Recensione Ancora auguri per la tua morte

"Repetita iuvant" lo insegna Christopher Landon
Aida Picone Di Aida Picone(26 febbraio 2019)

Ci risiamo, ricominciamo da capo. Siate pronti rivivere la stessa giornata ancora e ancora, perché in sala, il 28 febbraio, Tree Gelbman – interpretata da Jessica Rothe – sarà costretta a festeggiare nuovamente il suo compleanno. “Ancora auguri per la tua morte”, un film di Christopher Landon, riporta sullo schema il tema del loop temporale, dandogli una nuova forza intrattenitrice. Un sequel che, divertendo, riesce a rispondere in maniera esaustiva alla domanda che la stessa protagonista si pone in questa pellicola: “perché Tree è finita nel loop?”

Il giorno del suo compleanno, condiviso con la madre, sembrava essere un elemento catartico per l’elaborazione del lutto di quest’ultima. Il ripetere ogni singolo istante di quel giorno sembrava quasi simbolico e scoprire che così non è, muterà ulteriormente il suo punto di vista. Avevamo lasciato Tree fuori dal loop, ma sembra che questa storia non abbia davvero una fine. Scoprirò, infatti, che è stato un esperimento “tecnologico” finito male a creare questo circolo infinito.

Qualcosa, però, non va. La spirale degli eventi in cui lei verrà nuovamente coinvolta sembra essere cambiata: le persone che la circondando e i fatti che la riguardano sono diversi da come li ricordava. Saranno proprio questi cambiamenti a costituire la catarsi del personaggio. Tree, infatti, dovrà lottare nel presente tra il proprio passato e il proprio futuro.

Ancora auguri per la tua morte - Immagine 1

Nel più classico “repetita iuvant”, in una commistione di generi, si è  piacevolmente sorpresi dal black humor presente nella pellicola. Scott Lodbell giocando con i vari personaggi, ha avuto la capacità di cambiarli quel tanto che bastava per renderli credibili in questo film come in quello precedente. Christopher Landon gioca magistralmente con il loop non rendendolo né banale, né noioso. La sfida di ricreare lo stesso film con gli stessi eventi seppur diversi è stata raggiunta. La comicità viene spezzata dalla suspance del thriller, lo splatter resta sempre dietro l’angolo pronto all’agguato anche nei momenti più impensabili. Il tutto coniugato dalla espressioni della Rothe, giuste per ogni scena.

La telecamera gioca un ruolo fondamentale in ogni scena, il taglio che viene dato alle inquadrature, le varie soggettive scandiscono il tempo e lo spazio dando la possibilità allo spettatore di osservare con gli occhi del personaggio, soprattutto quando vengono creati i momenti tensivi.

Tirando le somme, siamo davanti a un ottimo sequel in grado di lasciare il margine necessario per una terza pellicola. Lo stesso Landon ha, infatti, lasciato intendere che vorrebbe farne un ulteriore seguito.

Ancora auguri per la tua morte - Immagine 2

Ricominciare da capo ogni singolo giorno, sapendo che questo terminerà con la tua morte, metterebbe a dura prova chiunque. Ma raccontarlo senza annoiare è una sfida ancora più grande e questo film ci riesce.  

Ancora auguri per la tua morte

Ancora auguri per la tua morte Cover
  • Titolo Originale: Happy Death Day 2U
  • Regia: Christopher Landon
  • Produzione: Digital Riot Media, Blumhouse Productions
  • Nazionalità: USA
  • Distributore: Universal Pictures
  • Sceneggiatura: Christopher Landon
  • Genere: Thriller, Horror
  • Durata: 100 min.
  • Data di uscita: 28 febbraio 2019
  • Cast: Jessica Rothe, Ruby Modine, Israel Broussard, Suraj Sharma, Rachel Matthews, Charles Aitken, Sarah Yarkin, Steve Zissis, Wendy Miklovic, Caleb Spillyards, Laura Clifton
Empire
The Big Bang Theory

5

The Big Bang Theory

It all started with the Big Bang!

Chernobyl

2

Chernobyl

Sky e HBO ci mostrano senza troppi filtri il disastro nucleare più famoso della storia.

Good Omens
Good Omens

Pronti all'Armageddon più divertente di sempre?

Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Empire
La Bambola Assassina

4

La Bambola Assassina

Finalmente un horror più intelligente che sanguinolento

La mia vita con John F. Donovan
La mia vita con John F. Donovan

Tanta retorica nel debutto Hollywoodiano di Xavier Dolan

Rapina a Stoccolma
Rapina a Stoccolma

La vera storia sulla nascita della famosa sindrome

Toy Story 4
Toy Story 4

Giocattoli on the road!

I morti non muoiono

2

I morti non muoiono

Jarmusch e zombi: un binomio perfetto