Recensione Capri-Revolution

Mario Martone porta sugli schermi una Capri che forse non abbiamo mai visto
Elton Gllava Di Elton Gllava(13 dicembre 2018)

Mario Martone con Capri-Revolution chiude il trittico iniziato con Noi Credevamo (2010) e proseguito con Il Giovane Favoloso (2014). Il film si ispira alla vita e al pensiero del pittore e utopista tedesco Karl Diefenbach, che si trasferì a Capri nel 1900 dopo che la comune da lui fondata in Austria andò in bancarotta.

Siamo nel 1914, vigilia della Prima Guerra Mondiale, anno in cui nell’isola campana arriva la corrente elettrica, esuli russi pianificano la rivoluzione russa, anno in cui si inizia a partire per la guerra. È lì che Seybu (personaggio ispirato alla figura di Diefenbach e interpretato da Reinout Scholten Van Aschat) fonda la sua comune abitata da artisti e ragazzi nord-europei colti e di buona famiglia. Sperimenta la danza moderna, lo spiritualismo, il nudismo, la fitoterapia e il vegeteniarismo come modi per liberarsi dai vincoli della società borghese e trovare la sua pace interiore.

La capraia Lucia (Marianna Fontana), incuriosita dal gruppo, inizialmente lo spia a distanza, per poi avvicinarsi pian piano, affascinata dagli strani rituali e dal carisma del pittore. L'interesse verso la comune da parte di Lucia è avversato dalla famiglia, soprattutto dai fratelli maggiori che la vogliono dare sposa a un ricco facoltoso.

Il film narra dunque la trasgressione di Lucia, che si innamora di un idea di ribellione e libertà: affamata di conoscenza, impara infatti l’italiano, l’inglese e inizia e leggere. E in ogni caso vuole rimanere fuori dalle dinamiche di una società ottusa e maschilista e dalle prospettive di lavoro offerte dal nuovo medico socialista arrivato a Capri, Carlo (interpretato da Antonio Folletto). E tra lui è Seybu che si svolge uno dei dialoghi fra i più avvincenti del film. “La Rivoluzione siamo noi”, chiosa al termine della discussione l’ispiratore della comune, chiaro riferimento a Joseph Beuys, altro artista tedesco a suo modo spirito guida di Capri-Revolution, il cui titolo si rifa a una sua opera/performance, Capri-Batterie, un circuito in cui una lampadina viene alimentata dall’energia di un limone.

Ricco di riferimenti visivi e letterari, Capri-revolution rischia talvolta di appiattirsi nella narrazione e di ‘cadere’ nella bidimensionalità tipica della fiction televisiva. La pellicola di Martone, che porta in scena una storia dove i destini dei tre protagonisti si incontrano e si intrecciano e alla fine si separano, ha tuttavia il pregio di restituirci la bellezza di una Capri che quasi non conosciamo più, ricca di paesaggi e flora quasi da Creato.

La fotografia di Michele D’Attanasio, quasi ‘estetica’, e le musiche di Sasha Ring e

Philiph Thimm aiutano il regista in questa visione fatta di spiritualità, bellezza, e conflitti.

Avere tutte queste certezze la riposa o la stanca?

Capri-Revolution
Capri-Revolution - Immagine 213558
Capri-Revolution - Immagine 213557
Capri-Revolution - Immagine 213556
Capri-Revolution - Immagine 213555
Capri-Revolution - Immagine 213554
Capri-Revolution - Immagine 213553
Capri-Revolution - Immagine 213552
Capri-Revolution - Immagine 213551
Capri-Revolution - Immagine 213550
Capri-Revolution - Immagine 213549
Capri-Revolution - Immagine 213548
Capri-Revolution - Immagine 213547
Capri-Revolution - Immagine 213546
Capri-Revolution - Immagine 213545
Capri-Revolution - Immagine 213544
Capri-Revolution - Immagine 213543
Capri-Revolution - Immagine 213542
Capri-Revolution - Immagine 213541
Capri-Revolution - Immagine 213540
Capri-Revolution - Immagine 213539
Capri-Revolution - Immagine 213538
Capri-Revolution - Immagine 213537
Capri-Revolution - Immagine 213536
Capri-Revolution - Immagine 213535
Capri-Revolution - Immagine 213534

Visivamente straordinario ma a tratti appesantito da una narrazione ‘da fiction televisiva’, Capri-revolution è il racconto di un’utopia, vissuta e affrontata da anime differenti che si incrociano in un periodo storico cruciale per i destini dell’Europa. [b][/b]

Capri-Revolution

Capri-Revolution Cover
  • Regia: Mario Martone
  • Produzione: Indigo Film, Pathé, Rai Cinema
  • Nazionalità: Italia
  • Distributore: 01 Distribution
  • Sceneggiatura: Mario Martone
  • Genere: Drammatico
  • Durata: 122 min.
  • Data di uscita: 20 dicembre 2018
  • Cast: Marianna Fontana, Reinout Scholten van Aschat, Antonio Folletto, Gianluca Di Gennaro, Jenna Thiam, Ludovico Girardello, Eduardo Scarpetta, Lola Klamroth, Maximilian Dirr, Donatella Finocchiaro
Empire
Chernobyl

2

Chernobyl

Sky e HBO ci mostrano senza troppi filtri il disastro nucleare più famoso della storia.

Good Omens
Good Omens

Pronti all'Armageddon più divertente di sempre?

Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Chambers
Chambers

La teoria cellulare alla base della nuova serie horror Netflix

Empire
Rapina a Stoccolma
Rapina a Stoccolma

La vera storia sulla nascita della famosa sindrome

Toy Story 4
Toy Story 4

Giocattoli on the road!

I morti non muoiono
I morti non muoiono

Jarmusch e zombi: un binomio perfetto

Pets 2 - Vita da Animali
Pets 2 - Vita da Animali

Tornano i nostri animali domestici preferiti!

X-men: Dark Phoenix

2

X-men: Dark Phoenix

Il canto della Fenice