Gamesurf

Ready or Not e la controversa missione della scuola

Gli sviluppatori dicono la loro sulla questione

Tiscali GameSurf

Ready or Not è uno shooter tattico approdato su Steam dieci giorni fa in early access. Il primo impatto dell'utenza è stato molto positivo, decretando immediatamente il successo di questa creatura dello studio neozelandese Void Interactive. Tuttavia, i primi giorni di vita del videogame si sono rivelati piuttosto turbolenti: il publisher originale, Team 17, ha deciso di fare un passo indietro e ha abbandonato il progetto. Una specifica missione ha inoltre suscitato un certo clamore: in Ready or Not si assume il controllo della SWAT, la squadra di pronto intervento delle forze armate americane e questa missione ha per oggetto la liberazione di una scuola da un attentatore. Naturalmente la scelta di una ambientazione controversa ha fatto nascere polemiche, alle quali i Void Interactive hanno deciso di rispondere. I Void rivendicano il coraggio di questa scelta, affermando di essere spinti da esigenze di autenticità e realismo, consci della responsabilità insita nell'inscenare eventi che riportano alla mente tragedie reali. Gli sviluppatori intendono maneggiare questo materiale attribuendo ad esso il peso e la responsabilità che merita.