Tiscali

Recensione Devil May Cry 2

La leggenda di Sparda si tramanda a suo figlio. Il suo nome è Dante!
Fabrizio Cirillo Di Fabrizio Cirillo(14 aprile 2003)

Riuscire a sorprendere il pubblico videoludico con un gioco originale è già una cosa assai complicata; ma riuscire a farlo per ben due volte è un compito quasi impossibile. Capcom ha voluto comunque tentare l'impresa con Devil May Cry 2; ma, ahimé, il risultato ha rispettato appieno il pronostico, deludendo, se pur in parte, così tutti coloro che attendevano questa uscita con ansia.

Pur essendo infatti rinnovato in ogni sua feature rispetto al prequel, Devil May Cry 2 non dimostra di possedere nulla in più rispetto al proprio predecessore: a partire dalla trama, decisamente al di sotto delle aspettative, per poi proseguire con l'ambientazione che, unendo il vecchio al nuovo, lascia decisamente perplessi; ma andiamo con ordine.

Devil May Cry 2 - Immagine 2
Devil May Cry 2 - Immagine 3
Devil May Cry 2 - Immagine 4

Dirigendosi al nord il cacciatore di demoni conoscerà il suo destino

La storia, che si colloca cronologicamente a qualche anno di distanza dalle vicende del primo DMC, è sempre incentrata sul personaggio del buon Dante, che dovrà ancora una volta difendere il mondo degli umani dal ritorno delle forze oscure. Nello svolgere questo compito, però, avrà al suo fianco una nuova partner: la stupenda Trish ha infatti lasciato il posto ad una meno attraente ma ben più concreta Lucia, una donna mezzo demone che aiuterà Dante nello svolgimento delle proprie ';mansioni'; la presenza di Lucia e la possibilità di sceglierla come personaggio rappresentano le prime novità del gioco. Proprio in virtù della possibilità di vestire indifferentemente i panni di Dante o quelli di Lucia, Devil May Cry 2 è diviso in ben due DVD (uno per ciascun attore) nei quali i due protagonisti vivranno due avventure differenti, anche se ovviamente non mancheranno i punti di contatto.

Rispetto al prequel, inoltre, è aumentato in modo consistente il numero di azioni che Dante potrà compiere: Dante potrà infatti saltare sui muri, sparare a più nemici contemporaneamente (cosa impossibile nel prequel) e soprattutto usare armi non convenzionali (come un improbabile lanciarazzi) o straordinari poteri dopo la sua trasformazione in demone. Il team di sviluppo ha infatti deciso di puntare più sulla fase propriamente attiva che su quella esplorativa del gioco, esaltando quindi le doti atletiche e funamboliche del nostro personaggio.

Il caos è all'apice quando il cacciatore corre verso il cielo

Viste le premesse del prequel, da Devil May Cry 2 ci si aspettava decisamente qualcosa in più anche dal punto di vista grafico. Tecnicamente infatti il gioco ha rispettato solo in parte le attese, proponendo comunque una maggiore varietà di ambientazioni che, soprattutto per la loro complessità, risultano sempre assai credibili e mai ripetitive. Ottima anche la qualità delle texture, sia delle strutture ';fisse' (splendida, a tale proposito, la definizione di alcuni edifici in stile gotico) che dei personaggi, decisamente più curati rispetto al primo Devil May Cry; buona a tal proposito anche la pulizia generale delle immagini, a cui è stata data una maggior rilevanza che nel prequel con conseguente assenza di fenomeni di clipping e soprattutto attenuazione dell'aliasing.

Devil May Cry 2 - Immagine 5
Devil May Cry 2 - Immagine 6
Devil May Cry 2 - Immagine 7

Salta invece subito agli occhi l'esiguità della gamma di colori utilizzata: assolutamente dominanti le tinte di grigio e di marrone, con i soli colori accesi dell'abbigliamento di Dante e gli effetti speciali di sicuro effetto a dare un po' di luce e di vivacità all'insieme. Altro elemento negativo è rappresentato dall'accostamento tutt'altro che ottimale delle diverse ambientazioni di gioco. Se infatti nel primo capitolo della serie l'ambientazione storica risultava evidente, in questo nuovo capitolo l'alternanza di strutture antiche con grattacieli ed altre costruzioni moderne rende difficile la collocazione storica della vicenda. Appare invece fondamentalmente legato alla vastità delle ambientazioni il deficitario sistema di inquadratura che, ereditato dal prequel, in DMC2 risulta addirittura peggiorato.

Le varie telecamere, che dovrebbero seguire al meglio i movimenti del personaggio all'interno delle diverse aree di gioco (sulla falsa riga dello stile applicato a regola d'arte nell'intera serie di Resident Evil), spesso e volentieri finiscono per essere impallate dalle enormi strutture presenti, e la mancanza di una telecamera mobile spesso vi impedirà di localizzare al meglio la posizione dei vostri avversari.

