Cyberpunk 2077 sarà ben diverso da quanto visto nella demo

La demo dello scorso E3 mostrava solo un piccolo frammento del gioco.

Cyberpunk 2077 sarà ben diverso da quanto visto nella demo
di Gabriele Eltrudis

C'è tanto interesse quanto mistero attorno all'attesissimo Cyberpunk 2077. E le incognite e la curiosità sono cresciute ulteriormente in seguito alle dichiarazioni del quest-director del game, Mateusz Tomaszkiewicz, stando alle quali la versione finale del gioco sarà molto diversa da quanto visto nella demo mostrata all'E3 del 2018.

Ecco le sue parole rilasciate ai colleghi di AreaJugones:

"Stiamo costantemente rifinendo e pensando a come rendere il gioco più interessante, per rendere il gameplay più ‘figo'. E sì, la demo mostrata lo scorso anno era solo un piccolo frammento del prodotto attuale. Non offriva una chiara immagine di come il gioco si inserisca nel contesto più ampio e nell'open-world. Ci sono molti elementi che non abbiamo ancora mostrato e altri sui quali stiamo ancora lavorando. Quello che voglio dire è che il gioco è attualmente molto diverso da quello che abbiamo mostrato in passato, ma ci sono ancora dettagli su cui lavorare."

Per quanto riguarda il gameplay di Cyberpunk 2077, ha proseguito:

"Il nostro gioco è principalmente un RPG, quindi il combattimento è da intendere come un extra. Il titolo offre un'ampio ventaglio di opzioni per completare le missioni. Stiamo però lavorando perché le meccaniche di combattimento siano buone e divertenti. Penso che potremmo proporre una vasta gamma di armi che farà risaltare il nostro gioco."

In merito allo shooting ha poi concluso:

"Sarà una via di mezzo tra la simulazione e l'arcade perché è un gioco di ruolo; abbiamo statistiche e danni quindi non offrirà certamente una rappresentazione realistica di una sparatoria. Non sarà però nemmeno un arcade alla Bulletstorm o Borderlands, - menzionati dall'intervistatore - ci sarà la possibilità di utilizzare armi da mischia come la katana e in questo modo le azioni del personaggio saranno più arcade. Sì, in breve, direi che sarà una via di mezzo."