L'online di Halo: The Master Chief Collection su PC non richiede un abbonamento premium

L'unico requisito necessario č quello di possedere un account Xbox Live base.

Di Gabriele Eltrudis (18 marzo 2019 - 09:35)
Halo: The Master Chief Collection

Qualora siate intenzionati all’acquisto di Halo: The Master Chief Collection per PC sappiate che potrete giocare online senza sottoscrivere alcun abbonamento Premium.

Infatti, l’unico requisito necessario č quello di possedere un account Xbox Live base che, ovviamente, č possibile creare in modo totalmente gratuito. Questo step č richiesto sia acquistando la Collection dallo store Microsoft, sia da quello di Valve, Steam.

In sostanza, non dovrete attivare l’abbonamento GOLD e “sborsare” soldi extra per giocare le modalitā multigiocatore di questa attesa raccolta contenente sei capitoli della celebre saga.

Ancora non č stato comunicato quando Halo: The Master Chief Collection sarā disponibile su PC ma potete iniziare aggiungerla alla wishlist.

Halo: The Master Chief Collection
Halo: The Master Chief Collection - Immagine 150024
Halo: The Master Chief Collection - Immagine 150023
Halo: The Master Chief Collection - Immagine 150022
Halo: The Master Chief Collection - Immagine 150021
Halo: The Master Chief Collection - Immagine 131689
Halo: The Master Chief Collection - Immagine 131688
Halo: The Master Chief Collection - Immagine 131687
Halo: The Master Chief Collection - Immagine 130579
Halo: The Master Chief Collection - Immagine 130578
Halo: The Master Chief Collection - Immagine 130577

Halo: The Master Chief Collection

Halo: The Master Chief Collection Xbox One Cover
Empire
Empire
La Bambola Assassina
La Bambola Assassina

Finalmente un horror pių intelligente che sanguinolento

La mia vita con John F. Donovan
La mia vita con John F. Donovan

Tanta retorica nel debutto Hollywoodiano di Xavier Dolan

Rapina a Stoccolma
Rapina a Stoccolma

La vera storia sulla nascita della famosa sindrome

Toy Story 4
Toy Story 4

Giocattoli on the road!

I morti non muoiono

2

I morti non muoiono

Jarmusch e zombi: un binomio perfetto