Gamesurf

Il bundle di Wii con Wii Sports non piaceva ai vertici Nintendo

Ma Reggie Fils-Aimé è riuscito ad imporsi

Wii Sports
Tiscali GameSurf

Da un paio di giorni è uscito Disrupting the Game: From the Bronx to the Top of Nintendo, libro in cui Reggie Fils-Aimé, storico ex-presidente di Nintendo (ricordate "my body is ready"?), racconta alcuni retroscena della sua carriera. Un aneddoto particolarmente significativo riguarda Nintendo Wii, che ricorderete veniva venduto in tutto il mondo (tranne in Giappone) in bundle con Wii Sports. Questo bundle è stato probabilmente uno dei fattori chiave del successo della console, ma a quanto pare i vertici di Nintendo erano tutt'altro che entusiasti all'idea. Satoru Iwata, allora presidente della compagnia, si oppose, rilevando che Nintendo non regala i suoi contenuti.

Shigeru Miyamoto formulò una proposta alternativa, indicando un bundle con Wii Play (che all'epoca era ancora in versione embrionale) invece di Wii Sports. Ma a Reggie l'idea non piacque, ritenendo Wii Play troppo incompleto per venire venduto con Wii e suggerendo piuttosto che venisse offerto assieme ad un Wiimote. Miyamoto fu visibilmente alterato, ma dopo qualche mese entrambe le proposte di Reggie vennero approvate e il resto è storia.