Recensione A Star is Born

Bradley Cooper e Lady Gaga ci regalano una versione contemporanea di una delle favole più amate dal pubblico a stelle e strisce.
Livio Ricciardelli Di Livio Ricciardelli(4 ottobre 2018)

In un periodo storico in cui Hollywood si dimostra priva di idee, e capace perlopiù di realizzare prodotti standardizzati e prevedibili dal punto di vista produttivo (remake, versioni in carte e ossa di cartoni animati del passato, cinecomics etc...), anche il grande pubblico dei nuovi anni 2000 non poteva che meritare (secondo il ragionamento delle major) una contemporanea versione di una delle favole più amate dal pubblico a stelle e strisce: E' nata una stella.

Il progetto del film nasce dunque a tavolino, con la Warner Bros quanto mai desiderosa di affidare a Clint Eastwood (in vena di musical) e alla sua Malpaso la realizzazione della pellicola. Venuta meno però la disponibilità di Eastwood, la regia è affidata direttamente all'esordiente (dietro la cinepresa) Bradley Cooper il quale, oltre ad essere il regista e il protagonista del film, risulta anche tra gli autori della sceneggiatura. Il ruolo di coprotagonista (ma col tempo sempre più protagonista assoluta della pellicola) è invece affidato a Lady Gaga, che dopo le grandi hit del periodo 2008-2011 ("Paparazzi", "Bad Romance" e "Pocket Face" giusto per citare alcuni brani) si trova a vivere in un ruolo di profonda "riflessione" della sua carriera canora, tra astruse sperimentazioni musicali ed il richiamo del passato che non ritorna (come ben esemplificano i concerti tenuti in giro per il mondo assieme a Tony Bennett, l'ultimo crooner). Non si tratta della prima opera da attrice della cantante di origine italiana, ma è senz'altro in questo "A star is a born" che Lady Gaga assume un ruolo di protagonista assoluta.

E non soltanto. Perché Lady Gaga con la sua partecipazione a questo film è come se marcasse le principali caratteristiche delle pellicola stessa. Sia per quanto riguarda la possibilità di collocarla nella storia del cinema, sia per quanto riguarda lo sviluppo della trama e del personaggio. Per quanto riguarda il primo aspetto (la storia del cinema) non si può non segnalare la profonda vicinanza tra questa versione di "E' nata una stella" e l'omonimo film del 1976 (il soggetto in questione ha conosciuto 4 diversi arrangiamenti: 1937, 1954, 1976 e 2018) in cui Frank Pierson dirigeva Barbra Streisand. Come la Streisand, Lady Gaga è principalmente una cantante che ha successivamente assunto il ruolo di attrice (con quali possibilità di emularla, lo scopriremo solo vivendo). Come la Streisand, Lady Gaga non dispone di canoni di bellezza tradizionali, che il più delle volte nel corso della sua esperienza da cantante ha cercato di celare o acuire attraverso vistosi e copiosi trucchi. Il suo non essere una bellezza "assoluta" rende il personaggio ancora più stimolante, e capace di andare oltre l'apparenza per stupire tutti a suon di acuti. Quando mai capaci di far dimenticare presunte carenze estetiche.

A Star is Born
A Star is Born - Immagine 211981
A Star is Born - Immagine 211980
A Star is Born - Immagine 211979
A Star is Born - Immagine 211978
A Star is Born - Immagine 211977
A Star is Born - Immagine 211976
A Star is Born - Immagine 211975
A Star is Born - Immagine 211974
A Star is Born - Immagine 211973
A Star is Born - Immagine 211972

Sul secondo fronte (la sceneggiatura) possiamo ben dire che l'aspetto principale di questo "A star is a born" consiste proprio nel considerare il personaggio di Ally come vero e proprio alter ego della stessa Lady Gaga (all'anagrafe Angelina Germanotta). Se negli ultimi anni infatti Lady Gaga dal trionfo in hit parade si è trovata a lasciare il passo ad altre star della musica, in questo film sembra volersi sfogare se non addirittura recuperare il tempo perduto. Ed è questa probabilmente la caratteristica che rende di interesse il film: la voglia di riscatto di un personaggio che da cameriera di uno strambo bar gay friendly si trova ad assumere un ruolo di icona pop, fino ad aggiudicarsi fama e il Grammy con miglior artista esordiente.

