Recensione Flatliners - Linea Mortale

La ricerca di una risposta alla vita dopo la morte
Simone Rampazzi Di Simone Rampazzi

Esiste un dilemma esistenziale che, in minima parte, attanaglia ognuno di noi nel profondo: cosa succede quando si muore? C’Ŕ qualcosa in fondo al proverbiale tunnel? Questa domanda, a cavallo tra una riflessione filosofica e un interesse scientifico, ha comunque ispirato molti registi che, nel corso degli anni, hanno confezionato pellicole dai generi diversi, passando necessariamente dal filone drammatico a quello horror.

Parlando di “flatliners”, in realtÓ, possiamo tranquillamente tornare indietro negli anni ’90, quando il regista Joel Schumacher scelse un manipolo di giovani attori (poi famosi) per confezionare il suo Linea Mortale, film che fece la sua figura collocandosi tranquillamente nell’area grigia del “buono, ma non si applica”.

A distanza di ventisette anni dalla sua uscita, Nels Arden Oplev (quello di Uomini che Odiano le Donne) ha ripreso lo script dell’opera lavorando a una sceneggiatura che ricalcasse fedelmente gli stilemi della pellicola precedente, senza rinunciare per˛ a prendersi la libertÓ di cambiare qualcosa. Alla fine di questo viaggio, riusciremo a darci una risposta?

Flatliners - Linea Mortale
Flatliners - Linea Mortale - Immagine 206132
Flatliners - Linea Mortale - Immagine 206131
Flatliners - Linea Mortale - Immagine 206130
Flatliners - Linea Mortale - Immagine 206129
Flatliners - Linea Mortale - Immagine 206128
Flatliners - Linea Mortale - Immagine 206127
Flatliners - Linea Mortale - Immagine 206126
Flatliners - Linea Mortale - Immagine 206125
Flatliners - Linea Mortale - Immagine 206124
Flatliners - Linea Mortale - Immagine 206123

FARE I CONTI CON S╔ STESSI

Courtney (Ellen Page) Ŕ una studentessa di medicina ossessionata dall’esperienza post-morte e decide, senza troppe remore a quanto pare, di tentare un esperimento volto a morire solo per essere successivamente rianimata. Una scelta simile potrebbe far drizzare i capelli a chiunque, ma al contrario i suoi amici di corso Jamie (James Norton), Marlo (Nina Dobrev) e Sophie (Kiersey Clemons) la seguono in questa folle esperienza, trovandosi poi loro stessi coinvolti in questo gioco pericoloso.

Se inizialmente l’esperienza sembra assimilabile al miglior trip provocato da una sostanza allucinogena, poco dopo tutto questo cambia irrimediabilmente acquistando toni lievemente pi¨ horror.

Sembra infatti che il viaggio non produca soltanto effetti di super-intelligenza, o accesso a ricordi sopiti stile Limitless, ma si porta dietro anche allucinazioni orribili dove ognuno sembra costretto a confrontarsi con qualche dramma del proprio passato. Questi incubi o esperienze spaventose accompagnano lo scorrere della pellicola, limitandosi a dei sintomatici jump scares e nulla pi¨.

La trama ha infatti un retrogusto di assurdo, che culmina in un finale discutibile che rende oltremodo claudicanti i 110 minuti di esposizione in sala, anche a discapito di un Kiefer Sutherland presente all’appello solo per provocare un minimo effetto nostalgia.

C’Ŕ anche il moralizzatore nei panni di Ray (Diego Luna) che si limita a salvare i suoi amici nel momento del bisogno, dimostrandogli a tempo debito come ognuno di loro possa essere fallace ma capace comunque di prendersi le proprie responsabilitÓ, a patto di rinunciare a qualcosa.

La ricerca di redenzione da parte dei protagonisti sfocia purtroppo nel banale, come se la sconfitta del proprio mostro interiore possa essere semplicemente ridotta solo all’accettazione delle proprie responsabilitÓ. Forse Ŕ proprio vero che, alla fin fine, alcuni misteri devono rimanere tali per non perdere il fascino che li rende attraenti.

Flatliners - Linea Mortale - Immagine 2

Anche se il concept della storia poteva in qualche modo produrre qualcosa di pi¨ convincente, anche solamente restando in tema con il genere thriller/horror, purtroppo ci ritroviamo davanti a un prodotto spento che non tenta minimamente di osare, fermandosi invece alla semplice drama psicologica votata all’accettazione di noi stessi. Un film tranquillamente da saltare a piedi pari, senza preoccuparsi delle conseguenze.