Recensione Assassin's Creed III

Connor insorge in casa Nintendo
Tommaso AlisonnoDi Tommaso Alisonno (11 dicembre 2012)
In extremis, la saga di Desmond Miles arriva su console Nintendo. Certo, c'è voluto un balzo tecnologico, ed è un peccato che solo il capitolo conclusivo della pentalogia (ricordiamo che la serie completa è AC, ACII, AC:Brotherhood, AC Revelations ed infine ACIII, con vari spin-off su handled) sia per ora disponibile. Per chi non fosse ferrato in materia, cercheremo di fare un riassunto...

Desmond Miles è un Assassino, ossia un membro di une setta che predica la Libertà sopra ogni altro valore e contrasta i Templari, i quali viceversa predicano e impongono il loro Ordine. Tramite un apparecchio fantascientifico di nome Animus, Desmond è in grado di rivivere le vicende dei suoi predecessori: ripercorrendo la strada di Altair all'epoca delle Crociate e di Ezio nel primo Rinascimento, scopre l'esistenza di una razza di Precursori e di un incombente cataclisma che minaccia la terra - il quale è previsto per il 21 Dicembre 2012. Giunto al Tempio dei Precursori, Desmond scopre di aver bisogno di una chiave per ottenere il potere di sventare il cataclisma, chiave che ancora una volta si cela nei suoi ricordi e più precisamente nella storia di Heytam Kenway e suo figlio Connor, noto anche dai pellerossa come Ratohnhaké:ton.
Assassin's Creed III - Immagine 1
Mentre le guardie son distratte, Connor colpisce
Assassin's Creed III - Immagine 2
Attenti al fuoco: gli Assassini non sono ignifughi
Assassin's Creed III - Immagine 3
Nelle prime fasi di gioco interpreteremo Heytam Kenway
La trama di Assassin's Creed si svolge dunque su due linee temporali: il presente di Desmond e il passato di Connor (la parte dedicata a Heytam è limitata alle prime tre sequenze), a cui il giocatore accederà entrando o uscendo dall'Animus attraverso il menù. La maggior parte della vicenda si svolgerà comunque nel passato, mentre Desmond agirà in prima persona solo in una manciata di missioni apposite, oltre che esplorando il Tempio dei Precursori in cerca di nuovi indizi sul passato ed il futuro del mondo. Il mondo all'interno dell'Animus ricrea due delle principali città coloniali del XVIII secolo, vale a dire Boston - primo vero porto commerciale - e New York - importantissimo nodo di mercato tra le colonie settentrionali e quelle meridionali - entrambe teatri di scontri e di occupazione, quando Lealista e quando Patriottica.

All'epoca entrambe le città erano sviluppate principalmente in ampiezza, pertanto non troveremo ad attenderci le torri e le cattedrali a cui i fan sono stati abituati nei precedenti capitoli della serie. Una terza locazione presente nel gioco è la tenuta Davenport, ovvero il luogo che funge da sede per le ultime vestigia degli Assassini Americani. Connor utilizzerà la tenuta come sua base operativa, ma lui e il suo mentore Achille non saranno gli unici abitanti: svolgendo le apposite missioni secondarie sarà possibile conoscere tanti altri amici che formeranno un vero e proprio villaggio.

Tra Boston, New York e la tenuta si staglia un'area scarsamente popolata denominata “Frontiera: si tratta di un territorio vasto, approssimativamente circolare, scosceso (abbondano i dirupi) e ricco di vegetazione in cui abbondano specie animali, con presenza e concentrazione differente a seconda della regione specifica. La Frontiera non è però disabitata: qua e là sorgono insediamenti più o meno vasti, alcuni dei quali sono stati teatro di scontri tra l'esercito Britannico e gli insorti: Lexington, Concord e Valley Forge sono alcuni di questi - certamente in più noti. Questi episodi porteranno sovente la trama principale a svolgersi nella Frontiera, dandole pertanto la stessa importanza delle due città propriamente dette.
 
