Recensione Doom 3

Alessandro CossuDi Alessandro Cossu (20 agosto 2004)
IL TERRORE, ADESSO.
Negli ultimi mesi, molti titoli hanno promesso di “ridefinire il genere” a cui appartengono e, che questo sia o meno accaduto, è indubbio che abbiamo potuto bearci di giochi di qualità impensabile fino a un anno fa. Senza citare il prodotto perennemente avvolto nel limbo dell'incertezza, targato Sierra e che risponde al nome di Half-Life 2, possiamo fare però un esempio su tutti: Far Cry. Grafica ai massimi livelli, giocabilità elevatissima, ottimo sonoro e una trama (background) tutto sommato convincente. Da Max Payne 2 a Enclave (tutti recensiti per voi da Gamesurf), i giochini con i quali saturare le nostre bramose retine non sono certo mancati. Ma noi tutti o quasi, però, guardavamo...più avanti, nella casa di quella ID Software che ci aveva promesso gioia & gaudio per il proprio nuovo titolo, successore diretto di quel primo Doom che, davvero, era riuscito a ridisegnare i parametri standard dei videogames in generale e degli sparatutto in particolare. L'hype generato attorno a D3, in particolare dalla sua apparizione all'ultimo E3 di Los Angeles – in versione X-Box, certo, ma le potenzialità erano già palesi - ha vissuto un incredibile crescendo che ha sfociato, alfine, nel titolo che, dal 20 Agosto 2004 (quindi già mentre leggete queste righe) farà bella mostra di se sugli scaffali dei negozi, completamente localizzato in Italiano.
I primi minuti con Doom 3

I nostri primi passi sul suolo marziano ci vedono protagonisti dell'incontro con uno strano vecchietto il quale, intento a trangugiare chissà quale bevanda, ci esorta a levare al più presto le tende da Marte perché sta per scatenarsi qualcosa di terribile...e, prima di lasciarci, una frase memorabile: “Trust No One”!Come dire, Mulder docet et ipse dixit. Ah, se solo gli avessimo dato ascolto,al simpatico nonnino...beh, probabilmente ci saremmo persi uno dei più terrificanti titoli che abbiano mai alloggiato sui nostri hard disk.
Una lunghissima passeggiata (forse anche troppo) utile a farci vedere il nostro ambiente di lavoro, all'interno della base militare - per sbrigare le varie formalità di arrivo (registrazione documenti, rapporti, briefing e quant'altro debba svolgere un marine di ritorno da una missione) – ci diletterà prima di incontrarci con il nostro tenente il quale, tanto per non farci perdere l'allenamento, ci informa di una strana trasmissione radio pirata in corso nel sottosuolo di Marte, con incredibili picchi di energia e nessuna risposta alle chiamate dagli addetti a quel settore. Dovremo scendere fino al laboratorio, bloccare le trasmissioni e arrestare il personale. Nulla di più facile: la discesa si rivela senza rischio alcuno e in pochi minuti ci troviamo alla fonte della trasmissione. Scopriamo così che il segnale portante è la traccia lasciata da una sorta di nuova tecnologia atta al teletrasporto da un pianeta all'altro. Uno scienziato dai tratti vagamente asiatici ci implora di lasciarlo terminare il suo lavoro, che non capiamo cosa sta succedendo, che il mondo può cambiare grazie a lui ed altre banalità...un momento prima di arrestarlo, sui monitor di osservazione si scatena letteralmente l'Inferno: uno squarcio nel terreno, un' incredibile fascio luminoso adornato da tanti teschi immateriali e comincia l'Inferno che i signori della ID Software hanno preparato per noi.
Si, avete letto bene: Doom 3 si installerà sui nostri lussuriosi hard disk parlando la lingua del BelPaese. Ma è presto per parlare di questo: lo spazio è molto, l'orrore è infinito e l'adrenalina viaggia velocissima, quindi, come da consolidata tradizione, partiamo dall'inizio...o da un tranquillo interludio, la consueta quiete prima della Infernale Tempesta di Doom.

Doom 3 - Immagine 74
Uno scorcio di una mappa multiplayer. Anche in questo caso la cura per il dettaglio è a dir poco maniacale
Doom 3 - Immagine 75
Buono....stai buono.....

