Speciale Heroes of the Storm

Let's Drop the Beat!

di Simone Rampazzi

Uno degli eroi più frizzanti conosciuti nel mondo di Overwatch è finalmente sceso nel Nexus, portando una ventata di allegria condita da un po' di musico terapia.

Lùcio Correia dos Santos, combattente per la libertà ma anche DJ nelle favelas di Rio de Janeiro, viene inserito come nuovo eroe nelle vesti di supporter, capace di sorprendere i giocatori avvezzi a questo particolare ruolo grazie alla sua mobilità incredibile, accompagnata da un ottimo flusso curativo costante che può anche diventare, all’occorrenza, un boost alla velocità di movimento.

Ma sarà capace di reggere le battaglie in lane? Scopriamolo insieme.

Woo, Nothing's Gonna Stop Me!

Una cosa che salta subito all’occhio utilizzando il personaggio è la sua capacità di sparare in movimento. Come visto anche con Tracer, dove però sorgeva impellente la necessità di acquisire il giusto timing in sede di ricarica, anche Lùcio può avvalersi di un attacco continuo contro il personaggio targettato, fattore che lo rende particolarmente irritante non soltanto in sede di push, quanto anche in quella di ritirata.

Se ci aggiungiamo anche la possibilità innata di correre sui muri, ecco che Lùcio diventa ancora più fastidioso ed incalzante, dando non poche gatte da pelare a personaggi che prediligono il combattimento in mischia, oppure ai ranged che lanciano abilità su linea retta. Senza contare che poi, tanto per gradire, la corsa sui muri permette al nostro DJ di superare altri nemici senza venire bloccati, ottenendo inoltre un aumento della velocità di movimento del 20%.

Durante i vostri combattimenti in lane, dunque, vi converrà approntare uno stile di gioco molto side-lane, utile a sfruttare al massimo tutte le superfici verticali su cui Lùcio potrà pattinare senza troppi problemi. Inoltre, come ottima ciliegina sulla torta, il nostro healer può contare sulle vibrazioni emanate dalla sua apparecchiatura tecnologia per curare gli eroi più vicini a lui, grazie ad un’area di effetto molto permissiva che può rivaleggiare, almeno in termini di raggio, con le cure AoE effettuate da Alachiara.

Tali vibrazioni, alternabili mediante la pressione del tasto W, possono essere intervallate tra Curative e Rapide, regalando quindi al personaggio un’ottima flessibilità al party che occupa qualsivoglia lane. Le prime applicano un supporto costante, ma molto basso in termini di HP curati al secondo, mentre le seconde aumentano la velocità di crociera del 15%, applicando un boost quasi comparabile a quello conferito dalle cavalcature.

Come i giocatori di Overwatch sapranno, Lùcio può aumentare gli effetti delle sue vibrazioni grazie all’abilità Volume al Massimo (tasto E), la quale potenzia i benefici delle cure di ben cinque volte, mentre per quanto riguarda la velocità riesce ad arrivare ad un incremento del 45% (ben più veloce delle cavalcature).

In mappe come Cursed Hollow, Blackheart’s Bay o Warhead Junction, Lùcio diventa un ottimo personaggio utile al team per raggiungere i vari drop-out rilasciati dalla mappa, ma chiaramente deve essere accompagnato necessariamente da altri personaggi quali tank e assassini. Se infatti, da una parte, Lùcio può essere ottimo negli inseguimenti di assassini a distanza, dall’altro soffre moltissimo (a causa della scarsa vita) gli assalti dei tank avversari, che con uno stun possono decretare la sua fine in quattro e quattr’otto.

Non preoccupatevi più del necessario, comunque, perché il nostro alter-ego può fare affidamento alla sua Onda Sonora (tasto Q), utilissima per colpire gli avversari e respingerli, in un cono che può essere massimizzato grazie a dei talenti dedicati. Entrando proprio nella sfera dei talenti, durante le nostre sessioni di gioco, abbiamo trovato molto utile il BoomBox, ovvero un talento che il personaggio può acquisire al livello 7 e che posiziona, letteralmente, uno stereo sul terreno che può amplificare notevolmente le onde sonore di Volume al Massimo. È chiaro che l’utilizzo più auspicabile è quello della cura, ma fate comunque attenzione perché tale stereo può essere distrutto dai vostri avversari.

Dulcis in fundo, le due abilità eroiche del personaggio, ovvero: Barriera Sonora ed Amplificazione Inversa (tasto R). La prima delle due è praticamente un clone di ciò che i giocatori sono abituati a vedere su Overwatch, ed a tutti gli effetti crea uno scudo che dura per 6 secondi dal suo lancio, mentre la seconda crea effetti del tutto nuovi, considerato che può penalizzare gli avversari con l’effetto opposto alla vibrazione attiva in quel momento. Potrà dunque prosciugare la vita dei suoi avversari, oppure rallentarli, senza però ricevere i benefici dell’abilità Volume al Massimo. Fate attenzione al lancio di Barriera Sonora, perché alcuni avversari con buoni riflessi potranno interromperne il lancio al momento della sua attivazione (1sec di cooldown).

I’m Ready to Roll!

Tirando le somme, un personaggio come Lùcio risulta divertente e gratificante da giocare anche per chi non è abituato a ricoprire il ruolo di supporter, anche se il nostro consiglio spassionato resta quello di giocarlo come secondo healer, proprio per sfruttare al meglio i suoi talenti bivalenti nel curare e velocizzare il gruppo.

Queste caratteristiche, insieme ad interessanti bonus che potrete ottenere con i vari level-up, miglioreranno la vostra permanenza in partita rendendovi ogni match divertente e, soprattutto, piacevolmente movimentato.

L’iter iniziato da Blizzard riesce sicuramente a catturare l’attenzione dei giocatori, dandogli letteralmente in pasto una serie di personaggi potenzialmente infinita. L’aspetto più riuscito, rimanendo nei canoni del genere MOBA, è quello di ricreare personaggi esistenti in altri giochi contestualizzandoli in modo quasi perfetto. E ragazzi, non è poco!