Gamesurf

Matt Damon ci parla dei cambiamenti nell'industria cinematografica

L'avvento dello streaming e le sue conseguenze

Tiscali GameSurf

Hot Ones è una serie Youtube dove, in ogni episodio, una star accetta la sfida di assaggiare salse sempre più piccanti, cercando di resistere senza bere. Il tempo trascorso nel mezzo di questa tortura auto-inflitta viene impiegato per intervistare l'ospite di turno e l'argomento, come si può intuire, generalmente è il mondo dello spettacolo. Intervenuto nell'ultimo episodio, trasmesso il 5 agosto, l'attore hollywoodiano Matt Damon ha condiviso una riflessione mlto interessante sul mercato cinematografico. Stando a Damon, una porzione importantissima dei guadagni dei film era data dalla vendita dei DVD, che gli ultimi cambiamenti in fatto di tecnologia hanno però reso obsoleti.

All'industria del cinema è così venuta a mancare una voce fondamentale dei ricavi e questo inevitabilmente si trasmette sulle produzioni, in particolare sulla scelta dei progetti su cui investire. Damon fa l'esempio di un film d'autore in cui ha recitato, Behind the Candelabra, diretto da Steven Soderbergh. Se uscisse oggi questo film, fra il budget iniziale di 25 milioni e le spese promozionali di altrettanti 25 milioni, non potendo contare sull'home video dovrebbe generare un incasso di almeno 100 milioni nelle sale per andare in attivo, cosa che Damon reputa impossibile, a causa del soggetto troppo di nicchia. Ne consegue quindi che la morte dei DVD rischia di determinare anche la morte di tutti quei progetti che non sembrano garantire un immediato ritorno commerciale.