Recensione Benvenuti a Marwen

Una incredibile storia vera che Zemeckis non riesce a sfruttare fino in fondo
Livio Ricciardelli Di Livio Ricciardelli(21 dicembre 2018)

Robert Zemeckis ormai ci ha abituati a film dalla tecnica mista.Pellicole come "Polar Express" o "Beowulf" con attori a tratti scarsamente riconoscibili, sono diventati col tempo la sua cifra distintiva. Tanto da portare tutto il suo team e la spielberghiana DreamWorks a sperimentare molto sul fronte dell'action picture e ad elevare il regista Premio Oscar (per "Forrest Gump", nel 1995) a principale artista cinematografico per quanto concerne questo tipo di tecnica filmica.Su questa scia e partendo da questa base valoriale si colloca il nuovo "Benvenuti a Marwen", trasposizione prettamente cinematografica di un documentario del 2010 su quella che risulta essere un'incredibile storia vera.

La storia è infatti quella di Mark Hogancamp, illustratore newyorchese che nel 2000 dovette rinunciare alla sua carriera di disegnatore a causa di un'aggressione (presumibilmente di stampo omofobo) che lo costrinse a dover abbandonare del tutto la sua avviata carriera. Nel suo trauma però Hogancamp trova un rifugio. Una dipendenza che lo porterà sia a reinventarsi sia (però) ad ancorarsi ancor di più al suo passato personale: inventa un mondo tutto suo. E da disegnatore diventa un fotografo di miniature, di pupazzi che rappresentano tutti i personaggi della sua vita in una città immaginaria chiamata Marwen, nel Belgio della Seconda Guerra Mondiale. In quest'ottica, i nazisti del villaggio immaginario sono i suoi reali aggressori, così come tutte le donne che accompagnano il suo alter ego bambolesco sono in realtà le donne che lo accudiscono (dall'ospedale fino alla vita di tutti i giorni) nel suo percorso verso il reinserimento.

Il film ha dunque una tecnica mista che consente a Zemeckis di mescolare la sua formazione cinematografica "classica" (evidente per esempio nella citazione finale da "Ritorno al Futuro") a quella di nuovo regista di cartoni animati e pupazzi in movimento. Se Steve Carell (vera cartina di tornasole di questa pellicola) appare dunque nella sua versione in carne ossa accanto a quella del suo alter ego animato, anche Zemeckis realizza un film che è una voluta via di mezzo tra realtà e immaginazione, tra futuro e passato.

"Benvenuti a Marwen" dunque non è solo un'opera prettamente zemeckiana nel suo non essere simile alle sue pellicole precedenti (nella misura in cui in questo film si respira una certa aria di anni '80 e post "1941 - Allarme a Hollywood), ma anche un film profondamente di Steve Carell. Interprete che sta vivendo un periodo d'oro, in cui sembra essersi svincolato definitivamente della sua maschera comica grazie a registi "seri" e drammatici come Linklater, McKay e van Groeningen. E che ritorna in questo film sia a rappresentare l'uomo complesso e tormentato a seguito di un'aggressione omofoba, sia il nerd appassionato di soldatini che vive in un mondo tutto suo e al limite della socialità.

Benvenuti a Marwen
Benvenuti a Marwen - Immagine 213818
Benvenuti a Marwen - Immagine 213817
Benvenuti a Marwen - Immagine 213816
Benvenuti a Marwen - Immagine 213815
Benvenuti a Marwen - Immagine 213814
Benvenuti a Marwen - Immagine 213813
Benvenuti a Marwen - Immagine 213812
Benvenuti a Marwen - Immagine 213811
Benvenuti a Marwen - Immagine 213810
Benvenuti a Marwen - Immagine 213809

 

Nella sostanza si può dunque definire "Benvenuti a Marwen" come un'ulteriore passo della filmografia di un regista come Zemeckis. Che per guardare in avanti, ha sempre bisogno di attingere un po' dal passato, ma con strumenti ultra-tecnici e strettamente legati al futuro. Fornendo in questo modo senz'altro un contributo (in serie) alla storia del cinema, ma anche singoli film spesso poco caratterizzati o difficilmente collocabili e dal senso sbrigativo. Proprio come "Benvenuti a Marwen".

Benvenuti a Marwen

Benvenuti a Marwen Cover
  • Regia: Robert Zemeckis
  • Produzione: DreamWorks, ImageMovers, Universal Pictures
  • Nazionalità: USA
  • Distributore: Universal
  • Genere: Biografico, Drammatico
  • Data di uscita: 10 gennaio 2019
  • Cast: Steve Carell, Eiza González, Diane Kruger, Leslie Mann, Gwendoline Christie, Merritt Wever, Janelle Monáe, Neil Jackson, Matt O'Leary, Stefanie von Pfetten, Falk Hentschel, Leslie Zemeckis, Matthew Kevin Anderson, Matt Ellis
Empire
True Detective

3

True Detective

Due detective, un omicidio e un feticcio nel bosco. Suona familiare?

Das Boot

1

Das Boot

Tutti pronti per l'immersione su Sky?

Le Terrificanti Avventure di Sabrina

2

Le Terrificanti Avventure di Sabrina

Bentornata Sabrina! Più horror, più latino ma soprattutto... più Satana

Netflix

1

Netflix

Siete di nuovi su Netflix? Eccovi qualche consiglio..

Empire
Maria Regina di Scozia
Maria Regina di Scozia

Una regista femminile rivisita la storica rivalità tra due regine

L'uomo dal cuore di ferro
L'uomo dal cuore di ferro

Due film in uno per raccontare la storia di uno dei più spietati gerarchi nazisti

L'agenzia dei bugiardi
L'agenzia dei bugiardi

Una commedia chiassosa sulle dinamiche di coppia

L'agenzia dei bugiardi
L'agenzia dei bugiardi

La conferenza stampa del cast

Creed II

1

Creed II

Adonis torna sul ring, ma stavolta il vero protagonista è Rocky...