Recensione Difret - Il Coraggio per Cambiare

L'emancipazione della donna, raccontata con coraggio!
Roberto Vicario Di Roberto Vicario(21 gennaio 2015)
L'emancipazione della donna è un argomento che il cinema, in maniera sempre più dirompente, ha iniziato a trattare raccontando storie come Mi piace Lavorare - Mobbing di Francesca Comencini, We Want Sex (Equality) di Nigel Cole, o l'ancora più famoso Erin Brockovich di Steven Soderbergh in grado di regalare l'oscar ad una super convincente Julia Roberts.

Difret - Il Coraggio di Cambiare, pone però l'attenzione su argomento, se vogliamo, ancora più drammatico se paragonato all'emancipazione per cui lotta la donna occidentale, ed è quello del totale annullamento di qualsiasi diritto umano, legato a riti obsoleti e ancestrali che molti villaggi e paesi dell'Africa (ma non solo!) utilizzano tutt'oggi.
Difret - Il Coraggio per Cambiare - Immagine 1

Il coraggio di voler cambiare

Per poter raccontare con occhio lucido e forte senso critico la condizione della donna, il regista Zeresenay Berhane Mehari - residente negli Stati Uniti, ma nato in Etiopia - ci porta a vivere con gli occhi della telecamera una vicenda realmente accaduta nel suo paese di origine.

1996, siamo in uno dei villaggi che si contrappongo alla voglia di modernità della capitale etiope Addis Abeba, qui vive Hirut (Tizita Hagere) un ragazza di quattordici anni che tornando da scuola viene rapita e stuprata da un gruppo di uomini. Un atto di bestialità che nasconde in realtà un rituale ancestrale chiamato telafa. Questa pratica prevede il rapimento della donna che si vuole sposare. Pratica tutt'oggi ancora in uso.
  • Difret - Il Coraggio per Cambiare - Immagine 2
  • Difret - Il Coraggio per Cambiare - Immagine 3
  • Difret - Il Coraggio per Cambiare - Immagine 4

Fortunatamente la ragazza riesce a fuggire dal luogo in cui viene tenuta prigioniera, ma durante la fuga spara a Tadele, l'uomo che ha organizzato il rapimento e che voleva sposare la ragazza. Visto il gesto scellerato, Hirut ha paura della pena di morte, ma in suo aiuto arriva Meaza Ashenafi (Meron Getnet), un'avvocatessa da sempre in lotta per l'emancipazione della donna e contro i soprusi perpetrati dagli uomini, grazie alla sua associazione Andenet. Sarà lei a aiutare la piccola Hirut.

Il titolo del film nasconde una doppia chiave di lettura. Difret, in etiope, vuol dire coraggio, voglia di osare, ma allo stesso tempo è usata anche nella pratica di rapimento sopra raccontata. Questo è l'esempio più semplice che possiamo farvi sui contrasti di cui vive il film.

Per raccontare una condizione assolutamente arcaica e fuori da ogni logica, Mehari ha deciso di farlo attraverso i contrasti, e così, per tutta la durata della pellicola, vivremo prospettive diverse, in grado di raccontarci come la strada per la libertà sia ancora lunga e tortuosa.

Il passaggio di Hirut dalla vita rurale alla città di Addis Abeba, i contrasti culturali tra l'emancipata avvocatessa e l'accusa impersonata da un uomo legato sin da bambino agli indottrinamenti culturali, sino ad arrivare alla netta diversità di un moderno tribunale, contrapposto al consiglio degli anziani del piccolo villaggio.
Il film si nutre di questi contrasti raccontando una storia asciutta e diretta, evitando di scadere nel drammatico, ma limitandosi semplicemente a raccontare quella che è la mentalità ancora oggi radicata in molte menti dei paesi africani. Mehari in questo è molto bravo, grazie anche un cast che riesce perfettamente a far trasparire il bigottismo e l'arretratezza culturale di cui ancora oggi la figura femminile è vittima.

Difret - Il Coraggio di Cambiare- è un film che, siamo certi, risulterà scomodo per molti, soprattutto nel paese di origine e in altri paesi che utilizzano pratiche simili. Una pellicola pensata tanti anni fa, che ha vissuto diversi problemi di produzione, fin quasi alla cancellazione definitiva. A risollevare le sorti di questo progetto ci ha pensato Angelina Jolie, sempre più attiva in campo sociale, che affascinata dalla storia e dal soggetto ha deciso di figurare come co-produttrice.

Scelta azzecca non solo per la valenza della pellicola - capace anche di vincere il Sundance Festival - ma soprattutto perché dalla possibile cancellazione si è passati ad un attenzione mediatica, che non può che giovare alla produzione.

D'altronde, come dice il titolo del film, non bisogna mai smettere di lottare, ma lottare con coraggio per difendere i proprio diritti, ma più di ogni altra cosa i propri sogni.
Difret - Il Coraggio di Cambiare, è un film che racconta, senza troppi fronzoli, la condizione in cui alcune donne, ad oggi, devono ancora vivere. Una pellicola che piuttosto che romanzare preferisce raccontare, con occhio attento ma non distaccato. Uscendo dalla sala vi verrà da riflettere su quali possono essere i traguardi che l'umanità deve ancora raggiungere, e proprio per questo non possiamo che consigliarlo.

Difret - Il Coraggio per Cambiare

Difret - Il Coraggio per Cambiare Cover
  • Titolo Originale: Difret
  • Regia: Zeresenay Berhane Mehari
  • Produzione: Angelina Jolie
  • Nazionalità: Africa
  • Distributore: Satine Film
  • Sceneggiatura: Zeresenay Berhane Mehari
  • Genere: Drammatico
  • Durata: 99 min.
  • Data di uscita: 22 gennaio 2015
  • Cast: Meron Getnet, Tizita Hagere, Shetaya Abreha, Haregewoin, Mekonen Laeake, Meaza Tekle
Empire
True Detective

3

True Detective

Due detective, un omicidio e un feticcio nel bosco. Suona familiare?

Das Boot

1

Das Boot

Tutti pronti per l'immersione su Sky?

Le Terrificanti Avventure di Sabrina

2

Le Terrificanti Avventure di Sabrina

Bentornata Sabrina! Più horror, più latino ma soprattutto... più Satana

Netflix

1

Netflix

Siete di nuovi su Netflix? Eccovi qualche consiglio..

Empire
L'agenzia dei bugiardi
L'agenzia dei bugiardi

Una commedia chiassosa sulle dinamiche di coppia

L'agenzia dei bugiardi
L'agenzia dei bugiardi

La conferenza stampa del cast

Creed II

1

Creed II

Adonis torna sul ring, ma stavolta il vero protagonista è Rocky...

Se la strada potesse parlare
Se la strada potesse parlare

Ritorna in scena il regista di Moonlight, ma è un passo indietro

Mia e il leone bianco
Mia e il leone bianco

Non è l'anno del Leone..