Speciale Offerte PlayStation Plus di Giugno 2014

Si combatte, si spara, e si combatte ancora!

di Davide Ottagono
Ah, la calda estate. La bella stagione è ormai iniziata, si vede e si sente, e mentre qualcuno sta già preparando borsoni ed asciugamani per una bella gita al mare, noi di GameSurf siamo qui a parlarvi di cosa troverete gratuitamente sul Plus di Giugno. Del resto, non c'è niente di male a restarsene in casa a provare qualche capolavoro (quasi) gratis. Prima di proseguire, vogliamo sottolineare come da questo mese - come confermato da Sony stessa - i titoli in regalo aumenteranno di numeri. Da adesso, infatti, ogni 30 giorni potrete scaricare ben due titoli per ogni console, che sia PS4, PS3 o PSVita. Che altro dovremmo aggiungere?

PIXELJUNK SHOOTER ULTIMATE (PS4)

PixelJunk Shooter Ultimate è uno sparatutto a due levette creato dal talentuoso team di Q-Games. Come possiamo leggere dal Blog Ufficiale PlayStation, Pixeljunk Shooter Ultimate è un nuovo sparatutto a due levette che miscela sapientemente esplosioni, esplorazione e rompicapo da risolvere.

Pixeljunk Shooter Ultimate riunisce le campagne di Shooter 1 e 2 in un unico titolo con nuove funzionalità e ottimizzazioni. un gioco estremamente coinvolgente e, grazie alla possibilità di conquistare un trofeo di Platino, offrirà materiale a sufficienza per divertire i gamer per tutto il mese di Giugno. Aspettatevi a brevissimo una nostra recensione.

TRINE 2: THE COMPLETE STORY (PS4)

I nostri tre protagonisti, Amadeus, Pontius e Zaya sono ormai degli eroi dopo gli avvenimenti del primo Trine, dove, alla ricerca dell'omonimo, salvarono il mondo dalla discesa più totale nel nulla. Ma qualcosa è cambiato, e il Trine si ripresenta per rendere i personaggi partecipi di una nuova ma anche piuttosto misteriosa avventura.

Nei 13 mondi che andremo a superare ogni dettaglio è curato a tutto tondo, con un design visionario accompagnato da una resa visiva semplicemente magnifica, fluida e fatta di animazioni fantastiche. Un connubio stupefacente tra 2D e 3D, la cui visione spesso appare come un dipinto in movimento.

Ma Trine 2 non è un semplice video, è piuttosto qualcosa che abbraccia il significato di video interattivo, riuscendo a creare un'atmosfera unica nel mercato attuale. Ed anche la fisica, che a suo tempo riusci a distinguersi dalla massa, in questo seguito risulta essere ancora più potenziata e perfezionata, capace di stupire più di una volta per come appare curata e, letteralmente, in mano al giocatore.

Una fisica che, soprattutto, non è fine a sè stessa ma permea ogni aspetto fondamentale del gameplay, assicurando al titolo anche una più che discreta rigiocabilità.

NBA 2K14 (PS3)

Sotto l'aspetto del gameplay, si nota con decisione la strada intrapresa con lo sviluppo di NBA 2K14. Se infatti in prima istanza il gameplay può risultare simile a quello dello scorso anno, il lavoro svolto dagli sviluppatori emerge partita dopo partita. Sia chiaro, non ci troviamo difronte ad un lavoro di rivoluzione totale, ma piuttosto ad una fine cesellatura di quegli elementi che nelle passate stagioni avevano fatto storcere il naso agli amanti della serie.

La novità più grande riguarda la gestione del tiro e dei trick totalmente allo stick di destra senza la necessità di schiacciare qualsiasi altro tasto (come avveniva lo scorso anno, ad esempio). NBA 2K14 si rivela ancora una volta, prodotto di riferimento per quanto riguarda il basket su console casalighe. Come per altri titoli sportivi di questa stagione, non ci troviamo davanti ad una vera e propria rivoluzione, bensì ad una pulizia del codice sia sotto l'aspetto estetico che di gameplay.

LONE SURVIVOR (PS3, PSVita)

Senza troppi preamboli narrativi, verremo catapultati nei panni di un ragazzo perso nel marciume di una città da tempo abbandonata e grondante di zombie assassini. Lui è il "Lone Survivor", ovvero quell'unico sopravvissuto (o presunto tale) di cui dovremo prendere le redini. Lone Survivor è il viaggio ansiolitico di una persona che, suo malgrado, si trova circondata da incubi indicibili, dal degrado di una metropoli abbandonata da chissà quanti anni, costretto a fuggire continuamente da orrori di cui non si conoscono nè natura nè provenienza.

