Hands On Anthem

Primo contatto con il nuovo titolo Bioware. Sarà vera gloria?
Gabriele EltrudisDi Gabriele Eltrudis (8 febbraio 2019)

ImportAnthem

Facciamo una piccola premessa: quanto spesso capita di avere delle demo giocabili, ai nostri tempi? Abbiamo dovuto abbandonare i “vizi” dei CD e DvD di un PlayStation Magazine (per citarne uno), contenenti versioni di prova di videogame che eravamo dubbiosi di acquistare (o talvolta la mancanza di pecunia ci permetteva di accontentarci di quei pochi minuti -NdR-). Ora, tutto ciò è una rarità e, ad eccezione di sporadici casi, le “possibilità di test” attuali sono rappresentate dalle Beta. Questi codici di prodotto ancora non completato, fondamentali nel testare i server nel caso sia presente una componente online sono spesso più utili al team di sviluppo in cerca di feedback che al destinatario del media. Talvolta afflitte da problemi di varia natura rischiano addirittura di scoraggiare un possibile futuro acquirente, come dimostrato dal caso di Fallout 76.

Nonostante questo, quando nell’orizzonte del mercato videoludico si affaccia una nuova uscita di peso, poterla testare in anteprima, pur con la consapevolezza dei suddetti eventuali problemi, è sempre e comunque un’occasione importante da non farsi sfuggire. Ancora di più nel caso di Anthem, visto che non parliamo di BETA ma effettivamente di una versione di prova di quello che dovrebbe essere il prodotto “finito” che arriverà sul mercato il 22 febbraio 2019. L’action TPS con elementi RPG in shared-world, dei papà di Dragon Age e Mass Effect, raccoglie la pesante eredità del pseudo-deludente ME: Andromeda e deve sostenere il peso delle enormi aspettative createsi attorno al progetto fin da quando fu mostrato la prima volta, in occasione dell’E3 del 2017. È ancora presto per dire se riuscirà o meno nell’impresa ma, grazie alle ore passate con la demo, abbiamo maggior consapevolezza sulla natura dell’opera. Di pari passo, sono aumentate le perplessità.

Organizzati all’interno di Fort Tarsis per agire oltre le mura

Prima di ogni cosa è necessario lodare l’accessibilità del gioco: fin dai primi minuti non si ha alcuna difficoltà a capire cosa fare e come farlo. Per intenderci, si entra subito nel vivo del gioco senza estenuanti meccaniche tutorial (per lo meno nella demo): ciò che serve sapere viene proposto tramite schermate di testo non eccessivamente invadenti.

Archiviata questa piccola considerazione, il nostro provato ha inizio in quel di Fort Tarsis, città fortificata al cui interno l’umanità ha continuato a prosperare protetta dalle minacce del mondo esterno. Sentinelle, Specialisti, agenti Corvus e Arcanisti si mescolano al “cittadino” comune, mercante, locandiere o furfante che sià.

Il setting, un mix tra sci-fi e fantasy, non sarà quanto di più innovativo visto nel panorama videoludico ma non si può negare che abbia un fascino tale da stuzzicare la curiosità di conoscere retroscena e risvolti anche sul lato narrativo. Le premesse, in tal senso, sono certamente buone; tutto dipenderà da quanta profondità avrà la sceneggiatura e da come verrà proposta.

Anthem - Immagine 1

Di certo, il Codex nelle fasi di gioco e l’enciclopedia consultabile dal menù di pausa saranno fondamentali per capire in modo approfondito l’universo creato dal team di sviluppo.

Fort Tarsis è l’HUB centrale di Anthem, luogo dove interagire con personaggi principali e secondari per attivare le “quest” da svolgere al di fuori delle mura. Nei pochi rapporti con i PNG permessi dalla demo ci è parsa comunque evidente l’impronta di BioWare: opzioni multiple di dialogo e un relazionarsi che sembra essere definito  dalle scelte effettuate dal player. Tutto ciò che accade all’interno di Fort Tarsis è presentato con visuale in prima persona e solamente dopo aver indossato il Javelin, o Strale nella nostra localizzazione, si entra nel cuore del gameplay con inquadratura Third-Person.

