Recensione Fe (Videogioco)

Azione e sentimento contro il freddo metallo
Roberto Vicario Di Roberto Vicario

L’eclettismo non è una forma artistica così diffusa all’interno del mondo videoludico. Sempre più spesso i vari team di sviluppo preferiscono rimanere all’interno di quella che, comunemente, viene chiamata “comfort zone”.

Sotto questo punto di vista, il lavoro svolto da Zoink! è lodevole e coraggioso. Dopo Stick it to the Man! e Zombie Vikings, hanno deciso di cimentarsi su un progetto più particolare, difficile sotto l’aspetto narrativo e, a tratti, quasi aulico. Fe, questo il nome del gioco, entra nella categoria Ea Originals andando a fare compagnia a quello splendido Unravel che prima di lui aveva rapito i sentimenti di migliaia di giocatori.

Fe (Videogioco) - Immagine 1

Una foresta silenziosa

Fe, è il nome di una di volpe antropomorfa che ha il compito di salvare la foresta in cui vive da una serie di macchine, chiamante silenti, che stanno cercando di rapire tutta la fauna della zona. Il nostro compito sarà quello di aiutare questi animali e scacciare questa minaccia incombente dalla nostra amata distesa di alberi, rocce e acqua.

Fe è un gioco che raccoglie l’eredità di titoli di un certo peso come Abzu, Journey, Flower e in parte anche di Ico e Shadow of the Colossus. Giochi che hanno fatto della comunicazione “silenziosa” il loro marchi di fabbrica, costruendo emozioni unicamente su immagini, suoni ambientali e musica evocativa.

In Fe il racconto passa attraverso uno stile particolare, quasi sempre perlato e luccicante, con tonalità e sfumatura solo accennate, regalando una sensazione inizialmente di valido stupore, ma che scema dopo poche ore di gioco.

Il gameplay è quello del puzzle platform 3D, con un elemento particolare dato dalla comunicazione che Fe instaura con altre creature nel corso dell’avventura attraverso suoni e richiami, entrando in sintonia con loro. Alcuni tipi di creature potranno essere cavalcate, altre ci daranno una mano negli spostamenti; la cosa più importate riguarda però l’interazione con la flora, perché è proprio lì che si costruisce gran parte del level design.

Fe (Videogioco) - Immagine 2

Ogni differente suono che Fe impara all’interno della sua epopea attiva una differente tipologia di flora, che ci servirà per superare determinate sezioni platform. Purtroppo però, dobbiamo constatare come gli sviluppatori non siano mai riusciti ad evolvere delle fasi platform che di conseguenza non offrono mai acuti, ma al contrario una certa ripetizione di fondo che - esclusi alcuni evocativi passaggi - sulla luna distanza non regala quelle emozioni cercata dal giocatore.

Un peccato, soprattutto se pensiamo ad una trama che sulla carta risulta interessante, con dei momenti piuttosto confusi, ma con un finale che illumina su quello che vuole essere il messaggio che gli sviluppatori hanno cercato di trasmettersi. Forse meno poetico e riflessivo rispetto a quello di altri titoli (o dello stesso Unravel, stando in casa EA) non comunque valido e dai buoni propositi.

Ma se sotto l’aspetto narrativo/emozionale possiamo fare davvero dei timidi ma sinceri complimenti al team, non possiamo sbilanciarci - tornando alla componente ludica - nel dire che Fe è un prodotto solido. Le animazioni e i i movimenti, così come il calcolo delle distanze, sono elementi fin troppo importanti all’interno di un titolo di genere, e qui purtroppo troviamo davvero troppo poco preciso e impacciato il nostro protagonista, soprattutto nelle fasi di scalata sugli alberi.

Lo stesso senso di progressione, dato da cristalli che possono migliorare il move-set di Fe e da collezionabili sparsi per le varie aree del gioco, non riescono ad aggiungere il giusto grado di mordente ad un gioco che sembra non avere la forza ad esplodere realmente nelle circa sei ore che compongono la storia.

Fe risulta comunque un titolo tutto sommato gradevole da vivere come avventura poco impegnativa e rilassante, a patto di chiudere un occhio su quelli che sono i difetti evidenti del prodotto. Sicuramente, dobbiamo ammettere che si tratta di un bel passo indietro rispetto all’altro titolo della serie EA Original.

Fe (Videogioco) - Immagine 3

7
Fe non riesce a raggiungere un livello qualitativo eccelso e forse neanche a toccare tutte quelle corde che vibrano all’interno del nostro cuore. Rimane, al netto dei difetti evidenziati, un prodotto divertente e in grado di appagare in buona parte gli amanti del genere. Detto questo però, è altrettanto corretto dire ci aspettavamo molto di più da questo titolo.

Fe (Videogioco)

Disponibile per: Xbox One , PC, PS4, Switch
Fe (Videogioco) Xbox One Cover
  • Piattaforma: Xbox One
  • Produzione: Electronic Arts
  • Sviluppo: Zoink!
  • Genere: Avventura, Azione
  • Multiplayer Locale: Assente
  • Multiplayer Online: Assente
  • PEGI: +3
  • Data di uscita: 16 febbraio 2018
Empire
Sharp Objects

1

Sharp Objects

Due omicidi, una giornalista tormentata e una tranquilla vita di provincia...

Tom Clancy's Jack Ryan
Tom Clancy's Jack Ryan

Il ritorno alle origini di uno dei personaggi più amati del grande schermo

Orange is the New Black
Orange is the New Black

Quest'estate non cambiare: stesso carcere, stesso canale!

Empire
Warriors Orochi 4
Warriors Orochi 4

Se volete rilassarvi con un gioco ignorante, questo è quello che fa per voi

Child of Light
Child of Light

Il racconto di Aurora viene narrato anche su Switch

Chronicles of Crime
Chronicles of Crime

Videogioco e gioco da tavolo si uniscono in una incredibile esperienza VR!

Jump Force: Unite to Fight
Jump Force: Unite to Fight

Abbiamo provato il tutti contro tutti di Bandai Namco

The World Ends With You: Final Mix

1

The World Ends With You: Final Mix

Nintendo porta su Switch la versione mobile di un classico dell'era DS, in una versione che ci lascia estremamnente dubbiosi.