Recensione A Sangue Freddo

Redazione GamesurfDi Redazione Gamesurf (29 luglio 2000)
Era da diverso tempo che non sentivamo parlare della Revolution Software, etichetta nata e cresciuta con l'ormai defunto Amiga 500 e giunta alle luci della ribalta grazie a titoli di indubbio valore come Beneath a Steel Sky. Il motivo di questo silenzio apparente è presto detto: il team di sviluppo facente capo a Charles Cecil si è messo d'impegno per abbandonare il settore delle avventure grafiche (in cui la Revolution ha sempre basato le sue uscite) e sconfinare in quello, ultimamente più remunerativo, degli action game. Il frutto dell'impegno costante di un gruppo di oltre venti persone tra sviluppatori, grafici, sceneggiatori e progettisti è ora sotto i nostri (miei) occhi, nella forma dei due CD che compongono la struttura digitale di A Sangue Freddo
A Sangue Freddo - Immagine 1
Lo schermo dei titoli ricorda più di un Action Movie
IL MIO NOME E' JOHN CORD
La prima cosa che salta all'occhio dopo aver dato in pasto il gioco alla veneranda PlayStation, è l'espediente utilizzato per presentarlo agli utenti: niente logo-introduzione-schermo dei titoli, come siamo ormai abituati da tempo immemore, ma un unico filmato che gira in looping continuo intervallato dalle parole che compongono un'enorme scritta A Sangue Freddo. L'intento "cinematografico" è quindi chiarissimo sin dai primi minuti di utilizzo, in cui ci viene data la possibilità di apprendere, tramite un comodo tutorial, i principali comandi di gioco o districarci con i soliti settaggi per la centratura dello schermo e il sonoro. Iniziata finalmente l'avventura, verremo catapultati nei panni ridottissimi (canottiera e pantaloni) di tale John Cord, appena finito nelle mani del nemico e in avanzata fase di interrogatorio "cum" tortura annessa. Attraverso il volto martoriato (o è martoriato, o è brutto di suo) del caro John, avremo un primo sentore che le cose non stiano andando come dovrebbero, sentore confermato dal flashback che partirà negli attimi successivi
Con un ingegnoso espediente del mondo del cinema, mutuato pari pari da 'I Soliti Sospettì (a cui Charles Cecil si è ispirato), la Revolution Software ci mette nei panni dello sfortunato agente del MI6 britannico alle prese con la ricerca & recupero di un commilitone di nazionalità americana, disperso nello stato sovietico fittizio del Volgia. Il flashback citato poco sopra sarà l'avventura vera e propria che vivremo nei panni dell'eroe di turno, fino a giungere al momento stesso dell'interrogatorio e dipanare così la nebbia che circonda i primi avvenimenti narrati nel titolo Sony. Da bravo agente segreto, John Cord non disdegna l'aiuto della tecnologia, rappresentato in questo caso da uno strano gingillo chiamato Remora che ha la doppia funzione di computer palmare e trasmittente per i messaggi del nostro
0 commenti

A Sangue Freddo

Disponibile per: PC, PSOne
A Sangue Freddo PSOne Cover
Empire
La verità sul caso Harry Quebert
La verità sul caso Harry Quebert

Una serie che non ti molla fino all'ultima sequenza

Homecoming
Homecoming

Un drama raffinato in cui niente è come sembra

Il Nome della Rosa
Il Nome della Rosa

Il romanzo di Umberto Eco diventa una serie TV

American Gods

3

American Gods

Gli dei vecchi e nuovi secondo Neil Gaiman

The Umbrella Academy

3

The Umbrella Academy

I nuovi supereroi targati Netflix

Empire
Stadia
Stadia

Tutte le informazioni sul progetto gaming di Google

One Piece World Seeker

5

One Piece World Seeker

Una nuova avventura per Monkey D. Rufy

Tom Clancy's The Division 2
Tom Clancy's The Division 2

Agenti, Washington D.C. ha bisogno di voi

PlayStation Now

8

PlayStation Now

Una prima occhiata al nuovo servizio streaming (ma non solo) di Sony

Warhammer: Chaosbane
Warhammer: Chaosbane

Siamo pronti all'arrivo del brand in salsa hack'n'slash?