambers
Chambers

La teoria cellulare alla base della nuova serie horror Netflix

Empire
Spellforce 3: Soul Harvest
Spellforce 3: Soul Harvest

Ritornando tutti a casa

L'E3 2019 di Nintendo
L'E3 2019 di Nintendo

Nintendo sbaraglia tutti!

Octopath Traveler
Octopath Traveler

Octopath Traveler arriva su PC in grande stile

L'E3 di Ubisoft: pochi guizzi, tanta noia

4

L'E3 di Ubisoft: pochi guizzi, tanta noia

Ma a questo punto non sarebbe meglio un Direct?

L'E3 2019 di Microsoft, tra nuvole e Scarlett

11