In Piemonte più giochi tradizionali e meno videogame

Con la pandemia, bisogna incentivare la socialità

In Piemonte più giochi tradizionali e meno videogame
di Gamesurf Newser

La Regione Piemonte ha ricevuto dallo Stato la cifra di 1.860.000 Euro, da destinare a politiche di sostegno a famiglie e bambini. L'Assessore alle politiche sociali, Chiara Caucino, ha affermato che circa il 10% dei fondi saranno destinati a progetti volti a promuovere i giochi tradizionali a scapito di quelli elettronici che, come ipotizzano alcuni studi, possono creare fenomeni di dipendenza. Non ci sarebbe quindi alcuna crociata contro il videogame, quanto piuttosto un incentivo a tornare ai giochi di una volta, che contribuiscono al corretto sviluppo dell'individuo. Non sappiamo dire se l'iniziativa avrà successo, ma considerando gli eventi dell'ultimo anno e mezzo e quanto abbiano drasticamente mutato le abitudini e gli stili di vita dei più piccoli, facendo emergere con drammatica attualità il bisogno di risocializzazione, ci sentiamo di appoggiare pienamente i propositi della Regione Piemonte.