Kojima ci spiega alcuni aspetti di Death Stranding

E così scopriamo che quello che abbiamo visto è una sorta di limbo

Di Fabrizio Cirillo (12 dicembre 2017 - 09:35)
Death Stranding

Nel corso di un'intervista post Game Awards con IGN, Hideo Kojima ha approfondito il discorso legato al suo nuovo progetto, spiegando nello specifico alcuni aspetti di Death Stranding che abbiamo imparato a conoscere proprio attraverso il trailer del gioco pubblicato durante i Game Awards. Ecco nello specifico i punti salienti dell'intervista: 

  • Secondo Kojima, uno dei temi centrali del gioco sarà il legame tra la vita e la morte che in questo caso specifico non rappresenterà la fine nel gioco.
  • Il trailer mostra la sezione di gioco immediatamente successiva all'inizio della partita
  • Nel gioco non ci sarà una vera e propria morte, ma in caso di decesso il giocatore sarà catapultato nell'area vista nel trailer da cui potrà uscire per riprendere da dove ha fallito.
  • Nel trailer abbiamo visto Sam (Norman Reedus) svegliarsi dopo un'esplosione in un mondo sommerso dall'acqua. Questo mondo è in realtà una zona di transizione tra la vita e la morte giocabile in prima persona, all'interno del quale il protagonista potrà sfruttare la sua abilità "unica" per recuperare oggetti vagando di fatto sotto forma di entità extracorporea.
  • Il bambino visto nei tre trailer è sempre lo stesso ed è in qualche modo legato al sistema tecnologico posto sulle spalle dei soldati. A quanto pare il braccio robotico può funzionare solo quando connesso al bambino.
  • Il fenomeno visto all'inizio del trailer si chiama "Timefall", si presenta sotto forma di pioggia non del nostro mono ed è in grado di accelerare drasticamente l'invecchiamento del corpo umano. Per ragioni ancora sconosciute, Sam è immune a questo effetto.
  • Death Stranding avrà una componente multiplayer piuttosto importante ma sostanzialmente si concentrerà sul singolo giocatore

Al termine dell'intervista, lo stesso Kojima ha infine risposto a chi si lamenta dei tempi di gestazione tanto lunghi, precisando che un gioco AAA per essere sviluppato come deve necessita di tempi di sviluppo che vanno da tre a cinque anni anche in presenza di un motore grafico praticamente pronto.

Death Stranding
Death Stranding - Immagine 210342
Death Stranding - Immagine 210341
Death Stranding - Immagine 210340
Death Stranding - Immagine 210339
Death Stranding - Immagine 210338
Death Stranding - Immagine 210337
Death Stranding - Immagine 210336
Death Stranding - Immagine 210335
Death Stranding - Immagine 210334
Death Stranding - Immagine 210333

Death Stranding

Death Stranding PS4 Cover
  • Piattaforma: PS4
  • Produzione: Sony
  • Sviluppo: Kojima Productions
  • Multiplayer Locale: Assente
  • Multiplayer Online: Assente
Empire
Empire
La profezia dell'Armadillo
La profezia dell'Armadillo

Portare Zerocalcare sul grande schermo era un compito davvero arduo. E infatti...

Gotti
Gotti

La vita di John Gotti arriva al cinema, ma non è più tempo per i Bravi Ragazzi

Slender Man

1

Slender Man

Se la paura annoia...

The Space Pass

3

The Space Pass

The Space mette Netflix nel mirino

Mission Impossible Fallout

7

Mission Impossible Fallout

Un grande Tom Cruise per il miglior film della saga