Camminare lentamente nell'ombra esposti ad attacchi a sorpresa armati solo di una flebile torcia sarà non solo la regola, ma anche un'esperienza che a lungo andare vi segnerà nel profondo. Il pargolo di Jasper Byrne non solo è inquietante come pochi altri, ma è anche senza pietà. In veste di sopravvissuti, non solo dovremmo infatti far attenzione a risparmiare le pochissime munizioni a nostra disposizione o vitali batterie della torcia, ma anche a riposarci a fine giornata o a procacciarci del rarissimo cibo commestibile per poterci sostentare. Lone Survivor è una perla di rara bellezza che inaspettatamente si nasconde dietro ad un prezzo budget e ad uno stile grafico che potrebbe non ammaliare i più.

DRAGON'S CROWN (PSVita)

Il gioco ha una trama che parte in sordina, con un avventuriero di belle speranze - scelto tra sei stereotipi - che si reca alla locale gilda per cercare missioni che gli diano gloria e ricchezza. Quasi subito, però, il nostro eroe si troverà coinvolto in prima persona nei problemi che affliggono il regno, a partire dal Re scomparso alla ricerca della leggendaria Corona dei Draghi, passando per le lotte per la successione, fino ai complotti mistici che minacciano il mondo intero.

All'inizio delle vostre avventure avrete accesso ad una singola missione, terminata la quale si sbloccherà la successiva e poi ancora quella dopo, e così via fino alla nona. Al termine di ogni missione farete però ritorno in città dove potrete vendere ed acquistare equipaggiamento, addestrare le vostre skill ed infine scegliere la prossima destinazione: ciascuna locazione sarà infatti ri-esplorabile in modo da svolgere commissioni (leggasi subquest) per conto della gilda o semplicemente per accumulare denaro, equipaggiamento ed alleati.

Dragon's Crown ha troppo in comune coi classici picchiaduro a scorrimento degli anni '80-'90 per non esserne un evidente “tribute”, ma ciò detto è un gioco che propone caratteristiche uniche sia dal punto di vista grafico-stilistico, con l'impronta inconfondibile di Vanillaware/Kamitani, sia nelle scelte interessanti del gaemplay. Con gli unici difetti di “allontanare” un po' troppo alcune feature (tra cui il multiplayer) e di esasperare la ripetizione dei livelli, specie per chi ama cambiare spesso

personaggio, il gioco è decisamente un Must per gli appassionati del genere.

Altri titoli in arrivo: Surge Deluxe (PSVita)

Titoli già presenti nell'offerta:

PUPPETEER (PS3)

A dirla tutta ci troviamo davanti ad una fiaba oscura, una storia surreale e magica ma piuttosto cupa: vestiremo i panni di Kutaro, bambino tramutato in marionetta (Collodi chiederà i danni) che ha il compito di salvare la principessa della luna da alcune malvagie figure, tra cui un orso di pezza infernale, una tigre di legno e una strega che si finge alleata ma trama nell'ombra. Proprio al'inizio del gioco, la nemesi del nostro rigido eroe gli staccherà di netto la testa con un morso, tanto che nel corso dell'avventura potremo recuperare altre teste in sostituzione, un po' come accadeva nel vecchio Dynamite Headdy di Treasure. Il tutto, guarda caso, è rappresentato all'interno di un teatro di burattini (da qui il titolo del gioco) dove scenografie bizzarre ed invenzioni visive si alternano di continuo.

L'avventura di Kutaro è decisamente adatta a tutti. Ciò è palese già all'inizio, visto che assisteremo a lunghe sequenze narrate come una fiaba, accompagnate da voci in italiano molto curate che faranno capolino anche nelle fasi giocate, per sottolineare i cambi di ambientazione o l'arrivo di un nuovo avversario. Ma è soprattutto il gameplay ad essere più immediato e comprensibile da qualsiasi fascia di età. Addirittura è possibile giocare in due per semplificare le operazioni: uno controllerà il protagonista tra salti e tagliuzzamenti tramite forbici magiche, mentre l'altro muoverà di volta in volta un comprimario.

