Tiscali

Recensione Breakdown

Giuseppe Schirru Di Giuseppe Schirru(13 luglio 2004)
La scarsa inadeguatezza della visuale di gioco si mostra palese durante i combattimenti corpo a corpo: al giocatore manca una visione d'insieme dell'ambiente circostante, e in presenza di più nemici su schermo le cose cominciano a farsi complicate. Ma andiamo con ordine. Innanzitutto avvertiamo la necessità di inserirlo in una determinata categoria, impresa non priva di difficoltà. Breakdown è un platform, con i suoi minuziosi e sporchi rituali dei salti di piattaforme, fruisce di dinamiche da fps, con nemici da uccidere tramite un lock-on automatico degli stessi che potrebbe vantare una parentela con 007:EoN; riprende quindi tinte da beat'em up, con i suoi sotterranei richiami esplicitati attraverso la visuale in prima persona. Non propone nulla di nuovo, sprangato da una filosofia omologante che gli concede di assemblare più generi, ma non di forgiarne di nuovi, realizzandosi in un grande miscuglio ludico – a volte mal bilanciato - a cui affida una speranza demiurgica di successo.



L'incipit inganna il giocatore, quasi lo frega con il mondo che gli pone davanti, per poi tradirlo doppiamente con una storyboard patetica nella sua stesura. Dobbiamo per l'ennesima volta salvare il mondo, stavolta da creature umanoidi potenziate geneticamente. Dicevamo dell'incipit ingannatore: una volta scesi dal lettino, dopo aver interagito con vari oggetti, magari aver aperto qualche lattina o ingurgitato una barretta energetica, qualche rassomiglianza col capolavoro di Yu Suzuki (Shenmue) pare bussare all'orecchio del giocatore; ma è solo una flebile sensazione. Giusto qualche analogia nelle animazioni, ma la libertà concessa al giocatore è minima, e ancora una volta questi si trova rinchiuso nei meandri della linearità che, purtroppo, in questa tipologia di giochi va quasi sempre annoverata tra i difetti. Tra quest'ultimi potrebbe essere annoverata anche la mancanza di originalità, ma d'altra parte è anche vero che il mix di generi da luogo a un'esperienza nuova, atipica rispetto a quanto siamo abituati a vedere. Purtroppo però si poteva fare di più: i poteri psichici di Derrick hanno ben poco a che vedere con quanto mostrato in Psi Ops, dove le possibilità della mente regalano risvolti ludici unici ed originali. Qua donano giusto un aumento delle mosse nei combattimenti corpo a corpo, e qualche piccolo tocco di classe con la loro esplicitazione visiva.
Breakdown - Immagine 7
...e lottare.
Breakdown - Immagine 8
Il sistema ci indicherà la sequenza di tasti da premere per ottenere l'effetto desiderato
Breakdown - Immagine 9
Uno splendido calcio
Gradevoli anche le animazioni, tutte particolarmente curate, i 60 fps o la modellazione poligonale dei personaggi, ma lascia l'amaro in bocca una scelta delle texture tanto azzeccata quanto ripetitiva, problema derivante dal fatto che buona parte dell'avventura è ambientata in un base di ricerca (per poi mutare drasticamente alla fine), e la scelta quasi forzata delle pareti monocromatiche in buona parte delle location porta a pensare in questi termini. Il sonoro fa il suo lavoro senza infamia e senza lode, proponendo effetti sonori discreti e dei dialoghi curati, con musiche di sottofondo a tema. Per quanto la sfera audio-visiva potesse offrire qualcosa di più (magari evitandoci alcuni fastidiosi problemi di alisiang), i dubbi maggiori riguardano il sistema di controllo macchinoso o la scarsa IA dei nemici, la linearità o la ripetitività stessa dell'azione di gioco.

Purtroppo Gamesurf, “condannato a pagare alla vita il duro tributo della sincerità” (Miguel Torga, 1907 – 1975), non può redimersi dall'ennesima constatazione riguardante il mercato attuale: nemmeno Breakdown ne ha cambiato le sorti. Breakdown non è un capolavoro, né tanto meno un'esperienza unica come ci si aspettava. E' solo un prodotto atipico, e questo ci fa piacere, ma minato da alcuni difetti di non poca rilevanza. Peccato, poteva offrire molto di più, ma non prendetevela con noi: ambasciator non porta pena.
Breakdown - Immagine 9
Uno splendido calcio
Breakdown - Immagine 10
La posizione di difesa. Ci sarà utile più avanti
Breakdown - Immagine 11
No Derrick, il cheesburger non è l'alimento più sano del mondo, specie se è stato avvelenato
12
6,5
Molteplici risvolti ludici caratterizzano l'ultimo parto di casa Namco, che stancamente si trascina verso la sua conclusione ricalcando stereotipi, ovvietà e le oramai solite convenzioni di questa generazione videoludica. Shooter, platform, action, beat'em up, Breakdown si connota per un gameplay poliedrico che è allo stesso tempo uno e molteplice, senza però allontanarsi mai da quella qualifica che gli calzerebbe a pennello: “la sagra del già visto”.
voto grafica7
voto sonoro6,5
voto gameplay6,5
voto durata5,5
0 commenti

Breakdown

Breakdown Xbox Cover
Empire
The Big Bang Theory

5

The Big Bang Theory

It all started with the Big Bang!

Chernobyl

2

Chernobyl

Sky e HBO ci mostrano senza troppi filtri il disastro nucleare più famoso della storia.

Good Omens
Good Omens

Pronti all'Armageddon più divertente di sempre?

Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Empire
The Sinking City

5

The Sinking City

Frogwares ci promette la follia di Lovecraft

Samurai Shodown

7

Samurai Shodown

Il grande ritorno di un autentico mito

Car Mechanic Simulator

1

Car Mechanic Simulator

Tutto il fascino del lavoro del meccanico senza dovervi sporcare di grasso..

eFootball PES 2020

1

eFootball PES 2020

Abbiamo provato il nuovo capitolo del calcistico di Konami!

Verona Comic Fest 2019

1

Verona Comic Fest 2019

A tu per tu con i mitici Oliver Onions!