Gamesurf

Bayonetta più coperta? La colpa non è di Nintendo

Anzi, alla grande N non dispiace che la strega sia disinibita

Bayonetta più coperta? La colpa non è di Nintendo
Tiscali GameSurf

Un paio di settimane fa, Nintendo ha rivelato la data di uscita di Bayonetta 3, l'attesa esclusiva di PlatinumGames che approderà su Switch il prossimo 28 ottobre. Contestualmente all'annuncio, i Platinum hanno presentato la Naive Angel Mode, una modalità che renderà le scene a schermo più caste. Questa aggiunta ha fatto subito sorgere un sospetto, ossia che quella di aggiungere una modalità family-friendly fosse una imposizione proveniente dall'alto, da Nintendo stessa; conoscendo quanto la casa di Kyoto sia attenta a mostrare una immagine adatta ai più piccoli, si è trattato di un dubbio più che legittimo. Questa ipotesi è stata spazzata via dal papà di Bayonetta, Hideki Kamiya. Sul suo account Twitter, il game designer giapponese smentisce di aver ricevuto richieste del genere da Nintendo e anzi, condivide un aneddoto singolare: l'unica volta che Nintendo ha messo parola sull'aspetto di Bayonetta, è stato per far notare che il costume ispirato a Link sarebbe stato migliore con una scollatura maggiore...