Recensione Donkey Kong King of Swing

Paolo Mulas Di Paolo Mulas(23 febbraio 2005)
Dopo un periodo trascorso un po' in secondo piano, Donkey Kong è tornato veramente alla grande, prima con due giochi su Gamecube (Donkey Konga e Jungle Beat) ed ora finalmente anche su GameboyAdvance con King of Swing. C'è aria di grande fermento nella giungla per il gran giorno delle forestiadi. L'evento sportivo più atteso, è sempre più vicino e tutti i preparativi sembrano volgere al meglio, fino a che non fa la sua comparsa King K.Rool, lo storico nemico della D.k. crew che ha deciso di vendicarsi delle tante sconfitte subite rubando tutte le medaglie destinate alla premiazione dei vincitori. Chi può riportare tutto alla normalità prima dell'atteso evento? Solamente il prode Donkey Kong. Come le recenti produzioni a 128 bit, anche questo nuovo titolo che ha come protagonista il gorillone Nintendo porta in dote un nuovo ed originale sistema di controllo, che influenza in maniera marcata tutta la giocabilità. Difatti i dorsali L e R, non solo sono utilizzati per i movimenti verso sinistra e destra, ma soprattutto nelle fasi di “scalata” serviranno per controllare i due arti superiori del nostro alter ego peloso. Dovete sapere, infatti, che i livelli di King of Swing si estendono per la quasi totalità in altezza, e sono letteralmente disseminati di pareti e appigli in cui ci si potrà aggrappare.
Donkey Kong King of Swing - Immagine 1
Donkey ha puntato quelle banane.
Donkey Kong King of Swing - Immagine 2
Abbassata la leva comparirà la parete, ma solo per poco tempo!
Donkey Kong King of Swing - Immagine 3
Grazie a quei massi potremo sbarazzarci facilmente di quelle fastidiose libellule.
Una volta agganciati ad un determinato sostegno, rilasciando la presa di un braccio si avrà una rotazione nella rispettiva direzione, potremo così cercare un punto d'aggancio più in alto per salire un po' (ripremendo il dorsale della mano “libera”) oppure mollare totalmente la presa per lanciarci in una determinata direzione. Un meccanismo molto più semplice da provare che da descrivere, grazie anche al breve tutorial (a cura del vecchio Cranky) studiato egregiamente per apprendere le prime meccaniche di gioco. Una volta assimilato il giusto ritmo saremo già in grado di scalare le pareti più lunghe in tutta destrezza. Ogni livello può essere diviso in apposite aree, all'interno delle quali avremo a che fare con numerosi meccanismi da attivare o padroneggiare (come carrucole volanti, piattaforme in movimento, pareti che scompaiono e cosi via). King of Swing può vantare un buon bilanciamento tra fasi più votate all'azione, ed altre dove sarà invece richiesto un moderato utilizzo di materia celebrale. Non mancheranno poi numerosi nemici (per lo più vecchie conoscenze come kremling ed api), che ci leveranno una tacca d'energia col solo contatto, alcuni di questi potranno essere sconfitti con il nostro attacco (pressione continuata dei due dorsali) per altri potremo ricorrere all'interazione con elementi dello scenario (una bel masso in testa scoraggerà più di un avversario), mentre nelle situazioni più concitate potremo utilizzare l'invulnerabilità temporanea dal costo di venti banane.
Donkey Kong King of Swing - Immagine 4
Uno dei mini giochi: vince il più veloce ad arrampicarsi
Donkey Kong King of Swing - Immagine 5
Attenzione ai pneumatici; potrebbero farci rimbalzare senza controllo.
Donkey Kong King of Swing - Immagine 6
Le medaglie saranno spesso celate in posti difficilmente raggiungibili.
Il frutto giallo per eccellenza recita ancora una volta una parte fondamentale per Donkey Kong, la cui salute dipende appunto dal recupero delle banane; ogni dieci potremo riavere una parte di energia, o in alternativa potremo cercarne di accumularne maggiormente per usufruire del già citato power up. Se sulla varietà e sull'originalità del titolo c'è poco da obbiettare, qualche problema sorge sul bilanciamento della difficoltà; alcune sezioni appaiono francamente piuttosto ostiche e non aiuta il fatto che in alcuni casi basterà un piccolo errore di precisione per costringerci a ripetere un'intera sezione. La longevità è abbastanza buona, anche se i livelli piuttosto lineari, non offrono moltissimo in termini di rigiocabilità. Non mancano poi dei minigiochi (per l'appunto le forestiadi) affrontabili sia da un giocatore che in multiplayer. Niente di trascendentale in questo senso, ma è comunque un'aggiunta che fa sempre piacere. Per quel che riguarda la grafica, gli sviluppatori hanno fatto un buon lavoro soprattutto per quel che riguarda i personaggi, ben disegnati e ben animati, mentre i livelli hanno uno scarso livello di dettaglio e sfondi piuttosto poveri. Meglio il sonoro, con musiche azzeccate ed orecchiabili (alcuni pezzi sono dei classici della serie) ed effetti sonori decisamente divertenti. In conclusione Donkey Kong King of Swing, è sicuramente un buon gioco, divertente ed originale, che soffre però soprattutto per alcuni difetti legati al bilanciamento della difficoltà (a tratti davvero elevata) e per una poca cura dei particolari.

Donkey Kong King of Swing - Immagine 7
Gli sfondi sono abbastanza monotoni.
Donkey Kong King of Swing - Immagine 8
Una fase piuttosto “spinosa”.
7
Donkey Kong fa finalmente il suo esordio (in un gioco inedito) su Gba con risultati discreti: il titolo è difatti molto originale soprattutto per quel che riguarda il sistema di controllo, basato principalmente sui dorsali (che corrispondono alle braccia del gorillone), e vanta una buona commistione tra elementi platform e puzzle game. Peccato che non possa essere considerato un “classico” soprattutto per un livello di difficoltà mal bilanciato (troppo alto in certe fasi) e per una scarsa cura nei dettagli. I Paon, al loro titolo d'esordio, dimostrano comunque di avere grandi potenzialità
voto grafica6,5
voto sonoro8
voto gameplay7
voto durata6,5
0 commenti

Donkey Kong King of Swing

Donkey Kong King of Swing Game Boy Cover
Empire
Chernobyl

2

Chernobyl

Sky e HBO ci mostrano senza troppi filtri il disastro nucleare più famoso della storia.

Good Omens
Good Omens

Pronti all'Armageddon più divertente di sempre?

Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Chambers
Chambers

La teoria cellulare alla base della nuova serie horror Netflix

Empire
Spellforce 3: Soul Harvest
Spellforce 3: Soul Harvest

Ritornando tutti a casa

L'E3 2019 di Nintendo
L'E3 2019 di Nintendo

Nintendo sbaraglia tutti!

Octopath Traveler
Octopath Traveler

Octopath Traveler arriva su PC in grande stile

L'E3 di Ubisoft: pochi guizzi, tanta noia

4

L'E3 di Ubisoft: pochi guizzi, tanta noia

Ma a questo punto non sarebbe meglio un Direct?

L'E3 2019 di Microsoft, tra nuvole e Scarlett

11