Homeland: inizia domani l'ultima stagione

Cala il sipario sulla Spy Fiction

Homeland: inizia domani l'ultima stagione
Tiscali GameSurf

Clare Danes da un lato ha detto che “Homeland affronta le contraddizioni e le ambiguità delle politiche internazionali attuali, e mai come stavolta azzarda un j'accuse contro la nostra amministrazione”, mentre, a proposito degli agenti dell’intelligence, l’attore Mandy Patinkin ha dichiarato: “in questa stagione parliamo senza peli sulla lingua della guerra di Donald Trump contro la comunità dell'intelligence, che lui chiama un cancro contagioso”. 

La serie, infatti, racconta le vicende personali e professionali dell’agente della CIA Carrie Mathison (Claire Danes): la protagonista, nonostante l’imprevedibilità e l’instabilità derivanti dal suo disturbo bipolare, lavora senza paura e correndo molti rischi per sventare attacchi terroristici contro la sua nazione, gli Stati Uniti d’America.   

Lo show-runner Alex Gansa ha detto “stavolta la storia è ancora più ampia rispetto alla stagione sette, torniamo allo spionaggio e al controspionaggio. Non ci sarà alcun paletto, nessun colpo proibito, ci giochiamo tutto”. Nell’ultima stagione di HOMELAND verrà ripreso il tema centrale dei primi episodi: la lotta al terrorismo islamico in America sarà di nuovo al centro della narrazione, che si sposterà in Afghanistan. Saul (Mandy Patinkin), mentore della protagonista e ora consulente per la Sicurezza Nazionale, dovrà affrontare un difficile negoziato di pace con i Talebani e avrà bisogno dell’aiuto di Carrie, la cui conoscenza ed esperienza nel mondo musulmano possono essere fondamentali nella trattativa.

Ma la brillante spia protagonista della serie è ancora profondamente turbata dai durissimi mesi di prigionia in Russia e nonostante il suo corpo si sia ripreso completamente, la sua mente è ancora tormentata dagli incubi. Carrie sembra aver fallito un test del poligrafo mentre cercava di ottenere di nuovo la sua abilitazione come agente della CIA: nell’ultima stagione di HOMELAND si scoprirà dunque se lei a sua volta ha tradito la sua nazione ed è diventata complice dei nemici russi.