Recensione Assassin's Creed Rogue Remastered

Nuovamente in cerca di avventura!
Roberto Vicario Di Roberto Vicario(23 marzo 2018)

Assassin’s Creed: Rouge è stato probabilmente uno dei capitoli più sfortunati della serie Ubisoft. Uscito nel 2014, unicamente sulla precedente generazione di console, ha vissuto all’ombra di Assassin’s Creed: Unity, che al contrario si era preso le luci della ribalta sulla current gen.

Un capitolo che, nel suo essere un “contentino” per gli appassionati della saga ancora in possesso di una console old gen, portava in dote l'interessante punto di vista di Shay Patrick Cormac, assassino traditore dell’Ordine per abbracciare il credo dei Templari.

A distanza di qualche anno, e dopo l’ondata di forte rinnovamento portata da Assassin’s Creed: Origins, Ubisoft ha deciso di riproporre questa avventura con una remastered che mira a dare al progetto l’attenzione di cui non ha goduto diversi anni fa.

Salpiamo all’avventura!

Recensito nel 2014 su queste pagine (anzi andate a rileggervi, se vi va, la nostra recensione a questo link!) Rouge già ai tempi aveva lasciato un retrogusto amaro. Non perché il titolo fosse brutto, ma perché aveva regalato solamente una grande illusione.

L’idea di raccontare la storia dall’altro lato della barricata, sfruttando per di più un personaggio come Shay, in grado di porsi delle domande sui metodi degli assassini per raggiungere i loro obiettivi, era un’idea davvero ricca di fascino. Purtroppo però, la grande chance fu sprecata da una narrazione raffazzonata, svogliata e che non riusciva mai a spingersi più in là di un tono monocorde.

A fare da contraltare a queste problematiche c’erano però tanti elementi già visti e assaporati in Black Flag. Il senso di esplorazione dato dalle terre del nord e di confine, la Morrigan e le sue grandi traversate oceaniche e, in senso più generale, quella percezione di epica avventura che trasportava il giocatore indietro nel tempo tra natura selvaggia, battaglie navali e segreti da scoprire.

Assassin's Creed Rogue Remastered - Immagine 1

Grazie al lavoro di rimasterizzazione tutto questo è rimasto intatto, ed in alcuni casi addirittura esaltato. Dopo le calde sabbie dell’Egitto, tornare a solcare i mari salati del Nord America ha un piacevolissimo retrogusto. In più, l’utilizzo del 4K su One X e PS4 Pro rendono ancora più affascinanti i paesaggi, le increscature delle onde o la visione dell’aurora boreale.

Tutto questo ha retto il passare del tempo, anzi, come diceva in alcuni casi è stato addirittura esaltato. Nonostante andando nel dettaglio qualche sbavatura data dell’età si percepisce chiaramente (specie nelle texture e nei modelli poligonali dei personaggi), viaggiare per mare e andare alla scoperta della miriade di segreti disseminati dagli sviluppatori, rimane ancora oggi un’esperienza completamente godibile.

Purtroppo, tutto questo non ha lo stesso gusto una volta che Shay scende sulla terra ferma. In questo caso il confronto con le innovazione apportate da Origins, rende Rouge ancora più “vecchio” di quello che effettivamente risulta. Il sistema di combattimento, le animazioni che governano l’ex assassino e soprattutto le meccaniche stealth non riesco più a soddisfare, così come una intelligenza artificiale decisamente insufficiente. Per non parlare delle sezioni ambientate nel presente, vero tallone d’Achille delle ultime produzioni pre periodo di pausa. Inutile sottolineare il fatto che, paradossalmente, giocare le sezioni a terra di questo Rouge, fanno apprezzare ancora di più il lavoro svolto su Origins.

Assassin's Creed Rogue Remastered - Immagine 3


Comprare o non comprare?

Cosa rimane quindi di questa remastered? Bè sostanzialmente tre cose: il grande senso di avventura, la voglia di scoperta e la completezza narrativa. Mentre i primi due elementi sono stai esaltati dalla remastered, con gli appaganti viaggi a bordo della Morrigan, il terzo è uno di quegli elementi che potrebbero cogliere solamente i fan della saga. Di fatto, se vi siete persi questo capitolo in passato, potrebbe essere una buona occasione - chiudendo più di un occhio su alcuni elementi del gameplay - per aggiungere ulteriori tasselli al grande puzzle narrativo che formato dalla saga. Se invece le avventure di Shay fanno già parte del vostro bagaglio ludico, non c’è motivo di riprendere in mano questa avventura.

 

 

7
Con l'uscita di Origins, qualsiasi altro AC uscito precedentemente è diventato automaticamente obsoleto. Nonostante questo, e al netto di problematiche già annotate durante la prima recensione del prodotto, Rogue ha dei momenti che ancora oggi riesco ad appagare le sensazioni e la curiosità del giocatore, rinvigoriti da un buon lavoro di rimasterizzazione. Se non l'avete mai giocato provate comunque a dargli una possibilità per arrichire la vostra conoscenza sulla saga, a patto di comprendere gli anni che si fanno sentire sulle sue spalle.

Assassin's Creed Rogue Remastered

Disponibile per: PS4 , Xbox One
Assassin's Creed Rogue Remastered PS4 Cover
  • Piattaforma: PS4
  • Produzione: Ubisoft
  • Sviluppo: UbiSoft
  • Genere: Azione
  • Multiplayer Locale: Assente
  • Multiplayer Online: Assente
  • PEGI: +16
  • Data di uscita: 20 marzo 2018
Empire
Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

Recensione episodio 8x02

Future Man

1

Future Man

Viaggi nel tempo e fantascienza in una serie tv che non si prende sul serio e gioca con le citazioni pop

Il Trono di Spade

3

Il Trono di Spade

Recap Episodio 8x01

Il Trono di Spade
Il Trono di Spade

Le fan theories più assurde e... probabili sul finale di una grande serie

Il Trono di Spade

3

Il Trono di Spade

L'ottava ed ultima stagione è ormai alle porte

Empire
Days Gone
Days Gone

Storie di sopravvivenza nell'Oregon di Bend Studio

Mortal Kombat 11
Mortal Kombat 11

Vittoria sfolgorante (cit.)

Server Tycoon
Server Tycoon

Intervista agli sviluppatori

Pagan Online
Pagan Online

Abbiamo testato la nuova produzione Wargaming e le sorprese sono davvero tantissime!

Vaporum
Vaporum

Ottima idea, realizzazione da dimenticare. Peccato.