Ottimo invece il frame rate, che nonostante la complessità di alcuni scenari non scende mai al di sotto dei 30 fps, così come da rimarcare in senso positivo la frequente presenza di bei filmati in FMV che fanno da intermezzo alle varie sezioni di gioco.

Da rilevare infine l'ottima conversione dal sistema NTSC al sistema PAL, ora decisamente più azzeccata grazie anche alla modalità di selezione della velocità di refresh ai ben più redditizi 60 Hz.

Devil May Cry 2 - Immagine 9
Devil May Cry 2 - Immagine 10
Devil May Cry 2 - Immagine 11

Lo sfidante sopravverrà mentre il re fugge

Nella realizzazione di Devil May Cry 2 il team di sviluppo della Capcom ha puntato a migliorare in particolare il livello di giocabilità. Dante e la sua controparte femminile Lucia sono infatti ora in grado di effettuare molte più combo dall'effetto devastante e di compiere azioni spettacolari: Dante può adesso saltare molto più in alto, rimbalzare sui muri e utilizzare le proprie armi da fuoco anche in modo indipendente per eliminare più di un avversario alla volta. La trasformazione in demone incrementa ulteriormente il numero di azioni e di mosse che egli può compiere. Tuttavia l'importanza del livello di spettacolarità sembra aver preso in parte il sopravvento sulla qualità del gameplay: il gioco risulta infatti equilibrato verso il basso, quindi troppo semplice ed addirittura completabile in sole cinque/sette ore di gioco complessive per ciascun DVD. A dire il vero l'aspetto relativo all'intelligenza artificiale dei nemici è stato tralasciato al punto che la spettacolarità del gioco alla lunga finisce per risultare controproducente e a volta addirittura noiosa.

Devil May Cry 2 - Immagine 12
Devil May Cry 2 - Immagine 13
Devil May Cry 2 - Immagine 14

Ottimi invece sia il sistema di controllo (del tutto identico al prequel e decisamente azzeccato) che l'audio. Quest'ultimo risulta sempre molto coinvolgente ed azzeccato, alternando sapientemente i suoni di stampo dark con la musica rockeggiante tipica delle situazioni più concitate; probabilmente sistema di diffusione più moderno come il sistema 5.1 sarebbe stato più appropriato, ma sono dettagli che almeno per il momento non sono determinanti in un gioco di questo livello.

5,5
Stilare un giudizio complessivo su Devil May Cry 2 è un compito assai arduo. Tecnicamente parlando, infatti, questo gioco dimostra una certa qualità, soprattutto in virtù di una grafica molto più dettagliata rispetto alla versione precedente e di un sistema di gioco sempre ai massimi livelli. La presenza inoltre di ben due DVD e di un nuovo personaggio selezionabile dovrebbero essere ulteriori elementi a sostegno di un giudizio più che positivo. Ciononostante dobbiamo affermare che Devil May Cry 2 ha per molti versi deluso le aspettative generali: dopo aver ammirato il prequel, infatti, ci si attendeva francamente qualcosina in più. Soprattutto questo gioco non ha saputo dimostrarsi più convincente della versione precedente, anche se forse era comunque difficile riuscire in tale impresa, vista l'originalità del primo capitolo della serie. Da considerarsi quindi un must per tutti quelli che intendono vivere le gesta di Dante ancora una volta o per chi non ha potuto utilizzare il primo Devil May Cry.
voto grafica5,5
voto sonoro7
voto gameplay7
voto durata5

Devil May Cry 2

Devil May Cry 2 PS2 Cover
  • Piattaforma: PS2
  • Produzione: Capcom
  • Sviluppo: Capcom
  • Genere: Action / Adventure
  • Multiplayer Locale: Assente
  • Multiplayer Online: Assente
  • PEGI: +18
  • Data di uscita: 26 marzo 2003
Empire
The Big Bang Theory

5

The Big Bang Theory

It all started with the Big Bang!

Chernobyl

2

Chernobyl

Sky e HBO ci mostrano senza troppi filtri il disastro nucleare più famoso della storia.

Good Omens
Good Omens

Pronti all'Armageddon più divertente di sempre?

Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Empire
The Sinking City

5

The Sinking City

Frogwares ci promette la follia di Lovecraft

Samurai Shodown

7

Samurai Shodown

Il grande ritorno di un autentico mito

Car Mechanic Simulator

1

Car Mechanic Simulator

Tutto il fascino del lavoro del meccanico senza dovervi sporcare di grasso..

eFootball PES 2020

1

eFootball PES 2020

Abbiamo provato il nuovo capitolo del calcistico di Konami!

Verona Comic Fest 2019

1

Verona Comic Fest 2019

A tu per tu con i mitici Oliver Onions!