LIBERATE VOS EX INFERIS – SALVATEVI DALL'INFERNO

Siamo più o meno nella seconda metà dell'anno del signore 2145 e la Terra non è più l'ultima frontiera, non è più l'unico mondo abitato. Gli uomini navigano nello spazio alla ricerca di pianeti da colonizzare, nuove ricchezze da possedere e misteri da svelare. Marte, il pianeta rosso che per millenni ha dominato le fantasie (dalla più bella alla più terribile) della razza umana è divenuto un centro di studi su energie alternative, minerali e nuove tecnologie. Le colonie umane, inviate sul pianeta dalla U.A.C., grandissima corporazione (o, come viene chiamata nel gioco, Compagnia)che fa il verso alla W. & Y. vista nei primi tre film di Alien, sono divenute, nel corso degli anni, padrone di Marte. Dominando la superficie e scavando gigantesche ferite nel sottosuolo, l'intero pianeta è divenuto una sorta di enorme laboratorio che vanta le più avanzate tecnologie mai concepite; ma anche la tecnologia più progredita ed il progresso indiscriminato sono soggetti a imponderabili leggi che sfuggono alla umana comprensione, come gli sventurati abitanti del loco stanno per scoprire a proprie spese...Una nave spaziale, una sorta di non meglio precisata scialuppa di salvataggio si trova intorno all'orbita di Marte, in procinto di entrare nell'atmosfera in caduta libera. Dalla torre di controllo, nessuna risposta ai segnali radio inviati alla navetta, segnali radio che vengono disturbati dall'emissione di un altro segnale; questa misteriosa trasmissione pare avere il suo punto di origine nel sottosuolo di Marte, proprio sotto il cuore di Mars City, principale città e sede di tutti gli organi operativi sul territorio Marziano.

Doom 3 - Immagine 76
Purtroppo il territorio marziano non è esplorabile in lungo e in largo, ma la sua rappresentazione scenica è incredibilmente bella.
Doom 3 - Immagine 78
Il mitico Big Fuckin' Gun

Sul monitor della base operativa, si segue la nave entrare nell'atmosfera, incendiarsi al contatto con l'atmosfera...e la relativa perdita di collegamento. A questo punto, con un perfetto taglio cinematografico, l'immagine si allarga dal monitor di controllo ad una panoramica sull'ufficio intero, ove il capo del dipartimento e il suo assistente spostano temporaneamente la loro attenzione ad una nave in fase di attracco, nave a bordo della quale si trova il nostro alter-ego digitale. Piccola nota di merito sulla magnifica realizzazione della nave che ci porterà su Marte, che rende omaggio in maniera più che evidente ai vascelli volanti visti in Matrix, in particolare alla nave di Morpheus.
Nei panni mimetici del nostro marine senza nome e senza voce, saremo chiamati a ricacciare i demoni nel loro inferno e riportare a casa la nostra pellaccia con la testa ancora attaccata al collo. L'operazione si rivelerà ben più difficile del previsto, perché, oltre ad ogni sorta di rutilanti demoni venuti dagli Inferi, dovremo affrontare anche il novantanove per cento del personale della base, “posseduto” da malvagie entità e trasformato in terribili zombi cannibali con poco cervello ma con tanta voglia di banchettare con noi...come primo piatto, intendo. Risalire dal sottosuolo alla superficie sarà un impresa durissima, pervasa di orrore e colpi di scena, di sangue e paura, dove in ogni passo rischieremo la vita e la sanità mentale, avvinghiati nella morsa del puro terrore. Perché, oltre la grafica, oltre il sonoro, al di la della giocabilità e del background, Doom 3 è un titolo che punta sul terrore, quella paura che stilla lentamente da ogni bellissima texture e da ogni poligono, rimbalzando sulla mano che tiene il mouse, pronta a fare fuoco...e mai come in questo titolo sarà un Fuoco d'Inferno. Saltare sulla sedia non è mai stato così all'ordine del giorno come in D3 e di questi piccoli spaventi non ci si stanca mai...
Doom 3 - Immagine 79
Credetemi, abbatterlo sarà una vera impresa
Doom 3 - Immagine 80
Con gli appositi cheat sarà possibile attivare la modalità third person. Inutile, ma d'effetto
Doom 3 - Immagine 81
Un teleport o un'apparato digerente?

- 11 %

Acquista la versione PC

9,998.89

Doom 3

Disponibile per: Xbox, PC
Doom 3 PC Cover
  • Piattaforma: PC
  • Produzione: Activision
  • Sviluppo: ID Software
  • Genere: FPS
  • Multiplayer Locale: Assente
  • Multiplayer Online: Presente
  • PEGI: +18
  • Data di uscita: 13 agosto 2004
Empire
Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Chambers
Chambers

La teoria cellulare alla base della nuova serie horror Netflix

L'alienista
L'alienista

I Mindhunter nella New York di fine Ottocento

Empire
Atelier Lulua: The Scion of Arland
Atelier Lulua: The Scion of Arland

Torniamo ad Arland per seguire le avventure della giovane Lulua

Total War: Three Kingdoms
Total War: Three Kingdoms

La lotta dei tre regni secondo Creative Assembly

Sniper Elite V2 Remastered
Sniper Elite V2 Remastered

Cecchini ad alta risoluzione

Assetto Corsa Competizione

1

Assetto Corsa Competizione

Manca ormai poco ad Assetto Corsa Competizione. L'abbiamo provato in anteprima ed ecco le nostre impressioni

Team Sonic Racing

1

Team Sonic Racing

Sonic torna a sfrecciare sui kart!