Dalle ceneri di Irrational, The Black Glove

Il nuovo team Day for Night presenta il suo progetto

Di Tommaso Alisonno (3 giugno 2014 - 11:58)
The Black Glove

Dopo la chiusura del team Irrational, Joe Fielder - sceneggiatore, tra le altre cose, del DLC "Funerale in Mare" di Bioshock Infinite - ha formato un nuovo team, compsoto per la maggior parte da membri del vecchio team di Ken Levine, battezzandolo Day for Night games. Adesso, sulle pagine di Polygon, Fielder ha descritto il primo lavoro che il nuovo team ha in cantiere: si tratta di un'avventura in prima persona intitolata The Black Glove.




The Black Glove
The Black Glove - Immagine 115498
The Black Glove - Immagine 115497




Lo scopo del gioco sarà quello di alterare il passato di un artista, di un cineasta e di un attore di musical, in modo da modificarne il successo nel presente: il tutto grazie alle peculiari caratteristiche di un teatro, l'Equinox, che esiste contemporaneamente nel passato, nel presente e nel futuro.




"La storia sarà direttamente legata al GamePlay - spiega Fielder - Anche una svolta sbagliata, anche interpretare erroneamente un indizio o semplicemente sperimentare potrebbe portare a risultati interessanti. Avrete numerosi siti da visitare, e ci saranno grandi variazioni alla narrazione e al mondo circostante."




Del progetto per ora non si sa molto di più, salvo che entro la fine del mese di Giugno partirà un Kickstarter per il finanziamento: solo allora scopriremo anche le piattaforme di riferimento.



The Black Glove

The Black Glove PC Cover
Empire
Empire
The Silence
The Silence

Un cast d'eccezione ma poca sostanza per il nuovo horror targato Netflix

Star Wars Episodio IX

9

Star Wars Episodio IX

Analizziamo il trailer e scopriamo qualche teoria.

Avengers Endgame

1

Avengers Endgame

Le differenze tra l'avventura cartacea e il film

Men in Black International
Men in Black International

Fantascienza che sa far ridere!

La caduta dell'impero americano
La caduta dell'impero americano

Può un regista ultrasettantenne girare un film come se fosse un trentenne? Se ti chiami Denys Arcand, sì.