Tiscali

Lo Spettro di Destiny doveva essere pi¨ loquace

Ma hanno tagliato il copione

Di Davide Ambrosiani (3 luglio 2015 - 16:02)
Destiny

David Cross, attore famoso per la sua parte in Arrested Development ("Ti presento i miei" in Italia), racconta di esser stato avvicinato da Bungie pi¨ di un anno fa e di aver ricevuto l'incarico di scrivere una serie di battute per lo Spettro, vale a dire la fedele IA che segue il giocatore lungo tutto il gioco.




Tali battute dovevano alleggerire il tono monocorde della prismatica creatura, rendendola pi¨ attiva, pi¨ personale... pi¨ Cortana in un certo senso. Cross, consegnato il lavoro e atteso l'arrivo del gioco nei negozi, ha scoperto che il copione da lui scritto non Ŕ stato usato. Nemmeno una linea di dialogo.




"╚ un peccato. Ho giocato a Destiny un bel po'. Facendo parte del progetto ero emozionato, ma dopo 20 ore di gioco ti rendi conto che lo Spettro dice sempre le solite cose con tono piatto." ha commentato l'attore decisamente deluso.




Vien da chiedersi come mai di tale decisione: forse il team voleva tenere i toni del gioco sul serioso barra epico? Forse temevano di avvicinarsi troppo allo stile di Borderlands?




Voi? Avreste preferito uno Spettro pi¨ ciarliero?

Destiny
Destiny - Immagine 134350
Destiny - Immagine 134345
Destiny - Immagine 134340
Destiny - Immagine 134335
Destiny - Immagine 134330
Destiny - Immagine 134325
Destiny - Immagine 126594
Destiny - Immagine 126590
Destiny - Immagine 126586
Destiny - Immagine 126582

Destiny

Disponibile per: Xbox One , PS4, PS3, Xbox 360
Destiny Xbox One Cover
Empire
Empire
Fast & Furious - Hobbs & Shaw

5

Fast & Furious - Hobbs & Shaw

La coppia che scoppia!

C'era una volta a Hollywood

4

C'era una volta a Hollywood

L'autocitazione di Tarantino

Spider-Man: Far From Home

38

Spider-Man: Far From Home

Una grande responsabilitÓ per Peter Parker

La Bambola Assassina

7

La Bambola Assassina

Finalmente un horror pi¨ intelligente che sanguinolento

La mia vita con John F. Donovan
La mia vita con John F. Donovan

Tanta retorica nel debutto Hollywoodiano di Xavier Dolan