SLY COOPER: THIEVES IN TIME (PS3, PSVita)

Quarto capitolo ufficiale della simpatica saga del procione furfantello, Thieves in Time è un vero e proprio proseguio del terzo episodio e vede tornare sulle scene Sly e la sua banda, dopo un periodo di inattività davvero lunghissimo.

Il gioco abbraccia gli stilemi più classici del franchise, con tantissime ed ampie mappe esplorabili ed un sistema a missioni derivativo da quello dei più famosi free-roaming, GTA su tutti. I viaggi nel tempo aggiungono freschezza al risultato finale, aggiungendo in contemporanea la possibilità di comandare i famosissimi avi della famiglia Cooper, ognuno con le proprie caratteristiche e personalità.

Un ottimo episodio, magari un po' troppo legato ai canoni del passato, ma che sicuramente non mancherà di appassionare i fan della precedente trilogia.

UNCHARTED 3: L'INGANNO DI DRAKE (PS3)

Veniamo subito al dunque: Uncharted 3 è un capolavoro. Lo è alla luce del lavoro di perfezionamento svolto rispetto al secondo episodio e lo è partendo dal semplice ragionamento logico che conduce al seguente assioma: perfezionando un capolavoro difficilmente si otterrà un risultato minore. Senza sacrificare la componente ludica, Naughty Dog ha concentrato gli sforzi sugli aspetti più cinematografici della produzione, con intrecci narrativi appassionanti coadiuvati da uno dei comparti grafici più spettacolari di questa generazione. Uncharted 3 va sicuramente ascritto alla categoria action-adventure, ma ancora una volta il team di sviluppo riunisce diversi generi ludici, riproponendo la ciclica alternanza tra sparatorie, sezioni platform e puzzle solving senza dimenticare di donare a ognuna di queste componenti la dignità che merita.

Le sparatorie, che ora vantano alcune sequenze mozzafiato specie quando si sviluppano in verticale, si arricchiscono di un rilancio dinamico delle granate al mittente, della possibilità di portare gli scudi antisommossa in spalla e di cattivi, finalmente, davvero cattivi. Ci si affida ancora al valido sistema di coperture e il level design, sempre ispiratissimo, lascia qualche concessione all'atteggiamento stealth. Anche dal punto di vista dei puzzle ambientali questo terzo capitolo appare più riuscito, con rompicapo contestuali e moderatamente ispirati. Drake stavolta andrà alla ricerca di Ubar, leggendaria città citata nel Corano col nome di Iram, luogo di incredibili ricchezze e prosperità. Secondo la leggenda, a causa della superbia e dell'immoralità che vi albergavano fu punita dall'ira di Dio alla stregua di Sodoma e Gomorra, e sepolta sotto le sabbie, quindi ricordata col nome di Atlantide del Deserto.

Tecnicamente Uncharted 3 è un'esperienza visiva difficile da dimenticare: la PlayStation 3 “canta”, accompagnata dall'orchestra al completo e dagli applausi e le urla di gioia del pubblico in visibilio. Roba da strapparsi i capelli. Il tutto accompagnato dalla celebre colonna sonora a dir poco sontuosa e un validissimo doppiaggio in lingua nostrana che si affianca senza sfigurare troppo rispetto a quello originale. L'avventura in singolo risulta leggermente più breve rispetto al secondo capitolo, ma arriva in soccorso una modalità multiplayer ancor più corposa che in passato che offre un totale di undici mappe altamente ispirate e modalità come deathmatch, a squadre, Re della Collina, cattura la bandiera e via discorrendo. Naughty Dog sforna un terzo capitolo che approssimato per difetto rasenta l'eccellenza. Come il predecessore, più del predecessore, l'Inganno di Drake è un momento immancabile per ogni videogiocatore che si rispetti.

LITTLEBIGPLANET KARTING (PS3)

Sackboy ha vanificato i piani di conquista dell'Architetto e sconfitto la minaccia del Negativitron, ma adesso avrà nuovamente il suo bel daffare: condensati dai pensieri (non sempre allegri) di chi passa lunghi tempi in automobile, sull'Immagisfera sono comparsi un gruppo di personaggi denominati Arraffatori, i quali sfrecciano ovunque sui loro veicoli rubando le sfere-premio e danneggiando tutto. Solo Sackboy, saltando su un kart ad essi sottratto, potrà sbaragliarli su loro stesso terreno! Per quanto fosse già nota la possibilità di realizzare gare di vario genere col potente editor di LBP2, Sony ha deciso di dare a Sackboy e al suo mondo un vero e proprio gioco di kart, ovviamente “inzuppandolo” dello spirito allegro, spensierato, vario e flessibili del brand.

