Recensione The Sims: Pet Stories

Avete dato da mangiare al gatto e siete distesi comodamente sul divano? E i poveri sim-animali?! Forza, all'opera!

di Attilio Alvino
The Sims Pet Stories nasce come primogenito di una nuova linea di titoli chiamata The Sims Stories che usciranno sul mercato a breve distanza l'uno dall'altro. La grande innovazione di questi prodotti risiede proprio, come ci suggerisce il titolo, nell'introduzione di una nuova modalità di gioco, la storia appunto, in cui il giocatore dovrà sia occuparsi genericamente del sim, che raggiungere un obiettivo finale con l'aiuto dei loro fedeli amici a quattro zampe. All'inizio del gioco possiamo scegliere solo un plot: "N° 1 della mostra", proseguendo nel quale sbloccheremo nuovi personaggi e storie come "Festa in maschera". Appena avviata la storia, saremo catapultati in una sim-realtà in cui non solo la vostra volontà sarà padrona ma dove un'esigenza di "trama" ci indicherà alcune azioni o scelte utili al prosieguo del gioco. La storia si divide in capitoli ognuno dei quali può essere superato solo riuscendo a raggiungere alcuni obiettivi. Quando l'obiettivo sarà raggiunto ne verrà visualizzato uno nuovo oppure una clessidra indicherà che in quel determinato momento il sim non ha un desiderio particolarmente importante da dover soddisfare. Alla fine di ogni capitolo il nostro personaggio riceverà un regalo utile o di valore che potremo usare o collezionare nell'apposito pannello dei premi. Avremo inoltre la possibilità di importare i suddetti premi nel gioco libero e adoperarli anche lì.

Sim che vince non si cambia!

Il game play rispetta la struttura vincente dei titoli precendenti. La console di comando in basso a sinistra è immediata e facilmente gestibile. Per gli utenti neofiti della serie è poi inserita una guida interattiva che step by step spiegherà i fondamenti del gioco. I bisogni elementari e primari dei nostri amici poligonali sono rimasti gli stessi dello storico capostipite e cioè: igiene, vescica, ambiente, fame, stanchezza, confort, divertimento. Attraverso le nostre scelte vedremo aumentare o diminuire questi bisogni e di conseguenza noteremo salire o scendere la barra della felicità. Il livello di felicità influirà, come sempre, sulle reazioni dei sims e sul rapporto con gli altri. Interessante è poi consultare la "simiologia" vera e propria bibbia del sim in questione corredata da albero genealogico, biografia, carattere e aspirazioni personali. Tutte queste caratteristiche intrinseche del personaggio concorreranno a produrre bisogni in linea con le aspettative dello stesso. Vedremo quindi un sim pigro raggiungere e tuffarsi sul divano o sul letto più vicino in ogni ritaglio di tempo oppure un sim ambizioso aspirare ad un lavoro redditizio e di responsabilità. Ma è tutto qui? Un gioco uguale ai precedenti nella modalità libera? Non proprio e contiamo di chiarire il dilemma nel prossimo paragrafo.

Lo psico-sim e la pet terapy

Giocando un po' al titolo della EA e Maxis abbiamo senz'altro notato la decisa volontà da parte dei produttori di dedicare ancora maggiore attenzione al contesto sociale, economico e psicologico del sim e del proprio animale domestico. Le priorità fisiche saranno espletate dai nostri pixelosi amici in maniera quasi del tutto indipendente, senza che quindi ci si debba preoccupare che un mancato indirizzamento al bagno possa causare una situazione molto spiacevole. Tenere il nostro sim in buona salute ed in armonia con l'ambiente domestico non basterà per innalzare di molto la qualità della sua "vita" ma avremo bisogno, come nel mondo reale, che esso trovi soddisfazione nello stringere rapporti duraturi di amicizia o di amore. La presenza di un piccolo compagno di vita, come un animale domestico, sarà spesso fondamentale per il sim e il desiderio di conquistare il suo affetto e la sua fiducia si riveleranno bisogni primari. La comparsa frequente di balloon sopra la testa dei sims ci aiuterà a capire i loro "pensieri", il loro umore. Per meglio chiarire il livello di importanza della socialità basterà guardare la console interattiva di gioco e scorgere una barra accanto a quella classica della felicità in cui i diversi livelli suggeriscono i vari gradi di importanza sociale.

Più il sim è inserito nella comunità più avrà influenza sugli altri. Solo raggiungendo un altissimo livello di influenza potremo aspirare alla massima felicità e conquistare l'"umore di platino", bonus in game che cambia l'inerzia del gioco verso un maggiore benessere totale del sim. Ruolo centrale nel contesto familiare hanno gli animali domestici in grado di suggellare tutti i rapporti importanti dei loro padroni. Certo spesso dovremo sgridarli dopo le loro piccole magagne, ma il loro affetto e il loro aiuto, soprattutto per ciò che concerne la modalità storia, sarà essenziale. Accanto al taglio psicologico del titolo comunque non mancheremo mai di dover soddisfare parecchi "sfizi" giocosi ed allegri dei personaggi che vorranno magari giocare ai pirati nella vasca da bagno oppure ci "chiederanno" di aiutarli a convincere un'avvenente sim-fanciulla a stringere con il vostro personaggio rapporti, diciamo, un po' più stretti.(gioioso intrattenimento che è definito "ficky ficky"). Ah, i desideri possono anche mutare o svanire: del resto chi non ha mai cambiato idea?

Sim-patici da vedere

Passando all'aspetto grafico, che incide solo marginalmente in giochi di questa categoria, non possiamo esimerci da riconoscerne l'eccellenza: il titolo presenta, a patto di avere un hardware di medio/alto livello, una qualità di texture altissima. Le caratteristiche fisiche dei sims sono armoniosamente dirette da un motore grafico molto fluido, privo di sbavature e frizioni benché la mole di calcolo sia davvero elevata. Durante la creazione di un personaggio o di un animale domestico ci siamo divertiti a creare somiglianze estreme tra loro e il poter riconoscere in game i sims solo guardandoli ci ha piacevolmente colpito. Il puntatore di gioco è preciso e l'interazione tra i personaggi e l'ambiente risulta quindi perfetta, puntuale.

Storia nella storia: ridondanza inutile?

The Sims Pet Stories presenta al popolo videoludico una essenziale novità che forse potrà non piacere ai puristi del genere: vedere i capitoli scorrere sullo schermo una volta raggiunto uno step intermedio potrebbe far storcere il naso a chi ha sempre gradito in questi titoli l'assoluta libertà di azione, la totale padronanza di sé e della sim-famiglia. A nostro avviso questo nuovo taglio colma il vuoto automatico del "e adesso che faccio?" che ci assale quando siamo riusciti a regalare ai nostri sim-amici tutto ciò di cui hanno e, forse, abbiamo bisogno. Una storia nella storia che può rendere vivace ancor di più una già pregnante esperienza videoludica.

9
Il nuovo titolo della Electronic Arts ripropone il consolidato gameplay dei suoi famigerati predecessori. Come sempre verremo coinvolti in una esperienza videoludica totale. La nuova modalità regala a chi predilige il plot "devi fare questo" la possibilità di divertirsi e godere nel raggiungere un obiettivo. Una grafica eccellente e un sistema tecnico praticamente perfetto rendono questo titolo un must degli amanti della serie.