Recensione V-Rally 3

di Tiscali News

Infogrames, rispettando le scadenze che si era fissata, ha pubblicato V-Rally, il nuovo ed atteso seguito di uno dei più interessanti giochi di Rally che il mercato aveva proposto. Ma questa volta il gioco è destinato alla console a 128 bit di Sony e quindi l'aspettativa è alta. Vediamo insieme se il lavoro degli Eden Studios merita la nostra attenzione.

Intanto incominciamo subito dall'aspetto grafico che è quello che maggiormente aveva calamitato le attenzioni degli appassionati, grazie alle bellissime immagini che ormai circolavano sulla rete.

In effetti il risultato è ottimo, soprattutto per merito delle bellissime tappe, che se pur non reali, risultano varie e soprattutto molto spettacolari. In questo senso il lavoro dei designer si è rivelato di prim'ordine.

Anche i modelli delle vetture sono realizzati con una buona dovizia di particolari, con texture definite ed un buon numero di poligoni; purtroppo il comportamento della vettura, in relazione al terreno, non è irreprensibile, una sorta d'effetto lievitazione non fa seguire perfettamente alla vettura alle asperità del terreno.

Il motore fisico è abbastanza fedele, ma presenta delle incongruità che possono non piacere a chi vive di solo pane e simulatori, soprattutto c'è da notare una certa difficoltà nel perdere la vettura nei sovrasterzi di potenza anche sui fondi più sdrucciolevoli. Inoltre il sistema dei danni è parecchio edulcorato, ed anche gli urti più violenti non provocano mai delle conseguenze irreparabili.

Se da un alto questa scelta viene incontro al giocatore, dall'altra non si capisce come mai non sia stata inserita un'opzione per variare il sistema di danni, in modo da renderlo personalizzabile a seconda dei gusti di ognuno.

Il sistema sonoro si attesta su ottimi livelli con suoni fedeli e convincenti, mentre desta qualche perplessità il tono del copilota che ci è sembrato un po' troppo alto, anche se comunque i suoi suggerimenti giungono sempre puntuali e precisi.

Quello che va promosso a pieni voti è l'interessante modalità Single Player che si chiama V-Rally e che miscela sapientemente elementi manageriali a quelli più squisitamente di guida.

In pratica all'inizio ci troveremo senza vettura e senza scuderia e quindi la prima cosa da fare sarà trovare qualcuno per cui correre.

In questo senso possiamo consultare la posta elettronica che troviamo nel nostro ufficio virtuale per vedere se qualche team ci ha invitato a partecipare a delle prove per verificare la nostra esperienza su macchine da rally e se superiamo l'esame, potremo anche stipulare un contratto.

Da questo momento inizia la nostra avventura sulle strade di mezzo mondo, ma dobbiamo far attenzione alle nostre prestazioni, non solo in termini di piazzamenti, ma anche di danni alla vettura: infatti un nostro comportamento "disinvolto" sarà punibile con un licenziamento, viceversa se ci dimostreremo capaci e veloci, potremmo essere contattati da altri team più prestigiosi e ricchi e quindi scalare la vetta che porta al successo, abbandonando la classe di partenza (la 1.6) per puntare a quelle più potenti e competitive.

Ovviamente sarà possibile modificare il setup della nostra vettura attraverso i parametri che ormai dovremmo conoscere e quindi adattare le sospensioni ed i rapporti del cambio al tipo di tracciato. In questo senso aiuta molto l'interfaccia che mostra immediatamente le modifiche effettuate e la loro influenza sulle prestazioni. E effettivamente il cambio dei parametri della macchina si sentono sensibilmente e fanno la loro parte sui tracciati più ostici.

L'interfaccia di gioco è quella ormai classica, con le frecce che indicano non solo la direzione, ma anche il grado di difficoltà della curva e che ovviamente sono sincronizzati con quanto detto dal navigatore, inoltre sono presenti gli immancabili split-time utili per renderci conto di come stiamo andando. Le visuali sono davvero tante, ma la migliore resta sempre quella dall'interno dell'auto che rende tutto ancora più reale, anche se quelle esterne, sopperiscono in parte ai problemi che scaturiscono dalla visione monoscopica nel controllo delle traiettorie.

Il sistema di controllo è abbastanza buono e fa il suo dovere senza infamia e senza lode. Purtroppo, nota dolente, abbiamo registrato delle incompatibilità con alcuni volanti, un vero peccato perché questa macchia si poteva evitare.

In conclusione si può affermare che V-Rally 3 è uno di quei titoli che ogni buon appassionato di Rally deve avere, merito di un ottimo sistema di gioco, di una buona grafica e di una fisica accettabile, comunque dovremo aspettare Colin Mc Rae per stabilire quale sarà il titolo di riferimento per le console.

7
V-Rally 3 non delude le aspettative, ma non si può dire neppure che ci abbia esaltato. <br />Certo, siamo di fronte ad un ottimo titolo che ha parecchie frecce al suo arco per sfondare, ma che ha anche mostrato dei piccoli problemi, senza i quali avremmo avuto il gioco di Rally definitivo.<br />