Recensione City of Lies

Il caso Tupac/Notorius B.I.G. diventa un film
Carlo Mansoni Di Carlo Mansoni(10 gennaio 2019)

Dopo tanti rimandi e tanta attesa arriva finalmente nelle sale italiane il film City of Lies - L’Ora della Verità, diretto da Brad Furman. Uno spaccato, in salsa poliziesca, della scena rap a cavallo tra gli anni ’80 e ’90. 

OLTRE LA RELIGIONE DELLA STRADA

Il rap negli Stati Uniti è sempre stato un fenomeno che travalica il concetto stesso di musica. In particolare, a cavallo di quegli anni, il rap era un sussulto, una disperata voce di rivalsa che cercava di urlare al mondo le difficoltà e la frustrazione di chi è cresciuto nella difficile vita della “strada”. 

Ed è da qui che partono le grandi rivalità, sfociate poi in tragedia, tra la scuola dell’east coast e quella della west coast, con quei due capi unici e carismatici di nome Notorius B.I.G. e Tupac. Entrambi, purtroppo, sono stati le più illustri vittime di una faida, spesso e volentieri resa più mass mediatica di quello che realmente era, ma che si dimostrò, a conti fatti, più che mai reale e tangibile. 

Furman indaga in tutto questo mescolando con relativa bravura la realtà dei fatti ad una storia dalle tinte poliziesche; lo fa unendo degli spaccati di realtà come filmati di repertorio a scena di pura recitazione, aiutato da un Johnny Depp forse realmente ritrovato (dopo Grimdelwalt, anche qui un’ottima performance) e un Forest Whitaker forse un po’ troppo “sopra le righe” per il tono della pellicola, ma comunque sempre molto bravo nel portare “a casa" la scena. 

Quello che ne esce è un film che ci ha ricordato con piacere quel filone poliziesco che tanto funzionò negli anni ’90. La storia si sviluppa su due piani temporali differenti e  segue da vicino le vicende del poliziotto dell’LAPD Russell Poole (Depp) che nel 1997 si trova ad indagare sugli omicidi dei due rapper, ancora oggi irrisolti; dopo una carriera finita male, sarà il giornalista Jackson (Whitaker) a cercare di fare squadra con Poole, per fare luce su questi omicidi. 

City of Lies - Immagine 1

Sebbene piacevole e coinvolgente dall’inizio alla fine, City of Lies richiede un fortissimo sforzo di concentrazione. Scegliendo un approccio quasi giornalistico al film, il regista, nel corso di oltre 100 minuti, snocciola e menziona un gran numero di nomi e situazioni che, per comprendere tutta la rete di coperture e torbide operazioni, è necessario tenere bene a mente. 

Tolto questo però, quello che rimane è un poliziesco appassionato e appassionante. Un lungometraggio in cui il regista, aiutato dall’ottima fotografia di Monika Lenczewska, riesce a far trasmettere la passione e la sua voglia di raccontare un argomento ancora oggi fortemente dibattuto. In aiuto c’è anche la buonissima sceneggiatura di Christian Contreras, che è riuscito a condensare sotto forma di film un libro ricco e complesso come quel Labyrinth di Randall Sullivan da cui il film trae ispirazione. 

In sostanza City of Lies - L’ora della Verità è un thriller estremamente piacevole e in grado di raccontare una serie di vicende che ancora oggi affascinano e non trovano risposta. Il piglio quasi documentaristico di alcuni passaggi potrebbero non essere gradito da qualche spettatore, ma nel complesso Furman, aiutato lo ribadiamo da buone performance attoriali, riesce a farci sentire parte di quella indagine.

City of Lies
City of Lies - Immagine 213946
City of Lies - Immagine 213945
City of Lies - Immagine 213944
City of Lies - Immagine 213943
City of Lies - Immagine 213942
City of Lies - Immagine 213941
City of Lies - Immagine 213940
City of Lies - Immagine 213939
City of Lies - Immagine 213938
City of Lies - Immagine 213937

Nonostante non faccia gridare al miracolo, City of Lies riesce ad intrattenere dall’inizio alla fine lo spettatore. L'unica richiesta palese del film è quella della massima attenzione. Di fatto, la palese mole di informazioni che devono essere digerite, se affrontante sotto gamba, potrebbero penalizzare fortemente la visione. Ad ogni modo, promosso.

City of Lies

City of Lies Cover
  • Regia: Brad Furman
  • Produzione: Romulus Entertainment, Good Films, FilmNation Entertainment
  • Nazionalità: USA
  • Distributore: Notorious Pictures
  • Sceneggiatura: Christian Contreras
  • Genere: Thriller, Biografico
  • Durata: 112 min.
  • Data di uscita: 10 gennaio 2019
  • Cast: Johnny Depp, Forest Whitaker, Toby Huss, Dayton Callie, Neil Brown Jr., Louis Herthum, Shea Whigham, Xander Berkeley, Shamier Anderson, Laurence Mason, Michael Paré, Amin Joseph, Glenn Plummer, Melanie Benz
Empire
Chernobyl

2

Chernobyl

Sky e HBO ci mostrano senza troppi filtri il disastro nucleare più famoso della storia.

Good Omens
Good Omens

Pronti all'Armageddon più divertente di sempre?

Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Chambers
Chambers

La teoria cellulare alla base della nuova serie horror Netflix

Empire
I morti non muoiono
I morti non muoiono

Jarmusch e zombi: un binomio perfetto

Pets 2 - Vita da Animali
Pets 2 - Vita da Animali

Tornano i nostri animali domestici preferiti!

X-men: Dark Phoenix

2

X-men: Dark Phoenix

Il canto della Fenice

Arrivederci Professore
Arrivederci Professore

L'attimo fuggente di Johnny Depp

Una mostra per Stanley

1

Una mostra per Stanley

Tutto il genio di Kubrick esposto alla Stanley Kubrick - The Exhibition