Capcom non ripudia il Devil May Cry di Ninja theory

Al contrario, si era perfino ipotizzato un DMC 2

Di Fabrizio Cirillo (26 settembre 2018 - 15:06)
Devil May Cry 5

Il Devil May Cry firmato Ninja Theory doveva essere un titolo di rottura per volontà della stessa Capcom, che vedeva in quest'opera l'opportunità di rendere la saga più occidentale di quanto non fosse. Sappiamo tutti che l'esperimento non è riuscito (almeno in termini di vendite), tanto da convincere a casa di Resident Evil a tornare sui propri passi e iniziare un nuovo percorso con Devil May Cry 5.

Hideaki Itsuno ha tuttavia voluto dire la sua al riguardo, confidando a VG247 che in realtà originariamente era previsto lo sviluppo anche di DmC: Devil May Cry 2 e che quanto si vedrà in Devil May Cry 5 terrà comunque conto di molte delle cose che preparò a suo tempo Ninja Theory per il suo DMC del 2013.

Insomma, tornare sui propri passi si, ma gettare fango sul prodotto di Ninja Theory assolutamente no.

Devil May Cry 5
Devil May Cry 5 - Immagine 211473
Devil May Cry 5 - Immagine 211470
Devil May Cry 5 - Immagine 211467
Devil May Cry 5 - Immagine 211464
Devil May Cry 5 - Immagine 211461
Devil May Cry 5 - Immagine 211458
Devil May Cry 5 - Immagine 211455
Devil May Cry 5 - Immagine 211452
Devil May Cry 5 - Immagine 211449
Devil May Cry 5 - Immagine 211446

Devil May Cry 5

Disponibile per: Xbox One, PS4, PC
Devil May Cry 5 PC Cover
  • Piattaforma: PC
  • Produzione: Capcom
  • Genere: Action
  • Multiplayer Locale: Assente
  • Multiplayer Online: Assente
  • PEGI: +18
  • Data di uscita: 8 marzo 2019
Empire
Empire
Schindler's List - La lista di Schindler
Schindler's List - La lista di Schindler

Celebriamo i 25 anni di uno dei film che hanno segnato la storia del cinema

La Ballata di Buster Scruggs
La Ballata di Buster Scruggs

Il grande cinema che non passa dal cinema

Road Movie: Il cinema in viaggio

2

Road Movie: Il cinema in viaggio

Sette road movies da vedere prima di Green Book

La Favorita
La Favorita

Un regista greco, una regina inglese e una rivalità da Oscar