Tiscali

Recensione Big Eyes

I segreti dietro gli occhi di un artista..
Roberto Vicario Di Roberto Vicario(7 gennaio 2015)
Tutti i registi, pi¨ o meno involontariamente, vivono un momento di “stanca” durante la loro carriera. successo a nomi illustri e a cineasti meno conosciuti, ma tutti hanno un minimo comun denominatore: la volontÓ di provare qualcosa di diverso per ritrovare il feeling con lo spettare e per ritrovare soprattutto se stessi.

SarÓ questo il motivo che ha spinto Tim Burton a girare Big Eyes? la domanda dopo le quasi due ore di proiezione sorge quasi spontanea. Un quesito che parte da molto lontano per avvicinarsi con lunghissime falcate a quella che pu˛ essere l'unica risposta plausibile a questa curiositÓ...
Big Eyes - Immagine 1

Occhi grandi, ma poco introspettivi.

Una cosa Ŕ certa, e non serve essere critici ma semplici appassionati del regista per capirlo. Big Eyes Ŕ il meno “burtoniano” di tutti i suoi film. Un prodotto che - ad eccezione dei primi minuti della pellicola - non offre paesaggi e contesti surreali, ma una storia pi¨ aderente alla realtÓ dei personaggi che si stanno raccontando.

Se quindi chi si accinge alla proiezione si aspetta una sorta di Ed Wood - pellicola sempre firmata dal regista di Burbank - potrebbe rimanere fortemente deluso. Big Eyes Ŕ un film asciutto - forse anche troppo - diretto, poco poetico. Una scelta (ma siamo sicuri?) che dalla metÓ in poi emerge prepotentemente tra una scena e l'altra, evidenziando la vera anima di un prodotto che forse manca proprio della passione stessa del regista nel raccontare questa vicenda.
  • Big Eyes - Immagine 2
  • Big Eyes - Immagine 3
  • Big Eyes - Immagine 4

Ma di cosa parla Big Eyes? la storia Ŕ quella ispirata alla vera vita di Margaret Keane (Amy Adams), pittrice che, a posteriori, Ŕ diventata una vera e propria icona dell'arte degli anni '50 americani grazie ai suoi quadri che avevano la particolaritÓ di rappresentare soggetti con occhi giganti, sproporzionati rispetto al resto del corpo. La donna, dopo il suo primo matrimonio conosce un uomo di nome Walter, che successivamente sposa.

Con la scusa di voler valorizzare le sue opere, Walter Keane (Christoph Waltz) si spaccia lui stesso come autore di quei quadri, una situazione che nel corso del tempo diventerÓ sempre pi¨ insostenibile da parte di Margaret, che privata della sua libertÓ e del suo estro, arriverÓ a portare in tribunale il marito per reclamare la paternitÓ di quelle opere.

A grandissime linee questa Ŕ la trama del film, una trama che da queste poche linee di testo trasmette un sacco di argomenti molto interessanti come l'emancipazione del sesso femminile in quegli anni, la psicologia dietro la donna prima ancora che l'artista e il particolarissimo rapporto tra i due coniugi Keane. Tutti argomenti estremamente interessanti ma che Burton, purtroppo, non approfondisce all'interno del film.

Tutto questo porta a dei dialoghi tra i due protagonisti sicuramente piacevoli e mai noiosi, ma che non riesco a creare empatia con chi guarda, evitando tutti quegli approfondimenti e tutte quelle sfaccettature che avrebbero sicuramente catapultato lo spettatore in una storia sulla carta molto interessante.
Big Eyes - Immagine 5
Burton firma quindi una pellicola che si limita semplicemente a raccontare piuttosto che analizzare. La sensazione Ŕ che, soprattutto nella seconda parte, quella del processo, il regista si “disinnamori” della sua stessa creazione cercando di arrivare il prima possibile al punto senza addentrarsi invece in tutte quelle “stradine secondarie” tipiche della mente umana che hanno reso famosi e apprezzati altri suoi prodotti come il giÓ citato Ed Wood, Edward Mani di Forbici o La Sposa Cadavere.

Un film che quindi scorre pulito, senza grandi stupori e con qualche scena qua e lÓ che cerca di stupire lo spettatore ma che viene fagocitata dalla linearitÓ generale della pellicola. Big Eyes Ŕ quindi un prodotto che nella sua linearitÓ racconta comunque una storia che si lascia vedere, con una buona interpretazione da parte dei due attori protagonisti. Detto questo, nonostante il film mette in evidenza un Tim Burton ancora un crisi di identitÓ, dobbiamo ammettere di non esserci mai annoiati, ma piuttosto di essere rimasti delusi da una sceneggiatura che meritava bene altro peso.

Saremmo curiosi di sentire cosa la Signora Keane -oggi ultra ottantenne- abbia pensato del film e di quegli occhi cosý grandi che nascondendo mille inquietudini, non sono stati in grado di essere raccontati dal regista...
Big Eyes Ŕ un film che nella sua completa ed evidente linearitÓ, racconta una storia che non annoia, ma quasi irrita lo spettatore per non essere stata approfondita a dovere. I temi che Burton poteva toccare erano tantissimi, ma la sensazione Ŕ che il regista stesso si sia limitato a chiudere un progetto del quale, Ŕ palese, non sembra essersi innamorato. Questo porta ad essere Big Eyes il meno burtoniano dei film di Burton. Elemento che per molti potrebbe non essere necessarimente un fattore da annoverare tra i difetti...

Big Eyes

Big Eyes Cover
  • Regia: Tim Burton
  • Nazionalità: USA
  • Distributore: Lucky Red
  • Sceneggiatura: Larry Karaszewski, Scott Alexander
  • Genere: Drammatico
  • Data di uscita: gennaio 2015
  • Cast: Christoph Waltz, Amy Adams, Danny Huston, Jason Schwartzman, Terence Stamp, Kristen Ritter
Empire
American Horror Story
American Horror Story

Anche per Ryan Murphy vince in revival degli anni '80

Euphoria

3

Euphoria

L'erede di Skins approda su Sky

The Politician

3

The Politician

Nascono nelle scuole di oggi i Presidenti di domani

Dentro la mente di Bill Gates
Dentro la mente di Bill Gates

L'inedita figura di un autentico genio dei giorni nostri

The I-Land

4

The I-Land

L'isola di Netflix fatta di citazioni e... delusione

Empire
The Irishman

3

The Irishman

La grande esperienza cinematografica firmata da Scorsese

L'Ufficiale e la Spia
L'Ufficiale e la Spia

Polanski torna al cinema con un film che giÓ prima della sua uscita ha portato a dibattiti e proteste.

Terminator: Destino Oscuro

7

Terminator: Destino Oscuro

Il girl power del il futuro

Maleficent: Signora del Male
Maleficent: Signora del Male

Tremate, la strega Ŕ tornata!

Le Mans '66 - La Grande Sfida
Le Mans '66 - La Grande Sfida

James Mangold ci porta nell'adrenalinico mondo delle corse anni '60