Recensione Crazy Taxi

Redazione GamesurfDi Redazione Gamesurf (18 febbraio 2000)
Non si può dire che Crazy Taxi non abbia ricevuto la sua bella dose di hype (oscuro termine inglese che identifica il marketing esagerato e fracassone), grazie ai continui annunci della casa madre, alle informazioni e filmati rilasciati con regolarità, nonché al successo ottenuto nelle sale giochi di tutto il mondo. Spesso, una forte campagna pubblicitaria può rivelarsi un'arma a doppio taglio per la stessa casa produttrice, che si ritrova con un prodotto non all'altezza delle enormi aspettative create nel suo pubblico. E' stato il caso di giochi come Tiberian Sun su PC o Final Fantasy 8 su PlayStation, entrambi buoni prodotti, ma non i classici che ci si aspettava. Sarà anche il caso di Crazy Taxi? Oppure il gioco AM3 è veramente tutto quello che Sega ci ha fatto credere in questi mesi? La risposta sarà data alla fine dell'articolo (e nel relativo commento), per ora limitiamoci a seguire quella che è la "prassi" nell'esposizione del gioco
Crazy Taxi - Immagine 1
Gus sfreccia sui dossi di Frisco, nell'introduzione
Come ormai saprà la maggior parte dei lettori, l'impostazione del titolo AM3 ruota attorno al trasportare in maniera rapida (e cruenta) il maggior numero di clienti possibile entro il limite di tempo messo a disposizione. A questo scopo, sono disponibili quattro "tassinari" dall'aspetto fortemente caratterizzato, dotati di vetture diversificate nella ripresa, nella tenuta di strada nonchè nella manovrabilità. Iniziando una partita faremo immediatamente la conoscenza di Axel, BD Joe (BD acronimo di Bad Driver? Può essere...) Gena e Gus, quattro cabbie (dicasi taxista in inglese) pronti a sfrecciare sulle strade delle moderne metropoli. Anche se il gioco non utilizza alcun nome "ufficiale" per le due città presenti, è impossibile non riconoscere in San Francisco gran parte del paesaggio che ci circonda, data la presenza degli inconfondibili Cable Car e dei dossi che l'hanno resa famosa in più di un film poliziesco. Una volta scelto il nostro alter ego si va in strada, e si iniziano a cercare i primi clienti. Questi ultimi sono caratterizzati da un cerchio di varie tinte ai loro piedi, che determina la difficoltà (e il corrispettivo guadagno in denaro) nel loro trasporto, secondo una scala di colore che va, da facile a difficile, in questo modo: rosso-arancione-giallo-verde
0 commenti

Crazy Taxi

Disponibile per: Xbox 360, Dreamcast , PC, GameCube, PS2, Xbox
Crazy Taxi Dreamcast Cover
  • Piattaforma: Dreamcast
  • Produzione: SEGA
  • Sviluppo: Am3
  • Genere: Arcade, Gioco di Guida
  • Multiplayer Locale: Presente
  • Multiplayer Online: Presente
  • PEGI: +12
  • Data di uscita: 25 febbraio 2000
Empire
The Big Bang Theory

5

The Big Bang Theory

It all started with the Big Bang!

Chernobyl

2

Chernobyl

Sky e HBO ci mostrano senza troppi filtri il disastro nucleare più famoso della storia.

Good Omens
Good Omens

Pronti all'Armageddon più divertente di sempre?

Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Empire
Bloodstained: Ritual of the Night

5

Bloodstained: Ritual of the Night

Il ritorno in auge di Koji Igarashi

F1 2019

8

F1 2019

Formula 2, eSport e tante novità nella versione 2019 di Formula 1

Judgment

4

Judgment

SEGA inaugura una nuova saga dalle ceneri di Yakuza

Super Cane Magic ZERO

1

Super Cane Magic ZERO

Un buon action RPG dalla trama surreale

Spellforce 3: Soul Harvest
Spellforce 3: Soul Harvest

Ritornando tutti a casa