Recensione Stunt GP

di Tiscali News
I giocatori di vecchia data sicuramente conosceranno Team 17, gli autori di alcuni tra i più divertenti videogiochi mai prodotti fra cui ricordiamo Project X, Alien Breed, SuperFrog, o i più recenti titoli della fortunata serie Worms. L'ironia che da sempre caratterizza i giochi di Team 17 si sposa perfettamente col tema del loro ultimo titolo, Stunt GP, una corsa con macchine radiocomandate su circuiti assurdi pieni di insidie

NON SI VIVE DI SOLI VERMI

Le modalità di gioco che potremo affrontare sono divise in Arcade, Esibizione, Sfida sul tempo, Sfida acrobatica e Campionato. Nella modalità Arcade dovremo affrontare quattro prove. Nella prima pista per passare di livello dovremo piazzarci almeno al quarto posto, nella seconda al terzo posto, e per finire la quarta prova saremo costretti a vincere. Ogni volta che vinceremo si sbloccheranno i vari bonus che potranno essere o piste oppure auto nuove. Molto più articolata è la modalità campionato. All'inizio potremo scegliere fra un numero ridotto di vetture, divise per categoria, ognuna con un suo prezzo. Avremo a disposizione una somma di denaro che ci concederà il nostro sponsor e di conseguenza potremo fare i nostri primi acquisti. Le vetture saranno caratterizzate secondo tre parametri: anzitutto l'Aderenza

Maggiore sarà l'aderenza migliore sarà il comportamento in curva e si potranno evitare rovinose uscite di pista. Il secondo parametro è chiamato Stunt: durante i salti, premendo il pulsante apposito potremo effettuare decine di acrobazie e giravolte che ci permetteranno di guadagnare punti che a fine gara si trasformeranno in soldi. Il terzo parametro è l'Energia: le macchine radiocomandate per muoversi devono consumare energia prodotta dalle loro batterie; possiamo consumare più energia attivando la modalità turbo, che ci permetterà però di correre per qualche secondo più velocemente. Qui entra in gioco la componente strategica di Stunt GP. A seconda del tipo di macchina che avremo in dotazione, potremo effettuare una gara più accorta cercando di sprecare la minor quantità di batterie possibile, oppure potremo andare alla massima velocità, ma avremo la necessità di ricaricare le batterie più volte nell'arco di una gara

Il tempo di ricarica delle batterie non è elevato, ma già a un livello di difficoltà avanzato produce una perdita di secondi non indifferente. Attivando la modalità turbo si potranno inoltre effettuare salti ancora più lunghi, nei quali sarà possibile esibirsi in acrobazie più spericolate. Queste acrobazie non hanno solo lo scopo di farci divertire, ma hanno anche un'utilità pratica. Più difficoltose e spettacolari saranno, più ricariche gratis per le batterie otterremo. Nel caso dovessimo finire le batterie e il box per la ricarica si trovasse lontano ci verrà comunque data la possibilità di proseguire la gara a bassa andatura. Inutile dire che sarà molto meglio non arrivare mai a questa eventualità, altrimenti vincere la gara sarà molto molto difficile

MIGLIORIAMO LE NOSTRE MACCHININE

Si era poc'anzi accennato alla possibilità di guadagnare dei soldi. In base al nostro piazzamento a fine gara ci verrà data una diversa somma di denaro. Tutti questi soldi saranno utili per aggiornare e potenziare il nostro piccolo bolide: avremo a disposizione un catalogo completissimo con tantissimi pezzi, per cui ci verrà data l'opportunità di cambiare il tipo di gomme per ottenere una aderenza maggiore, di cambiare il tipo di batteria per avere un consumo di energia minore, oppure di agire sul cambio, sul motore e cosi via. Il comportamento della vettura ovviamente risente delle modifice, ed è così possibile migliorare la parte che interessa in relazione al tipo di guida adottato. Non solo potremo aggiornare la nostra automobile, ma potremo addirittura sostituirla nell'arco del campionato, che è composto addirittura da venti gare

