Recensione Uefa Champion's League: Season 1999 - 2000

di Tiscali News
Ogni recensione calcistica per PlayStation prende le mosse dal dualismo International Superstar Soccer - Fifa. I due titoli rispondono ad esigenze molto diverse: più arcade, spettacolare e giocabile il lavoro Electronics Arts; più simulativo, complesso e realistico il gioco Konami. Il maggior successo di pubblico di Fifa è giustificato, oltre che dalle indiscutibili capacità di marketing della EA, anche dall'essere un prodotto fruibile ad un maggior numero di utenti: chiunque, dopo un oretta di allenamento, è in grado di definirsi "esperto giocatore" di Fifa... per padroneggiare ISS servono settimane!

Tutto questo per dire che Uefa Champions League si propone come alternativa a Fifa e non ad ISS: non ha assolutamente niente di simulativo mentre offre giocabilità, spettacolarità e una bella grafica... basterà?

Uefa si propone di simulare la Champions League che sta avviandosi verso la conclusione, con l'esclusione del turno preliminare. Come probabilmente avrete notato la nuova struttura della vecchia "Coppa dei campioni" prevede ai nastri di partenza 32 squadre divise in 8 gironi da 4 con partite di andata e ritorno e promozione delle prime 2. Il secondo turno prevede che i 16 team sopravvissuti vengano ancora accoppiati in 4 gironi da 4 squadre con promozione delle prime 2. A questo punto restano 8 team che daranno vita ai quarti di finale con partite di andata e ritorno ad eliminazione diretta. Da un rapido calcolo si evince che le due finaliste disputeranno 17 partite compresa l'ultima (6 nel primo girone, 6 nel secondo, 2 nei quarti, 2 nelle semifinali e la finale)... esattamente la metà di un campionato come quello italiano! Sì... forse il calendario calcistico è un tantino denso..

Oltre a questa competizione il gioco Eidos permette di fare una passeggiatina nella Storia, cimentandoci nelle finali di Coppa dei Campioni dal 1968 ad oggi con una particolarissima struttura: prendiamo il controllo di una delle due squadra a partita già iniziata e dobbiamo raggiungere determinati obiettivi nei pochi minuti che restano da giocare (si va dal mantenere il vantaggio acquisito, fino a dover recuperare situazioni ampiamente compromesse). "Last but not Least" possiamo goderci un bel torneo personalizzato, strutturato come un campionato, come una Champions League o come una classica Coppa con partite ad eliminazione diretta; tra le squadre partecipanti a questo torneo potranno esserci anche quelle presenti nella sezione "storica" del gioco

Ma prendiamo la palla ed usciamo dagli spogliatoi che abbiamo chiacchierato anche troppo! Prima di iniziare a giocare dobbiamo stabilire la tattica di gioco... Vi premetto che, nonostante ci sia la possibilità di mischiare accuratamente le carte in campo, il nostro acume tattico, in un titolo decisamente arcade come questo o come lo stesso Fifa, avrà un influenza pressoché irrisoria su ciò che vedremo in campo: una volta scelto lo schieramento a grandi linee (ossia tre punte piuttosto che due) non vale la pena di spendere tempo nel compiere scelte più mirate. Tanto per essere chiari la parte tattica di Fifa pare avere effetti più importanti di quelli ottenuti dalla corrispondente di Uefa