Il gioco presenta una Storia che si snoda attraverso un certo numero di “pianeti” in cui troveranno posto le varie prove: per superare un livello e accedere al successivo, normalmente, sarà sufficiente piazzarsi sul podio, ma naturalmente per ottenere tutti i premi previsti dalla gara dovrete raggiungerne la vetta. La modalità Storia è giocabile in cooperativa con altri giocatori - fino a 4, in locale o in rete. Non tutte le prove saranno gare tradizionali: nel gioco trovano infatti posto anche modalità alternative di cui la più presente è certamente l'Arena, la quale consiste nel porre gli antagonisti in un ambiente circoscritto e invitarli a tempestarsi di missili, mine e quant'altro, segnando il punteggio ogni volta che un attacco va a segno.

XCOM: ENEMY UNKNOW (PS3)

Se si prova a ricordare/recuperare quel X-COM: UFO Defense, di cui XCOM: Enemy Unknown ne è remake, ci si rende conto, tra le altre, di una cosa in particolare: il titolo di MicroProse era un muro. Un nemico sconosciuto da studiare sul campo, giocando (provandoci) e andando a sbattere. Ecco che il confronto tra XCOM: Enemy Unknown e la fonte originale ci dice innanzitutto dell'evoluzione dei tutorial nei videogiochi. In XCOM: Enemy Unknown il giocatore è il comandante. Tutte le decisioni - strategiche e operative - sono sua emanazione: laddove c'è interazione per il giocatore, c'è produzione di una scelta per il comandante.

La macro-struttura di XCOM: Enemy Unknown prevede infatti fasi puramente strategiche alternate a combattimenti tattici a turni. Se le prime rimandano più direttamente alla tradizione del videogioco da computer, i secondi risultano forse più familiari all'universo console, in cui il gioco di ruolo con campo di battaglia a scacchiera vanta una notevole tradizione. Ricerca scientifica, costruzione di nuove strutture, armi, oggetti, addestramento ed equipaggiamento di nuovi soldati: queste alcune delle responsabilità del giocatore. Nuovi manufatti (recuperati in battaglia) sbloccano nuove ricerche scientifiche, nuove ricerche sbloccano nuove armi o costruzioni. Nuove armi permettono di raggiungere, tornati sul campo di battaglia, nuovi obiettivi. Il completamento di ogni progetto richiede infatti un certa quantità di denaro e un certo numero di giorni. Ma gli alieni non aspettano.

Il gioco trasmette la sensazione dell'inferiorità dell'uomo nei confronti della minaccia aliena, un'idea narrativa traslata con efficacia sul piano ludico. La maggior parte delle missioni, soprattutto nella fase iniziale del gioco, sono richieste di aiuto, emergenze, contingenze. Per quanto le fasi di gestione della base godano di un rapporto di interdipendenza rispetto alle fasi di battaglia, queste ultime rappresentano innegabilmente il cuore ludico del gioco. Come già detto, si tratta di battaglie sul modello del tattico a turni. Dunque una manciata di soldati da muovere singolarmente sulla mappa di gioco con l'obiettivo di eliminare tutte le unità avversarie, nel nostro caso orripilanti alieni. XCOM: Enemy Unknown è un'opera di interesse per almeno tre motivi: aggiorna con successo un classico del passato, ripropone un genere vagamente in declino, si dimostra una pratica introduzione all'ufologi.

Altri titoli presenti in offerta:

  • Uncharted: L'Abisso d'Oro (PSVita)
  • Gravity Rush (PSVita)

RIASSUMENDO:

Disponibili su PS Plus dal 4 Giugno:

  • Pixeljunk Shooter Ultimate (PS4)
  • Trine 2: The Complete Story (PS4)
  • NBA 2K14 (PS3)
  • Lone Survivor (PS3, PSVita)
  • Dragon's Crown (PSVita)
  • Surge Deluxe (PSVita)

Non più disponibili su PS Plus dal 30 Maggio:

  • Stick it to the Man (PS4)
  • Payday 2 (PS3)
  • Brothers A Tale of Two Sons (PS3)
  • Muramasa Rebirth (PSVita)
  • Everybody's Golf (PSVita)

Ancora una volta, un mese all'insegna della diversità e dei piccoli, grandi capolavori. Poco da aggiungere a quanto è già stato detto, correte subito a scaricare!<br />