Recensione Ore 15:17 - Attacco al Treno

Una nuova storia di eroi comuni
Roberto Vicario Di Roberto Vicario(9 febbraio 2018)

Il 21 agosto del 2015, tre ragazzi americani (Spencer Stone, Anthony Sandler e Alek Skarlatos) sventano un potenziale attentato jihadista sul treno che da Amsterdam porta a Parigi. Un gesto eroico, realizzato da tre persone comuni. Una tipo di storia che il più recente periodo di Eastwood dietro la macchina da presa ama particolarmente ritrarre e raccontare. L'abbiamo visto - in parte - con American Sniper, ma soprattutto con Sully (la storia del pilota che fece ammarare un aereo di linea sull'Hudson).

Ore 15:17 - Attacco al Treno
Ore 15:17 - Attacco al Treno - Immagine 207639
Ore 15:17 - Attacco al Treno - Immagine 207638
Ore 15:17 - Attacco al Treno - Immagine 207637
Ore 15:17 - Attacco al Treno - Immagine 207636
Ore 15:17 - Attacco al Treno - Immagine 207635
Ore 15:17 - Attacco al Treno - Immagine 207634
Ore 15:17 - Attacco al Treno - Immagine 207633
Ore 15:17 - Attacco al Treno - Immagine 207632
Ore 15:17 - Attacco al Treno - Immagine 207631
Ore 15:17 - Attacco al Treno - Immagine 207630

Sottrarre per attrarre?

in 15:17 - Attacco al Treno Clint Eastwood trae ispirazione dal romanzo che racconta questa vicenda per focalizzare l'attenzione su un momento piuttosto circoscritto, durato qualche istante per consacrare questi ragazzi come eroi americani. E proprio qui sta la grande difficoltà di una pellicola che dimostra come sia difficile cercare di creare una storia di un'ora e mezza attorno ad un fatto di poco minuti.

Eastwood, furbo e capace, ci prova cercando ancora una volta un cinema sottrattivo. Nella prima parte della pellicola, infatti, vengono introdotti i tre ragazzi, passando per la loro vacanza in giro per l'Europa (toccheranno anche l'Italia: Roma e Venezia), attraverso normalissimi commenti di ragazzi che vivono la loro età, condizionanti da quella concezione di middle class repubblicana fortemente religiosa e conservatrice. Ed in questo senso, un po' come in Sully, il film funziona.

A differenza di film come Gran Torino, qui Eastwood non sceglie di ricamare nulla attorno a questi ragazzi, non abbellisce, idolatra o esalta questi ragazzi, ma li mostra per quello che realmente sono. Non fraintendetemi, un pizzico di quella stantia retorica statunitense è sempre presente nel film, ma mai in maniera eccessiva o deterministica. Questa cosa funziona soprattutto perché il regista ha scelto di far recitare i tre ragazzi che realmente hanno sventato l'attentato. Una scelta rischiosa, ma che posso dire essere risultata vincente. Nella scena clou della pellicola, di fatto, l'affiatamento di questi ragazzi ha fatto la differenza, dimostrando un'amalgama e una coesione che dimostrano di andare oltre la recitazione sullo schermo.

Ecco, se quindi l'involucro, gli intenti e lo stile sembrano più che buoni, a mancare è proprio il contenuto. La sceneggiatura tocca dei livelli piuttosto bassi, facendo passare il più delle scene come momenti che si trascinano verso quella che poi è la scena più importante della pellicola, e a cui dona il nome stesso. Nel suo essere fortemente sottrattivo e asciutto, Eastwood non riesce a trovare il mordente per tenere lo spettatore incollato ad una vicende che vede tutto quello che è il vero contenuto, dissolversi in pochi minuti. Quelli che ci sono prima, purtroppo, rappresentano tanti cliché appiccicati l'uno con l'altro che non trovano un vero spunto per rapire l'attenzione dello spettatore.

Ore 15:17 - Attacco al Treno - Immagine 5
Ore 15:17 - Attacco al Treno - Immagine 6

Nel complesso riconosco che 15:17 - Attacco al Treno è un film complesso, paradossalmente molto più difficile di quel Sully che tanto ci aveva stupito in positivo. E se da una parte è vero che un uomo della qualità e della bravura di Eastwood, arrivato ad 88 anni, si può permettere di prendere certi rischi,è altrettanto corretto dire che non sempre possono andare come è fiducioso aspettarsi.

 

Clint Eastwood persegue la strada che ci parla di persone comuni che diventano eroi. Il racconto è spogliato di qualsiasi consacrazione di eroismo o idealizzazione del gesto stesso. Tuttavia ricamare attorno una storia ad un atto durato pochi minuti è un compito complesso, e la trama denota tutti i limiti di un prodotto che funziona solamente sul finale. Peccato.

Ore 15:17 - Attacco al Treno

Ore 15:17 - Attacco al Treno Cover
  • Titolo Originale: The 15:17 to Paris
  • Regia: Clint Eastwood
  • Produzione: Warner Bros., Village Roadshow Pictures, Malpaso Productions
  • Nazionalità: USA
  • Distributore: Warner Bros.
  • Sceneggiatura: Dorothy Blyskal
  • Genere: Biografico
  • Durata: 94 min.
  • Data di uscita: 8 febbraio 2018
  • Cast: Spencer Stone, Anthony Sadler, Alek Skarlatos, Judy Greer, Jenna Fisher
Empire
Future Man

1

Future Man

Viaggi nel tempo e fantascienza in una serie tv che non si prende sul serio e gioca con le citazioni pop

Il Trono di Spade

3

Il Trono di Spade

Recap Episodio 8x01

Il Trono di Spade
Il Trono di Spade

Le fan theories più assurde e... probabili sul finale di una grande serie

Il Trono di Spade

3

Il Trono di Spade

L'ottava ed ultima stagione è ormai alle porte

Ultraman

2

Ultraman

Il ritorno del gigante di luce, ma meno gigante del solito

Empire
The Silence
The Silence

Un cast d'eccezione ma poca sostanza per il nuovo horror targato Netflix

Star Wars Episodio IX

9

Star Wars Episodio IX

Analizziamo il trailer e scopriamo qualche teoria.

Avengers Endgame

1

Avengers Endgame

Le differenze tra l'avventura cartacea e il film

Men in Black International

1

Men in Black International

Fantascienza che sa far ridere!

La caduta dell'impero americano
La caduta dell'impero americano

Può un regista ultrasettantenne girare un film come se fosse un trentenne? Se ti chiami Denys Arcand, sì.