Le possibilità di gioco, che ricordiamo è fortemente basato sul multiplayer cooperativo, includono l’esplorazione libera, le roccaforti e gli eventi della trama principale. La scelta tra le diverse tipologie di missione è effettuabile dall’interfaccia di gioco che separa le fasi all’interno dell’HUB da quelle oltre le mura. Qui sì può, inoltre, personalizzare il proprio esoscheletro sia per quanto riguarda l’equipaggiamento che l’estetica, organizzare il matchmaking pubblico o privato e scegliere la difficoltà dell’avventura che si sta per intraprendere. Per un’esperienza più “equilibrata” che ci consentisse di testare al meglio le meccaniche, abbiamo messo alla prova le nostre skills a “normale”, tenendo anche in considerazione il fatto che, nella demo, l’evoluzione del personaggio va dal livello 10 al 15 e che le impostazioni più proibitive sono sbloccabili una volta raggiunto un “rango” superiore.

Il gioco libero non consente solo di godersi le ambientazioni ma anche di cimentarsi nel combattimento e nella raccolta di materiali utili al crafting. Le Roccaforti, invece, più complesse (a tratti confusionarie) e ad obbiettivi, permettono a quattro utenti di affrontare orde di avversari fino allo scontro finale. Tutto questo è ovviamente basato sul sistema sfida/ricompense con un bottino tanto più prestigioso quanto più ostica sarà la missione.

Anthem - Immagine 6

Un volo MagiStrale e alcune incognite

Può ricordare un Destiny? Ha qualcosa di Warframe? Un’atmosfera alla Xenoblade Chronicles X? Sì, ma non parliamo comunque di mancanza di originalità per via di un’impostazione generale o di caratteristiche simili a quelle di altri “colleghi”. - Insomma non si è mai sentito dire che The Witcher 3 mancasse di fantasia solo perché si trattava di uno dei tanti Action RPG (NdR) - . La demo ha certamente evidenziato alcuni difetti dell’opera ma l’utilizzo di un concept “già visto” non è uno di quelli.

La componente ludica di Anthem, allo stato attuale, non ci ha pienamente convinto lasciandoci in una situazione di stallo che potrebbe evolversi sia in positivo che negativo in base a diversi fattori. Partendo dai pregi, individuiamo la sua unicità in un sistema di volo ben pensato, ben realizzato, piacevole da vedere e, soprattutto, divertente. Intuitivo e dinamico, s’incarna in una mappatura comandi ottimale, quasi immediata. Inoltre, attraverso questa meccanica è possibile vivere e sfruttare un ampio mondo di gioco, che si sviluppa tanto in orizzontale quanto in verticale.

Tra le note positive includiamo anche il gun-play: il buon feeling delle bocche da fuoco, primarie e secondarie, è corredato da abilità corpo a corpo e interessanti perks equipaggiabili, siano esse difensive o d’attacco.

Quattro le categorie di Javelin a disposizione: Guardiano, Colosso, Intercettore e Tempesta. Abbiamo utilizzato quasi esclusivamente la prima, quella più equilibrata. Lo Strale Colosso è di tipo “Tank”, resistente e dotato di artiglieria pesante. L’Intercettore, rapido e maneggevole, è progettato per attacchi fulminei e conseguenti rapide fughe. Infine, il Javelin Tempesta utilizza abilità uniche ottenute “catalizzando” l’energia dell’Inno e possiamo ritenerlo il corrispondente di una “classe mago” in un fantasy-RPG.

In base a quanto è stato possibile testare nelle missioni disponibili, non sembra ci sia la necessità di formare un team composto da quattro categorie differenti: spesso e volentieri ci siamo trovati nei panni di un Guardiano con tre Esoscheletri analoghi accanto senza avvertire alcun disagio a causa di un team non variegato.

La gestione del looting sembra convincente: è possibile ottenere, in abbondanza, elementi, abilità ed equipaggiamento di diversa rarità, scartare ciò che non interessa o utilizzare il necessario per craftare oggetti più performanti.

Come accennato sopra, però, Anthem non è solo un “Inno alla Gioia”.

