Recensione Captive State

Gli alieni sono arrivati e governano la Terra
Elisa Giudici Di Elisa Giudici(21 marzo 2019)

Gli alieni sono sbarcati sulla Terra, ma questo non fa più notizia. Sono infatti passati 9 anni da quando è avvenuto il primo contatto con una specie extraterrestre e si può ben dire che sin da subito la situazione non è stata particolarmente a favore del genere umano. Infatti gli alieni di Captive State - con le loro enormi astronavi e le loro pericolosissime abilità da mutaforma - hanno ben presto costretto l’umanità alla resa. Niente assedio prolungato, niente resistenza eroica dei terrestri: in uno schiocco di dita la Casa Bianca e il resto delle amministrazioni mondiali ha sollevato bandiera bianca.

Stavolta però gli obiettivi dei Legislatori (così si fanno chiamare) sono più indecifrabili che mai. Dopo aver preso possesso dei maggiori centri urbani del mondo e dopo averne negato l’accesso ai terrestri, gli alieni hanno radunato intorno a sé le élite del pianeta, impiegando buona parte del resto della popolazione in attività estrattive e di scavo. Le loro grandi capitali sono sorte sottoterra, al riparo da sguardi indiscreti e gli alieni stessi si vedono raramente in carne e ossa…o di qualsiasi materia organica siano fatti. Il giovane Gabriel (Ashton Sanders) può giusto osservare il porto di Chicago, da cui partono ogni giorno navi spaziali dirette chissà dove, spesso con un carico di umani a bordo.

La costruzione della trama di Captive State è così lenta e metodica che talvolta si dubita che ci sia una componente thriller o una tensione fantascientifica, o persino un senso nell’intero film. La strada è ancora una volta quella aperta e percorsa da District 9: il contesto urbano statunitense in cui si muove la fantomatica, sparuta resistenza della Fenice è brullo, privo di colore, a un passo dal ghetto.

Impotenti di fronte agli alieni, gli umani si ritrovano ancora una volta divisi tra ricchissimi e poverissimi: il discrimine è l’accesso alle misteriose città sotterranee, la benevolenza accordata dagli alieni. Il controllo della criminalità è effettuato tramite una sorta di larva-chip dentro il collo, che permette di tracciare la posizione di ogni singolo essere umano e di ascoltarne le conversazioni.

Captive State - Immagine 2

Quella scritta e diretta da Rupert Wyatt (L’alba del pianeta delle scimmie) è una lenta apocalisse che con il blockbuster estivo ha in comune la sensazione che per l’umanità non ci sia nulla da fare e con District 9 la strisciante metafora del presente e della discriminazione e segregazione razziale. Man mano che seguiamo Gabriel e il detective William Mulligan (John Goodman) all’interno dell’ultima organizzazione terrestre decisa a opporsi ai Legislatori, il fine del film appare chiaro, il colpo di scena un po’ prevedibile.

Data la severità dell’intero film - minimale nei toni, nei dialoghi, nelle scene d’azione, persino nei colori - molto del responso finale dipende dai vostri gusti. Captive State è decisamente uno slow burner, un film che si prende il suo tempo per spiegare il suo messaggio e arrivare al dunque. Forse però quello che ha da darci e quello che vuole dirci non valgono davvero tutta l’attesa e la pazienza richiesta.

Captive State

Captive State Cover
  • Regia: Rupert Wyatt
  • Produzione: Participant Media, Lightfuse & Gettaway, Amblin Partners
  • Nazionalità: USA
  • Distributore: Adler Entertainment
  • Sceneggiatura: Erica Beeney, Rupert Wyatt
  • Genere: Thriller, Fantascienza
  • Durata: 109 min.
  • Data di uscita: 28 marzo 2019
  • Cast: John Goodman, Vera Farmiga, Ashton Sanders, Madeline Brewer, Machine Gun Kelly, Alan Ruck, James Ransone, KiKi Layne, Kevin J. O'Connor, Ben Daniels, D.B. Sweeney, Jonathan Majors
Empire
Chernobyl

2

Chernobyl

Sky e HBO ci mostrano senza troppi filtri il disastro nucleare più famoso della storia.

Good Omens
Good Omens

Pronti all'Armageddon più divertente di sempre?

Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Chambers
Chambers

La teoria cellulare alla base della nuova serie horror Netflix

Empire
I morti non muoiono
I morti non muoiono

Jarmusch e zombi: un binomio perfetto

Pets 2 - Vita da Animali
Pets 2 - Vita da Animali

Tornano i nostri animali domestici preferiti!

X-men: Dark Phoenix

2

X-men: Dark Phoenix

Il canto della Fenice

Arrivederci Professore
Arrivederci Professore

L'attimo fuggente di Johnny Depp

Una mostra per Stanley

1

Una mostra per Stanley

Tutto il genio di Kubrick esposto alla Stanley Kubrick - The Exhibition