Anche Kingdom Come: Deliverance ha il suo accolade trailer

E sì, fra la stampa ci siamo anche noi

Di Fabrizio Cirillo (13 marzo 2018 - 09:08)
Kingdom Come: Deliverance

Warhorse Studios e Deep Silver hanno pubblicato un nuovo trailer dell'acclamato RPG Kingdom Come: Deliverance, che esplora il travolgente feedback della stampa italiana. 

Kingdom Come: Deliverance è un RPG open-world con una storia che ti immerge in un'avventura epica nel Sacro Romano Impero. Vendica la morte dei tuoi genitori mentre combatti le forze nemiche, parti per missioni rivoluzionarie e compi scelte importanti. Esplora maestosi castelli, foreste lussureggianti, villaggi fiorenti e innumerevoli altri scenari realistici nella Boemia medievale. Il famoso titolo finanziato grazie a Kickstarter è disponibile dal 13 febbraio per PlayStation 4, PC e Xbox One.  

Kingdom Come: Deliverance
Kingdom Come: Deliverance - Immagine 193710
Kingdom Come: Deliverance - Immagine 193707
Kingdom Come: Deliverance - Immagine 193704
Kingdom Come: Deliverance - Immagine 151166
Kingdom Come: Deliverance - Immagine 151163
Kingdom Come: Deliverance - Immagine 151160
Kingdom Come: Deliverance - Immagine 151157
Kingdom Come: Deliverance - Immagine 151154
Kingdom Come: Deliverance - Immagine 112425
Kingdom Come: Deliverance - Immagine 112422

Kingdom Come: Deliverance

Disponibile per: PC , Xbox One, PS4
Kingdom Come: Deliverance PC Cover
  • Piattaforma: PC
  • Produzione: Warhorse
  • Sviluppo: Warhorse
  • Genere: RPG
  • Multiplayer Locale: Assente
  • Multiplayer Online: Assente
  • PEGI: +18
  • Sito ufficiale
  • Data di uscita: 13 febbraio 2018
Empire
Empire
La Bambola Assassina
La Bambola Assassina

Finalmente un horror più intelligente che sanguinolento

La mia vita con John F. Donovan
La mia vita con John F. Donovan

Tanta retorica nel debutto Hollywoodiano di Xavier Dolan

Rapina a Stoccolma
Rapina a Stoccolma

La vera storia sulla nascita della famosa sindrome

Toy Story 4
Toy Story 4

Giocattoli on the road!

I morti non muoiono

2

I morti non muoiono

Jarmusch e zombi: un binomio perfetto