Assassin's Creed III - Immagine 4
Li seguiamo un altro po' o attacchiamo furtivamente?
Assassin's Creed III - Immagine 5
I campanili continueranno a costituire ottimi punti d'osservazione
Assassin's Creed III - Immagine 6
Il paesaggio sarà spesso bucolico; bello il ciclo giorno/notte
Connor è anche un abile cacciatore ed il confronto con la selvaggina avrà un ruolo di contorno molto marcato in Assassin's Creed III: il protagonista potrà piazzare trappole, attirare le prede con le esche, abbattere gli animali con arco e frecce, oppure cercare di sorprenderli dall'alto con le sue armi da mischia - in ultima analisi, un colpo di pistola è spesso letale ma rovina la pelliccia. La maggior parte degli animali fuggirà alla sua presenza, ma quelli più grossi e aggressivi (puma, lupi, orsi...) non si tratterranno dal cercare di ucciderlo, scatenando così un QTE per la cattura. La caccia fornirà a Connor un tornaconto economico nella raccolta di pelle, carne, zanne e quant'altro è possibile estrarre dalla carcassa: queste risorse potranno essere vendute, anche attraverso appositi convogli commerciali, o impiegate per la fabbricazione di materiali, armi e oggetti speciali.

Il sistema di controllo di ACIII è un'evoluzione - per certi versi semplificazione, per altri complicazione - di quello dei precedenti capitoli, ovviamente adattato in questa versione alla nuova interfaccia Nintendo. Piloterete Connor con l'analogico sinistro, mentre il destro governerà l'inquadratura; uno dei tasti frontali è preposto alla “Camminata veloce” mentre uno dei laterali attiva “l'alto profilo” e la “corsa acrobatica” tramite la quale si può correre, saltare e arrampicarsi; chi conosce la saga sa che i protagonisti sono in grado di evoluzioni degne di veri esperti di Parkour.

Tra gli altri tasti frontali troviamo l'attacco con l'arma in mischia e quello con l'arma a distanza: la selezione può essere fatta da un apposito menù di pausa (tasto laterale) oppure con la croce direzionale; in aggiunta, la versione Wii U permette di utilizzare il touchscreen per effettuare queste selezioni. Lo schermo che terrete in mano mostrerà normalmente una versione più ampia della minimappa, ma potrà essere configurato per riportare esattamente l'immagine di gioco (cosa che fa già durante i filmati) in modo da poter continuare la partita anche col televisore spento.

L'ultimo tasto frontale è utilizzato per l'iterazione con l'ambiente: parlare, acquistare, derubare, corrompere, aprire, scassinare e così via. In combattimento, questo comando attiva la parata, che se effettuata al momento giusto porta ad un istante di slow-motion durante il quale è possibile effettuare una contromossa, come una proiezione, un attacco letale o il disarmare l'avversario. I vari tipi di nemici che affronterete utilizzeranno tattiche differenti, e con ciascuno di questi alcuni attacchi o contrattacchi potrebbero risultare inefficaci o controproducenti. Rimangono le “serie di uccisioni” già viste nel brand, ma anche per queste vale la regola che alcuni nemici ne sono immuni.
Assassin's Creed III - Immagine 7
New York d'inverno: case demolite e strade innevate
Assassin's Creed III - Immagine 8
La popolazione di Boston si assiepa sui moli per il Tea Party
Assassin's Creed III - Immagine 9
Quattro uccisioni in multiplayer
12

- 5 %

Acquista la versione PC

39,9937.99

Assassin's Creed III

Disponibile per: PC, Wii U , Xbox 360, PS3
Assassin's Creed III Wii U Cover
  • Piattaforma: Wii U
  • Produzione: Ubisoft
  • Sviluppo: Ubisoft Montreal
  • Genere: Action 3D
  • Multiplayer Locale: Presente
  • Multiplayer Online: Presente
  • PEGI: +18
  • Data di uscita: 30 novembre 2012
Empire
Chernobyl

2

Chernobyl

Sky e HBO ci mostrano senza troppi filtri il disastro nucleare più famoso della storia.

Good Omens
Good Omens

Pronti all'Armageddon più divertente di sempre?

Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Chambers
Chambers

La teoria cellulare alla base della nuova serie horror Netflix

Empire
Super Cane Magic ZERO
Super Cane Magic ZERO

Un buon action RPG dalla trama surreale

Spellforce 3: Soul Harvest
Spellforce 3: Soul Harvest

Ritornando tutti a casa

L'E3 2019 di Nintendo
L'E3 2019 di Nintendo

Nintendo sbaraglia tutti!

Octopath Traveler
Octopath Traveler

Octopath Traveler arriva su PC in grande stile

L'E3 di Ubisoft: pochi guizzi, tanta noia

4

L'E3 di Ubisoft: pochi guizzi, tanta noia

Ma a questo punto non sarebbe meglio un Direct?