La grafica le animazioni sono decisamente buone, non toccano l'eccellenza di altri titoli ma fanno comunque il loro lavoro. Il replay poi è veramente ottimo (anche quello automatico che di solito lascia un po' a desiderare). Il controllo del giocatore è facile e immediato, la giocabilità risultante risulta subito molto elevata. I comandi somigliano molto a quelli di tutti i giochi del genere: un tasto per il passaggio, uno per il cross, un altro per il passaggio filtrante, quello per il tiro e così via; non ci sono mosse particolarmente evolute collegate a complessi comandi più da picchiaduro che da gioco sportivo... e sinceramente non ci dispiace per niente una cosa del genere. Non si possono chiamare gli schemi, ma bisogna riconoscere agli attaccanti controllati dalla CPU una discreta dose di IA. Sono rimasto molto colpito dal fatto che i nostri compagni sanno quasi sempre farsi trovare smarcati per un buon passaggio; dirò di più: quando abbiamo la palla a centrocampo vedremo gli attaccanti proporsi per passaggi filtranti sulle fasce o per sfondamenti al centro. Bello vero? Certo, ma solo se lo guardiamo con gli occhi dell'attaccante! In pratica la difesa di UEFA è messa lì per fare scena: rappresenta il sogno di ogni punta. I terzini sembrano assolutamente incapaci di prevedere le mosse di un avversario e lo lasciano regolarmente libero: il testa a testa poi si risolve quasi sempre con un giocatore lanciato verso il portiere o con un fallo a favore dell'attaccante. Tanto per completare l'opera si riesce tranquillamente a trasformare in una rete circa l'80% dei calci di punizione che ci vengono assegnati!

Naturalmente questa manna per l'attacco si ripete identica quando siamo noi a subire: l'attacco mostra una notevole IA, la difesa sembra non avere mai giocato a calcio. Completa il quadro il fatto che lo stesso difensore controllato dal giocatore umano, oltre a non poter controllare tutto da solo, si rivela decisamente falloso negli interventi sugli attaccanti. Quest'ultimo problema si spiega con il fatto che non è per niente semplice intervenire in maniera non fallosa... la cosa singolare è che tale difficoltà sussiste sia per noi che la PSX

In pratica si assistono a partite dai punteggi elevatissimi e si ha la sensazione di non poter in alcun modo fermare gli attaccanti... così come si ha la sensazione che i nostri attaccanti siano inarrestabili. E non è che questo cambi molto in multiplayer (sempre che i due giocatori siano ugualmente abili)

Nel complesso il gioco è un po' troppo facile e, anche al livello di difficoltà più elevato, si riesce di solito a prevalere sui Team controllati dalla PlayStation senza dover sudare troppo; la grossa differenza tra le due squadre le fanno i calci piazzati, che noi siamo in grado di sfruttare al meglio, mentre la Play non ci riesce

Ok, è possibile eliminare la componente "punizioni" dal gioco modificando i parametri dell'arbitro, ma non ci pare assolutamente una soluzione alla debolezza delle difese. E' possibile anche impostare il tiro in modo che sia "non assistito"... in pratica il giocatore tirerà solo nella direzione in cui è rivolto e diventa molto più difficile inquadrare la porta in maniera costruttiva... E' indubbiamente una soluzione che allunga la longevità del titolo, ma è una soluzione assolutamente artificiosa!

Probabilmente nel corso della recensione vi ho fatto capire che la pochezza delle difese ha rappresentato per me un autentico trauma. E' proprio così! Il gioco non sarebbe male se non fosse così assurdamente facile fare goal e così assurdamente impossibile bloccare l'attacco avversario! Non hanno un gran che senso le strategie difensive visto che l'attacco si comporta veramente bene e la difesa assolutamente male. Pochi difetti ma buoni! Era un buon gioco ed è stato rovinato da un errata impostazione di tutta la parte difensiva... vista la cura dedicata al resto del gioco riteniamo che questo non sia stato un errore ma una scelta ponderata. Sembra che, nonostante i programmatori siano inglesi, abbiano prelevato dagli USA l'erronea concezione "tanti gol uguale tanto spettacolo". Così non è e alla lunga diviene noioso giocare una partita di calcio in queste condizioni. Seppure in assoluto questo sia un gioco che gode di alcuni indiscutibili pregi, nel caso particolare non ha assolutamente senso comperarlo se si ha già in mano Fifa 2000 che, nel suo essere arcade, è migliore in tutto e per tutto.