Recensione Brothers in Arms: Hell's Highway

Tornano i Brothers in Arms ed è ancora guerra. Più cruda e realistica che mai!
Marco ModugnoDi Marco Modugno (25 settembre 2008)
I vecchi soldati non muoiono mai, vanno all'inferno solo per radunarsi. Questo vecchio adagio delle forze speciali sembra quanto mai azzeccato per introdurre la recensione dell'ultimo capitolo della saga di Brothers in Arms, fortunato franchise multipiattaforma di Ubisoft. E non solo perché il sottotitolo del gioco “Hell's Highway”, che allude alla strada presidiata per dieci giorni di furiosi combattimenti dai paracadutisti americani della 101ma Divisione Screaming Eagles durante l'operazione Market Garden, si traduce, appunto, in “Autostrada dell'Inferno”.
 
Brothers in Arms: Hell's Highway - Immagine 1
Una singola granata di mortaio, e la squadra è dimezzata!
Brothers in Arms: Hell's Highway - Immagine 2
"Stella" costituisce un supporto tattico essenziale...
Brothers in Arms: Hell's Highway - Immagine 3
Sfruttare ogni riparo. O così o si torna a casa in una cassa di legno
 

Il fatto è che la saga del sergente Baker, promosso suo malgrado comandante di un'unità Recon, impegnata in compiti speciali e assai pericolosi dietro le linee nemiche, sembra giunta ad un punto cruciale di svolta. Le facce dei sopravvissuti al lancio sulla Normandia e poi alla sanguinosa conquista della Collina 30 ci sono ormai familiari. Hartsock, comandante dell'altra squadra d'assalto, Corrion, LaRoche, Dawson, Jasper e qualche new entry, in sostituzione di quelli che non ce l'hanno fatta e ora riposano in terra francese, magari in una tomba di fortuna indicata da un vecchio fucile e da un elmetto forato dalla palla del cecchino che li ha inchiodati. Nuove rughe e cicatrici segnano però i loro volti precocemente invecchiati, splendidamente renderizzati dal motore grafico del gioco, e maggiore profondità è stata concessa alle loro storie personali, un po' come accade nelle serie televisive di successo, una volta che sono decollate.

La trama segue i nostri durante l'operazione Market Garden, che nelle intenzioni del suo ideatore, il generale britannico Montgomery, avrebbe dovuto consentire la conclusione della guerra in Europa entro il Natale 1944. La storia c'insegna che andò diversamente. I parà americani, inglesi e polacchi incontrarono sul campo, al posto dei vecchi e bambini ipotizzati dall'intelligence alleato, i veterani della 9na Divisione Waffen SS Panzer "Hohenstaufen" e della gemella 10ma Divisione Waffen SS Panzer "Frundsberg", che trasformarono il colpo di mano alleato nella peggiore sconfitta subita dagli angloamericani sul Vecchio Continente. I ragazzi del plotone Recon di Baker e Hartsock, dunque, si ritrovano a battersi contro un nemico motivato e preponderante, ricorrendo a mezzi di fortuna ed armamento leggero contro le corazze dei carri armati tedeschi, tagliati fuori da rifornimenti e supporto amico.
 

 
Dieci giorni d'inferno, da rivivere seguendo una alla volta le fasi di combattimento cui parteciparono i fanti aviotrasportati della 101ma, in scenari perfettamente ricostruiti grazie all'accurato lavoro compiuto dai creativi della Gearbox sulle foto scattate dai ricognitori alleati prima dell'aviolancio sull'Olanda. La vicenda narrata dal gioco inizia in un ospedale scalcinato qualche giorno dopo l'inizio dell'operazione ma, attraverso alcuni flashback da vivere ed interpretare in prima persona nei panni di Baker, si ha modo di ricostruire tutta la vicenda fin dal distacco dell'aliante d'assalto dall'aereo sulla verticale del suo obiettivo.

Il gameplay di Brothers in Arms, chi ha sperimentato i capitoli precedenti lo sa bene, si differenzia da quello di tutti i suoi possibili concorrenti FPS, richiedendo a chi gioca una mentalità tattica in grado di gestire con oculatezza e spirito d'iniziativa due team di combattimento di un'unità di fanteria leggera, in modo da sfruttare con efficacia settori di tiro, fuoco di soppressione, coperture e aggiramenti. Anche se avete scantonato la naia con qualche scusa, comunque, non faticherete ad impadronirvi con facilità dei meccanismi base che sono tuttora pane quotidiano di un comandante di squadra sul campo, complice un sistema di gestione degli ordini elementare (basta una stretta al grilletto sinistro ed ecco apparire un puntatore intuitivo, per impartire comandi di movimento o tiro in un secondo) e icone d'immediata comprensione (prima di far avanzare le proprie forze, occhio a far diventare grigio il bollino rosso che contrassegna i nemici una volta avvistati, effettuando un opportuno fuoco di soppressione, che li mantenga al coperto e inoffensivi).
 
Ovviamente, scortadevi di barre della vita e cose simili. Se il vostro personaggio verrà preso di mira, avrete un paio di secondi per fare la scelta giusta e trovare una copertura, tempo durante il quale lo schermo si colorerà di rosso. Poi bang! Siete morti. Una pallottola basta e avanza per stendere un uomo, nella realtà come nel gioco di Gearbox.
 
Brothers in Arms: Hell's Highway - Immagine 4
Non fatevi ingannare dal paesaggio idilliaco: siete sulla Hell's Highway!
Brothers in Arms: Hell's Highway - Immagine 5
Ogni headshot scatena una moviola degna di un film di Sam Raimi
Brothers in Arms: Hell's Highway - Immagine 6
Le tavole di legno non vi ripareranno a lungo. Ripiegare, kamaraden!
12

Brothers in Arms: Hell's Highway

Disponibile per: PS3, Xbox 360 , PC
Brothers in Arms: Hell's Highway Xbox 360 Cover
Empire
Il Trono di Spade

4

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Chambers
Chambers

La teoria cellulare alla base della nuova serie horror Netflix

L'alienista
L'alienista

I Mindhunter nella New York di fine Ottocento

Catch 22
Catch 22

George Clooney ci mostra il paradosso della guerra

Empire
Assetto Corsa Competizione

1

Assetto Corsa Competizione

Manca ormai poco ad Assetto Corsa Competizione. L'abbiamo provato in anteprima ed ecco le nostre impressioni

Team Sonic Racing

1

Team Sonic Racing

Sonic torna a sfrecciare sui kart!

A Plague Tale: Innocence

2

A Plague Tale: Innocence

Il viaggio della speranza di Amicia e Hugo

Licenza di giocare...da tavolo!

2

Licenza di giocare...da tavolo!

Scopriamo le licenze che sono "esplose" anche nel mondo Tabletop!

RAGE 2

19

RAGE 2

L'open world di cui non sentivamo il bisogno