Nel personaggio di Ally dunque vediamo Lady Gaga. Tanto che appare quasi inutile ricordarsi il nome di battesimo della protagonista, perché è proprio lei quella che vediamo sul grande schermo. E i brani che propone (scritti tra l'altro con la collaborazione dello stesso Cooper) risultano essere cantanti in presa diretta, secondo un canovaccio che vede il film come una scusa per esibire le sue indiscutibili doti canore. Lady Gaga assume col passare dei minuti sempre maggiore centralità, pur essendo formalmente un altro il protagonista della vicenda: il cantante country Jackson Maine che rimane stregato dopo un'esibizione di Ally, intenta a cantare stesa su un bancone del bar (nemmeno fosse Massimo Ranieri) una sua versione di "La vie en rose". Il cantante si invaghisce della bellezza imperfetta e del "grande naso" di Ally. Ma soprattutto intravede un grande talento. La lancia, la rende celebre. 

A Star is Born - Immagine 1

Poi, la fatale staffetta. In cui al sorgere del sole (per Ally), si registra il tramonto di un uomo e di un artista (Jackson).

L'aspetto registico è quello che lascia maggiormente a desiderare analizzando il film: rallenti stucchevoli e una certa monotonia scenica palesano le forti carenze di un regista che solo col tempo capiremo quanto ha effettivamente subito la scelta di affidargli questa opera. Così come sul fronte narrativo appaiono oggettivamente mal caratterizzati alcuni personaggi, come il padre di Ally e l'anziano fratello del cantante Jackson Maine.

Ma del resto, siamo nel 2018. Ed il pubblico in sala ha assistito in due ore 15 minuti (troppo) ad una struggente storia d'amore. Tra gli acuti e le canzoni (belle) di un'artista che solo i più attenti osservatori di musica possono definire come "artista in declino". La missione è stata compiuta. Gli studios hanno realizzato l'obiettivo prefissato.

E (sul fronte cinematografico) all'Ovest non si intravede niente di nuovo.

Belle canzoni e una buona prova di attori per l'ennesimo remake dell'immortale favola hollywoodiana del 1937. Lady Gaga buca lo schermo mentre Bradley Cooper, al suo debutto come regista e sceneggiatore, si limita all'ordinaria amministrazione. 

A Star is Born

A Star is Born Cover
  • Regia: Bradley Cooper
  • Produzione: Malpaso Productions, Joint Effort, Gerber Pictures
  • Nazionalità: USA
  • Distributore: Warner Bros. Italia
  • Sceneggiatura: Christopher Wilkinson, Stephen J. Rivele, Irene Mecchi, Eric Roth, Bradley Cooper, Will Fetters
  • Genere: Drammatico, Musicale
  • Durata: 135 min.
  • Data di uscita: 11 ottobre 2018
  • Cast: Bradley Cooper, Lady Gaga, Michael Harney, Sam Elliott, Bonnie Somerville, Greg Grunberg, Dave Chappelle, Rafi Gavron, Andrew Dice Clay, Willam Belli, Eddie Griffin, Rebecca Field, Anthony Ramos, Michael D. Roberts
Empire
Butterfly
Butterfly

La storia di una bambina transgender raccontata con tatto e delicatezza

True Detective

3

True Detective

Due detective, un omicidio e un feticcio nel bosco. Suona familiare?

Das Boot

1

Das Boot

Tutti pronti per l'immersione su Sky?

Le Terrificanti Avventure di Sabrina

2

Le Terrificanti Avventure di Sabrina

Bentornata Sabrina! Più horror, più latino ma soprattutto... più Satana

Netflix

1

Netflix

Siete di nuovi su Netflix? Eccovi qualche consiglio..

Empire
Maria Regina di Scozia
Maria Regina di Scozia

Una regista femminile rivisita la storica rivalità tra due regine

L'uomo dal cuore di ferro
L'uomo dal cuore di ferro

Due film in uno per raccontare la storia di uno dei più spietati gerarchi nazisti

L'agenzia dei bugiardi
L'agenzia dei bugiardi

Una commedia chiassosa sulle dinamiche di coppia

L'agenzia dei bugiardi
L'agenzia dei bugiardi

La conferenza stampa del cast

Creed II

1

Creed II

Adonis torna sul ring, ma stavolta il vero protagonista è Rocky...