Le perplessità riguardano una certa ripetitività dell’azione che viene enfatizzata da una discutibile IA nemica e dal posizionamento/modalità di comparsa delle orde avversarie: ci si ritrova troppo frequentemente a sparare con poco criterio chiunque compaia davanti, senza sfruttare la buona struttura del level-design e le meccaniche di volo, rifugiandosi in zone elevate quasi solamente nelle fasi di fuga e copertura. Gli avversari, infatti, spawnano in zone troppo circoscritte, muovendosì poco nella mappa: viene così data eccessiva importanza allo scontro a fuoco diretto e meno all’organizzazione tattica. Ovviamente, parliamo di missioni “iniziali” e, anche se non ci è dato a sapere, le situazioni potrebbero diversificarsi nel gioco completo con il proseguire dell’avventura.

Problemi da BETA più che da DEMO

Tralasciando l’ovvio “downgrade” rispetto a quanto visto nei primi trailer (soprattutto se giocato, come nel nostro caso, su una “semplice” One S), al netto di un impatto visivo importante e di un comparto artistico degno di nota, Anthem crolla nelle prestazioni. Il modo in cui un gioco in uscità fra pochi giorni gestisce il frame-rate è davvero preoccupante. Cali e freeze producono una scena tutt’altro che fluida con problemi che riguardano tutto il nostro provato, dalle fasi a Fort Tarsis a quelle esplorative, con picchi negativi durante le sparatorie più dense di elementi sullo schermo.

Abbiamo, inoltre, storto in naso per le frequenti fasi di caricamento, soprattutto quelli tra le diverse zone in cui si svolge una missione. Datate e quasi improponibili, nel 2019, le animazioni facciali (e non solo) dei PNG con cui si interagisce nell’hub centrale; condizione resa ancora più critica dall’inquadratura in prima persona che obbliga il player a concentrare l’attenzione su certe movenze eccessivamente innaturali. In merito al comparto sonoro non c’è nulla da segnalare, musiche ed effettistica accompagnano opportunamente le sessioni di gioco.

Anthem
Anthem - Immagine 213370
Anthem - Immagine 213367
Anthem - Immagine 213364
Anthem - Immagine 213361
Anthem - Immagine 213358
Anthem - Immagine 213355
Anthem - Immagine 213352
Anthem - Immagine 210239
Anthem - Immagine 210236
Anthem - Immagine 210233

La demo di Anthem è sicuramente l’occasione per farsi un’idea sull’ultima fatica di BioWare, per capire, per lo meno, se setting e meccaniche possano rientrare nel proprio “gusto videoludico”. Per i più navigati potrebbe, però, non essere stata sufficiente. L’opera di BioWare, al di là dei problemi tecnici che ci auguriamo vengano sistemati prima del lancio, sembra far bene tante cose senza eccellere in nessuna: tenta di piacere ad un pubblico molto vario e, tutto sommato, potrebbe riuscire nell’impresa. Molto dipenderà da tre fattori che riteniamo fondamentali per il successo di un titolo con tali caratteristiche: supporto del team (patch eventuali, aggiornamenti, eventi), buona gestione del looting, comportamento della community (forse l’incognita più grande).

Anthem

Disponibile per: Xbox One , PC, PS4
Anthem Xbox One Cover
  • Piattaforma: Xbox One
  • Produzione: Electronic Arts
  • Sviluppo: Bioware
  • Genere: FPS, Action RPG
  • Multiplayer Locale: Presente
  • Multiplayer Online: Presente
  • PEGI: +16
  • Data di uscita: 22 febbraio 2019
Empire
Russian Doll

4

Russian Doll

Morire un'infinità di volte può aiutare a comprendere la vita?

The Passage
The Passage

Può una bambina di dieci anni salvare l'intera umanità?

Sex Education
Sex Education

Sesso, scuola e indie rock

Star Trek: Discovery
Star Trek: Discovery

La seconda stagione parte subito con il botto!

Butterfly
Butterfly

La storia di una bambina transgender raccontata con tatto e delicatezza

Empire
Crackdown 3

2

Crackdown 3

La lunga attesa sarà valsa la pena?

Far Cry New Dawn

6

Far Cry New Dawn

E' ora di chiudere i conti!

Jump Force
Jump Force

Eroi e Villains di Weekly Shōnen Jump si radunano nel nuovo Battle Arena di Bandai Namco e Spike Chunsoft.

Metro Exodus

5

Metro Exodus

Artyom è tornato per vivere insieme a noi una storia travolgente tutta da scoprire

Monster Energy Supercross 2
Monster Energy Supercross 2

Fango e motori tutti italiani