Recensione Copperman

In ognuno di noi c'è un super eroe
Luca Gambino Di Luca Gambino(11 febbraio 2019)

Anselmo è un bambino “speciale” che ha due punti fermi nella sua giovanissima vita: ama i cerchi e odia il giallo. Due dogmi che segue ciecamente e che affianca all’amicizia con Titti, compagna di scuola che intende sposare di lì a breve, e alla ferma convinzione che il padre sia un supereroe. Una realtà parallela, ovviamente, inventata dalla madre per nascondere quella ben più triste che lo vede fuggire via per non avere la responsabilità di un figlio come Anselmo. L’amicizia con Titti è però osteggiata dal padre della bambina, che arriva addirittura a sparare (a sale) al povero bambino per allontanare “il ritardato”, come lo chiama lui, dalla giovane figlia. E’ la goccia che fa traboccare il vaso, perché la madre di Anselmo denuncia quello che è conosciuto come un noto criminale (presta i soldi a strozzo all’intero paese), facendolo arrestare. La diretta conseguenza è che Titti viene data in affido ai servizi sociali, sparendo di fatto dal paese.

Perso l’unico punto di riferimento, la mente di Anselmo si dissocia ulteriormente, portandolo nel corso della sua crescita a convincerlo di essere lui stesso un super eroe. Aiutato dal fabbro del paese (Tommaso Ragno), Anselmo inizierà la sua carriera sotto le false vesti di Copperman (vista la sua armatura in rame). L’unico super potere di Anselmo è quello di volere aiutare la gente, sempre e comunque. Non sa volare, non ha una super forza e riesce a malapena a pattinare per spostarsi velocemente tra le strette strade del paese, ma è mosso da un cuore enorme e da una profonda incoscienza.

Il messaggio di Eros Puglielli è proprio questo: non servono armature e mantelli per essere degni di essere considerati super eroi. In una società dove la normalità è considerata quasi “fuori moda”, a volte basta anche semplicemente allungare una mano verso il prossimo per compiere un gesto degno del miglior Tony Stark. E lo svolgimento di Copperman segue alla perfezione questo canovaccio, incentrando l'attenzione più lo sviluppo emotivo e psicologico di Anselmo che non le sue evoluzioni sotto la pesante armatura di Copperman. Si ride meno di quanto ci si potrebbe aspettare, anzi non mancheranno i momenti drammatici ma l’interpretazione di un ottimo cast che oltre ad Argentero vede anche Galatea Ranzi (la madre) e Antonia Truppo (Titti Adulta), rendono la pellicola capace di scorrere via fluida per quasi tutti i 90 minuti di durata. Copperman si “inceppa” forse verso la parte conclusiva del film, pur non compromettendo la qualità complessiva della pellicola.

E’ comunque opportuno specificare che Copperman non è un film sui super eroi e non vuole in alcun modo innestarsi nel filone di lavori come “Lo chiamavano Jeeg Robot”, quanto piuttosto un film che, così come Anselmo, utilizza la corazza da per veicolare altri messaggi, come la cultura del “diverso” e la necessità di trovare umanità laddove pare si stia perdendo ogni giorno di più. Un buon lavoro, quello di Puglielli, che probabilmente avrebbe meritato una maggiore cassa di risonanza e visibilità.

Copperman
Copperman - Immagine 215028
Copperman - Immagine 215027
Copperman - Immagine 215026
Copperman - Immagine 215025
Copperman - Immagine 215024
Copperman - Immagine 215023
Copperman - Immagine 215022
Copperman - Immagine 215021
Copperman - Immagine 215020
Copperman - Immagine 215019

Copperman è una buona pellicola che si allontana dal genere supereroistico italiano, per andare a toccare temi sicuramente più profondi e tristemente attuali nella nostra società. Dispiace non avere assistito ad una migliore e massiccia promozione del film, che avrebbe meritato una spinta più adeguata verso il pubblico. Rimane un’ottima interpretazione di un Luca Argentero perfettamente calato nella parte e in grado di dare un cuore umano e pulsante che batte sotto l’armatura di rame. Anzi, se c’è una cosa che Copperman riesce a trasmettere è che la sola voglia di aiutare il prossimo sia, essa stessa, indice di super eroismo.

Copperman

Copperman Cover
  • Regia: Eros Puglielli
  • Produzione: Notorious Pictures, Eliofilm
  • Nazionalità: Italia
  • Distributore: Notorious Pictures
  • Sceneggiatura: Eros Puglielli
  • Genere: Drammatico
  • Data di uscita: 14 febbraio 2019
  • Cast: Luca Argentero, Galatea Ranzi, Fortunato Cerlino, Antonia Truppo, Gianluca Gobbi, Tommaso Ragno
Empire
Russian Doll

4

Russian Doll

Morire un'infinità di volte può aiutare a comprendere la vita?

The Passage
The Passage

Può una bambina di dieci anni salvare l'intera umanità?

Sex Education
Sex Education

Sesso, scuola e indie rock

Star Trek: Discovery
Star Trek: Discovery

La seconda stagione parte subito con il botto!

Butterfly
Butterfly

La storia di una bambina transgender raccontata con tatto e delicatezza

Empire
Mamma + Mamma
Mamma + Mamma

La storia (vera) di un amore in grado di realizzare i desideri

Dragon Ball Super: Broly
Dragon Ball Super: Broly

Dal 28 febbraio nei cinema arriva il nuovo film della saga dei Saiyan: "Dragonball Super: Broly".

La paranza dei bambini
La paranza dei bambini

Un triste racconto di vita vera...

La paranza dei bambini

2

La paranza dei bambini

La perdita dell'innocenza dei paranzini di Claudio Giovannesi conquista la Berlinale

10 giorni senza mamma

2

10 giorni senza mamma

La guerra, in casa