Recensione American McGee's Alice

Redazione GamesurfDi Redazione Gamesurf (14 febbraio 2001)
American McGee's Alice - Immagine 27
Tutte le ambientazioni sono caratterizzate per uno stile molto dark e gotico che conferisce alle medesime un aspetto decadente e allo stesso tempo distorto.
Mente dell'intero progetto è colui che dà il titolo al gioco ovvero American Mcgee's, che per coloro che si chiedono il perché di tanta importanza (da accompagnare addirittura il titolo del gioco) sappiano che tale persona ha un curriculum di tutto rispetto, essendo uno dei migliori designer di livelli che hanno collaborato in passato a giochi del calibro di Doom e Quake.
Bisogna ammettere che anche in questa sua opera la bravura e la classe di Mcgee si fanno sentire.
Infatti, la struttura dei livelli e tra le più complesse e meglio riuscite che si siano mai viste fino ad ora.
La bravura principale di Mcgees consiste nel fruttare al meglio quelle che sono le caratteristiche del paese delle meraviglie, per dar vita ad un arcade adventure avvincente e molto vario.
Parlando più approfonditamente della struttura del gioco vero e proprio, diciamo che i programmatori della Rogue-Entertaiment hanno imbrigliato tanta bravura in un bel platform con molta azione e qualche enigma, sparso tra i vari livelli di gioco.
American McGee's Alice - Immagine 7
Molte strutture di gioco oltre ad essere particolarmente complesse sono anche animate.
American McGee's Alice - Immagine 8
Alcuni effetti scenografici come in questo caso, sono semplicemente fantastici.
American McGee's Alice - Immagine 9
Le texture mantengono un dettaglio altissimo anche dalle distanze più ravvicinate.
Attraverso una telecamera posta dietro le spalle della protagonista (come qualsiasi gioco in terza persona alla Tomb Raider), il giocatore potrà impartire tramite l'ormai imprescindibile combinazione mouse-tastiera le proprie azioni.
I movimenti, che Alice può compiere sono quelli classiche del genere come correre, saltare, arrampicarsi su funi o appendersi ai bordi d'eventuali sporgenze, etc mentre stranamente non può inchinarsi (problemi d'artrite?).
Inoltre per rendere meno problematica l'azione di gioco, Alice potrà avvalersi di un mirino utile per inquadrare il bersaglio e di un comodo indicatore (a forma di suola di scarpa), utile per capire il punto in cui si atterra dopo aver effettuato un salto.
Se, possiamo fare qualche critica al sistema di controllo peraltro molto semplice, riguarda la possibilità a volte indispensabile di appendersi ad una sporgenza di una piattaforma che richiede veramente troppa precisione, rendendo l'azione un po' frustrante.

American McGee's Alice

American McGee's Alice PC Cover
Empire
Chernobyl

2

Chernobyl

Sky e HBO ci mostrano senza troppi filtri il disastro nucleare più famoso della storia.

Good Omens
Good Omens

Pronti all'Armageddon più divertente di sempre?

Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Chambers
Chambers

La teoria cellulare alla base della nuova serie horror Netflix

Empire
Super Cane Magic ZERO

1

Super Cane Magic ZERO

Un buon action RPG dalla trama surreale

Spellforce 3: Soul Harvest
Spellforce 3: Soul Harvest

Ritornando tutti a casa

L'E3 2019 di Nintendo
L'E3 2019 di Nintendo

Nintendo sbaraglia tutti!

Octopath Traveler
Octopath Traveler

Octopath Traveler arriva su PC in grande stile

L'E3 di Ubisoft: pochi guizzi, tanta noia

4

L'E3 di Ubisoft: pochi guizzi, tanta noia

Ma a questo punto non sarebbe meglio un Direct?