In questo modo le gare finali saranno affrontate con vetture più potenti che permetteranno di combattere per il primo posto. Per ogni componente da aggiornare ci saranno vari modelli, e via via che si sceglieranno i modelli migliori i prezzi aumenteranno sensibilmente. Durante il campionato dovremo affrontare delle prove bonus consistenti nell'effettuare più acrobazie possibili nel tempo a disposizione. Tutti i punti conquistati, o aeromiglia, andranno a rimpinguare il nostro portafoglio virtuale. A fine campionato, poi, si sbloccheranno dei circuiti e alcune auto: impossibile non citare, fra di esse, la vettura bonus Wormsmobile, guidata da uno spassosissimo verme con un cappello di lana in testa che pende a ogni curva. In totale le vetture di Stunt GP sono sedici e si va da quelle velocissime disegnate sul modello di auto futuristiche, fino a semplici furgoni o bizzari elevatori. Da notare che tutte le vetture hanno un "rombo del motore" e un comportamento su pista diverso

NIENTE EFFETTI SPECIALI

Le altre modalità di gioco disponibili sono la classica corsa contro il tempo per realizzare il giro record, la modalità esibizione che consiste nell'allenarsi nel circuito che si vuole con la macchina preferita, e la modalità acrobatica che si svolge su una piccola pista dove saremo chiamati a effettuare ogni tipo di manovre spericolate. Dal punto di vista grafico Stunt GP si difende egregiamente, anche se non fa sfoggio di nessuna tecnica all'avanguardia o di particolari effetti grafici. Le macchinine sono ben realizzate, ma non dispongono di un gran numero di poligoni e di nessun riflesso, segno che i programmatori hanno maggiormente concentrato i loro sforzi al fine di ottenere un gioco divertente senza fronzoli. Gli scenari di Stunt GP sono tanti, le piste sono altamente spettacolari e presentano ogni tipo di diavoleria per rendere difficile (e più divertente) la vita del giocatore. Sono presenti salite ripidissime, curve cieche, dossi, discese in picchiata, tornantoni, incroci pericolosi e molto altro ancora

Sono inoltre presenti vari tipi di superfici, asfaltate sterrate e sabbiose che influiscono pesantemente sulla tenuta di strada. Dal punto di vista del gameplay, Stunt GP è estremamente divertente. Coraggiosa e azzeccata è la scelta di non implementare nessun tipo di power-up come bombe, raggi laser e cose simili, e di puntare tutto sulla pura e semplice guida del mezzo. L'intelligenza artificiale è più che buona: i nostri avversari faranno di tutto per buttarci fuori strada dando delle sonore sportellate a ogni curva, e la difficoltà è nel complesso ben calibrata. Tutto questo, unito a un comparto sonoro di buona fattura con delle musiche rockeggianti come sottofondo fanno di Stunt GP un buon titolo, consigliato per ogni appassionato di arcade automobilistici. La curva di apprendimento è cortissima: basteranno pochi giri per avere ampia padronanza del mezzo, mentre per poter arrivare primi nel campionato ai livelli di difficoltà più elevati occorre conoscere bene i circuiti per evitare di uscire di pista o di "cappottare"

Infatti, in questo casi la macchina ripartirà da ferma e impiegherà un po' di tempo prima di raggiungere una buona velocità e di conseguenza saremo facilmente sorpassati dai nostri accaniti avversari.

6
Il nuovo gioco Team 17 se da un lato convince per le sue ottime qualità e per il divertimento che offre, dall'altro lato mette in risalto una certa carenza dal punto di vista tecnico. La grafica è carina, ma nulla di più e non sono presenti effetti speciali di nessun tipo. Perfino Re-Volt, di cui Stunt GP è diretto concorrente, offriva una grafica migliore anche se è passato più di un anno dal suo rilascio. La longevità è ottima grazie al numero altissimo di piste e macchine, e la modalità multiplayer in split screen è divertente, ma qualcosa di più dai creatori di Worms ce lo saremmo certamente aspettati. In conclusione ottimo titolo, sopratutto per chi bada più alla sostanza che all'aspetto estetico.