Recensione Dragon Ball Super: Broly

Dal 28 febbraio nei cinema arriva il nuovo film della saga dei Saiyan: "Dragonball Super: Broly".
Aida Picone Di Aida Picone(15 febbraio 2019)

Lo spettatore in sala viene catapultato ai tempi in cui la gloriosa razza Saiyan era al servizio dell’armata di Re Cold, padre di Freezer. Vegeta III, considerata la potenza anomala mostrata dal piccolo Broly ancora in incubatrice, decide di espellerlo dal pianeta con la scusa di temprare il suo carattere. Ma Paragas, il padre di Broly, appresa la notizia, seguirà il figlio per potersi occupare di lui. Le condizioni inospitali del pianeta, e la brutalità degli insegnamenti ricevuti, renderanno Broly la rappresentazione della perdita di controllo e della brutalità della forza.

Dopo questa digressione l’azione si sposta di 40 anni, nel periodo successivo alla saga del "Torneo del Potere", con Broly ormai adulto e ancora in compagnia del padre. I due Saiyan verranno salvati dal loro esilio da alcuni soldati di Freezer che decide di accoglierli tra le sue schiere. Quest’ultimo, nuovamente alla ricerca delle sfere del drago, si dirige sulla Terra; luogo in cui si svolgerà lo scontro tra Vegeta, Son Goku e Broly.

Akira Toriyama porta in scena uno dei personaggi più amati dal pubblico della saga cercando di renderlo canonico all’interno della Saga Super. Una leggenda che viene dotata di un background dettagliato e diverso da quello che i fan avevano imparato a conoscere finora. Lo stesso Akira ha infatti detto quanto, non convinto della prima stesura del personaggio nell’anime, si sia sentito ispirato da una nuova storia su di lui migliorandolo, a suo dire, senza però stravolgere quella che era l’idea di lui nell’immaginario collettivo. Emblema dell’esasperazione delle caratteristiche di tutti i Saiyan, Broly viene mostrato come un cavernicolo che si stupisce per la bontà dell’acqua, ma che allo stesso tempo è in grado di ingabbiare la potenza dell’Oozaru. Superare la potenza di Son Goku e di Vegeta non è facile, ma durante lo scontro il giovane Saiyan riesce a modulare la propria potenza apprendendo dai colpi degli avversari che si troveranno in notevole difficoltà.

Il fulcro nella narrazione di Dragonball, come ci si aspetta, si incentra sullo scontro e su come questo venga animato. In questo lungometraggio non tutto sembra funzionare perfettamente. Se da un lato, infatti, in sala la lotta viene affrontata sempre con lo stesso entusiasmo; dall’altro l’occhio ne risente parecchio. L’animazione si muove in contrasto tra quella “tradizionale” che caratterizza tutto il percorso animato di Dragonball dalla serie Z, a quella più innovativa in CGI che quasi disturba il ritmo visivo tra le scene. I colori vibranti la fanno ancora una volta da padrone, attirando l’attenzione più di quanto non faccia lo scontro in se. Si nota da questi particolari come il film sia stato pensato alla sala cinematografica. Il pathos, però, non viene solo creato dal montaggio visivo, magistrale in alcuni punti dello scontro finale, ma per buona parte dal modo con cui parte del ritmo viene scandito dal sonoro. La colonna sonora, pensata molto alle sale orientali più che a quelle occidentali, aggiunge un tocco di Kitsch che diverte. Si ha quasi l’impressione di star giocando a uno dei “Budokai Tenkaichi”.

Complessivamente ha tutti gli elementi che finora hanno entusiasmato i fan della saga, il che ne fa un ottimo prodotto da fruire per qualsiasi fascia d’età.

Dragon Ball Super: Broly - Immagine 1

 

 

 

Tra canonico e non, il film d’animazione rispetta tutte le caratteristiche che portano lo spettatore in sala. Divertente come l’intero anime, pensato per il grande schermo. “Dragon Ball Super: Broly” sembra essere il giusto modo per poter inserire una leggenda nella saga che ha già conquistato grandi e piccini.

Dragon Ball Super: Broly

Dragon Ball Super: Broly Cover
  • Regia: Tatsuya Nagamine
  • Produzione: Toei, Fox International Productions, Shueisha
  • Nazionalità: Giappone
  • Distributore: Anime Factory di Koch Media
  • Sceneggiatura: Akira Toriyama
  • Genere: Animazione, Azione, Fantasy
  • Durata: 100 min.
  • Data di uscita: 28 febbraio 2019
Empire
La verità sul caso Harry Quebert
La verità sul caso Harry Quebert

Una serie che non ti molla fino all'ultima sequenza

Homecoming
Homecoming

Un drama raffinato in cui niente è come sembra

Il Nome della Rosa
Il Nome della Rosa

Il romanzo di Umberto Eco diventa una serie TV

American Gods

3

American Gods

Gli dei vecchi e nuovi secondo Neil Gaiman

The Umbrella Academy

3

The Umbrella Academy

I nuovi supereroi targati Netflix

Empire
Shazam!

1

Shazam!

La potenza di un supereroe con il cervello di un ragazzino. Cosa mai potrà andare storto?

Peppermint - L'Angelo della vendetta

2

Peppermint - L'Angelo della vendetta

Una strepitosa Jennifer Garner ci regala un avvincente revenge movie al femminile

Shazam!
Shazam!

Basta una parola per diventare un supereroe!

Instant Family
Instant Family

Si ride e si piange nel nuovo dramedy di Sean Anders

Captive State

3

Captive State

Gli alieni sono arrivati e governano la Terra