Recensione Age of Mythology

Daniele Palmas Di Daniele Palmas(18 novembre 2002)
Age of Mythology - Immagine 29
Quella è la sorgente della guarigione.
Innanzitutto, finalmente anche un titolo non Blizzard è riuscito a tirare fuori un'ottima campagna, con una trama intrigante che collega tutte le missioni, non lasciandole spezzettate: sotto questo punto di vista Warcraft III è ancora un gradino più in alto prevalentemente a causa di essere il continuo di una storia già iniziata in Warcraft II (dunque la curiosità su come vada a finire gioca un ruolo importante) e grazie ai filmati (che sono davvero di un altro livello: non ho mai visto su un computer roba di quel genere). Detto questo la storia di Age of Mythology non sfigura, anzi è probabilmente la migliore di tutte quelle relative agli RTS capitatimi da un po' di tempo a questa parte.

Ma il gioco vero e proprio? Beh, è ottimo. Finalmente abbiamo un'intelligenza artificiale che non contrasta con il nome; questo fa si che, giocandolo ad esempio al terzo o quarto livello di difficoltà, il titolo abbia una durata non irrilevante. La possibilità di cambiare, poi, livello di difficoltà nel corso della campagna vi eviterà anche l'impantanamento in qualche sezione particolarmente ardua. Le missioni, poi, riescono anche a presentare qualche briciola d'innovazione: in una, ad esempio, i due eroi Aiace e Arkantos saranno trasformati da Circe in cinghiali e dovranno recuperare Ulisse e tutto il suo equipaggio che erano finiti peggio, cioè diventati maiali.
Parliamo delle unità speciali (un aspetto che mi piace particolarmente di questi giochi): sono più di trenta possibili.
Age of Mythology - Immagine 30
Mi sto avventurando nel gioco online.
Age of Mythology - Immagine 31
Quello al centro è una specie di teletrasporto.
Age of Mythology - Immagine 32
La scelta delle divinità maggiori e le possibilità per quelle minori.
Insomma, tenendo conto anche della novità riguardante le divinità maggiori e minori, per quanto riguarda la varietà non c'è nulla da dire, considerando anche le altre differenze sostanziali nelle razze (concetto che, per me, ha trovato la sua massima espressione in Starcraft). Il ritmo, poi, si è leggermente alzato rispetto agli altri capitoli della serie e questo non può che essere un fatto positivo, mantenendo tuttavia una profondità di gioco e un impatto strategico ugualmente alto. Se proprio dovessi trovargli un difetto, sarebbe il meccanismo di pathfinding non molto evoluto, tuttavia si spera verrà posto rimedio in qualche futura patch.

Discorso a parte merita il multiplayer, campo in cui, come ho già detto, a mio parere Starcraft risulta ancora insuperato: è ovviamente troppo presto per giudicare un gioco del genere in multiplayer. Sicuramente, come era accaduto per il gioco Blizzard, ci vorrà una lunga serie di patch e di tempo per trovare il giusto equilibrio tra le varie fazioni, garantendo partite divertenti. A prima occhiata sembra, ad esempio, che le unità mitiche greche siano le più forti di tutte; proprio per contrastare questo i Nordici e gli Egizi dispongono di un numero illimitato di eroi. Gli Ensemble Studios sono, dunque, stati attenti già dall'inizio a garantire i giusti bilanciamenti.

Forse, il popolo più difficile, almeno inizialmente, da comandare sono i Nordici, a causa del fatto che acquistano favore combattendo: si è data, perciò, un'impronta particolarmente aggressiva a questa fazione rendendoli ideali per un gioco d'attacco, un po' come lo erano gli Zerg in Starcraft.
Ma in conclusione questo o il titolo Blizzard? Se il multiplayer decolla, consiglio questo; altrimenti fatevi suggerire dal vostro gusto personale, considerando che sono entrambi capolavori che meriterebbero di finire nella vostra ludoteca.
Age of Mythology - Immagine 33
Volendo si può giocare anche senza pannello.
Age of Mythology - Immagine 34
Il mio avversario online mi sta rullando. Vabbeh, era la prima partita...
Age of Mythology - Immagine 35
Un cavallo alato e una medusa.
9
Signori, è arrivato! Non essendo stato completamente convinto da Warcraft III, cercavo ancora un RTS per soddisfare le mie brame di potere e conquista, in grado di farmi accantonare per un po' di tempo Starcraft: gli Ensemble Studios hanno avuto la gentilezza di creare Age of Mythology, seguito dei vari Age of Empires. Dimenticatevi, però, dei primi due capitoli: qui ci sono cosi tante migliorie da convincere anche me, che non sono mai stato un grande fan della saga. Abbiamo: un motore grafico ottimo, una colonna sonora degna di questo nome, una profondità strategica aumentata rispetto ai precedenti episodi (anche grazie all'introduzione di una differenziazione più marcata delle fazioni), una varietà notevole di unità speciali. Se non vi basta, aggiungeteci una longevità in single player granitica (merito anche di una buona storia), e un multiplayer che, se non prevedo male e se saranno bilanciate le varie fazioni, diventerà il punto di riferimento per gli RTS online da qui a un bel pezzo. Insomma, visto che nella vita si devono fare delle scelte, se vi state chiedendo quale comprare tra Warcraft III o questo, io vi rispondo questo. Il re è morto, viva il re!

Age of Mythology

Age of Mythology PC Cover
Empire
Chernobyl

2

Chernobyl

Sky e HBO ci mostrano senza troppi filtri il disastro nucleare più famoso della storia.

Good Omens
Good Omens

Pronti all'Armageddon più divertente di sempre?

Dead To Me
Dead To Me

Un cadavere, due amiche, un segreto.

Il Trono di Spade

6

Il Trono di Spade

The Iron Throne

Chambers
Chambers

La teoria cellulare alla base della nuova serie horror Netflix

Empire
Super Cane Magic ZERO

1

Super Cane Magic ZERO

Un buon action RPG dalla trama surreale

Spellforce 3: Soul Harvest
Spellforce 3: Soul Harvest

Ritornando tutti a casa

L'E3 2019 di Nintendo
L'E3 2019 di Nintendo

Nintendo sbaraglia tutti!

Octopath Traveler
Octopath Traveler

Octopath Traveler arriva su PC in grande stile

L'E3 di Ubisoft: pochi guizzi, tanta noia

4

L'E3 di Ubisoft: pochi guizzi, tanta noia

Ma a questo punto non sarebbe meglio un Direct?